Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 gennaio 2015 1 26 /01 /gennaio /2015 06:52
La partenza della Marcialonga di Fiemme e Fassa 2015, con oltre 7000 marcialonghisti

La partenza della Marcialonga di Fiemme e Fassa 2015, con oltre 7000 marcialonghisti

Il norvegese Gjerdalen ha vinto la 42^ edizione della Marcialonga di Fiemme e Fassa. E sono solo norvegesi a salire sul podio maschile: Anders Aukland 2° e Øystein Pettersen 3°.
L’austriaca Katerina Smutna prima fra le donne davanti a Kveli (NOR) e Boner (SUI). Di Centa miglior italiano (26°); la Marcialonga Light viene vinta da Orlandi e Pellegrini

Il norvegese Tord Asle Gjerdalen e l’austriaca Katerina Smutna hanno vinto oggi la 42.a edizione della Marcialonga di Fiemme e Fassa (TN), al termine di una gara veloce e incerta sino al traguardo di Viale Mendini a Cavalese. Il podio della gara maschile è stato monopolizzato dai norvegesi con Anders Aukland secondo e Øystein Pettersen terzo, mentre alle spalle della Smutna si sono piazzate la norvegese Laila Kveli e l’elvetica Seraina Boner.
Il 42° capitolo del grande evento targato Marcialonga è andato in scena oggi in Trentino e lungo i binari della pista che attraversa le Valli di Fiemme e Fassa non è certo mancato lo spettacolo. Il sole ha accompagnato 7000 bisonti (dei 7800 iscritti) dallo start di Mazzin al traguardo di Cavalese con il pubblico ad acclamare top-skiers e granfondisti impegnati nei 57 km di gara. La 42.a Marcialonga è scattata alle 9.00 e, all’ombra delle maestose Dolomiti di Fassa, i fondisti hanno subito cominciato a spingere verso Canazei, dove terminava il primo tratto in salita della gara con uno scenografico passaggio nel centro storico fassano.
Al passaggio da Canazei il gruppo dei big era forte di un centinaio di unità con i vari Dahl, Aukland, Gjerdalen, Pettersen, Eliassen, Ahrlin, Brink, Svärd e Impola a marcarsi stretti ed i nostri Di Centa, Debertolis e Rastelli presenti lì davanti. La gara poi è filata veloce in direzione Moena e sulla salitella fra Vigo di Fassa e Soraga il norvegese Nygaard ha preso in mano la situazione forzando il ritmo e proseguendo in testa al gruppo anche al passaggio da Moena, dove davanti erano rimasti circa in 30.

La gara è entrata in Val di Fiemme ma il copione è rimasto uguale, con Nygaard sempre a condurre anche al traguardo volante di Predazzo e al passaggio dentro lo stadio di Lago di Tesero, facendo la “lepre” per i quotati compagni di squadra del Team Santander come gli Aukland e Gjerdalen.
Il ritmo era molto elevato e, a 15 km dall’arrivo, hanno cominciato a prendere in mano la situazione in prima persona i fratelli Anders e Jörgen Aukland con Pettersen, Berdal, Gjerdalen e il “solito” Nygaard subito a tallonarli nelle prime posizioni del gruppo che proseguiva deciso verso Molina di Fiemme. La gara è poi letteralmente esplosa ai piedi della salita di Cascata quando Øystein Pettersen è balzato al comando imponendo un ritmo indiavolato ai 3 km dal traguardo. Alle sue spalle gli Aukland, due “vecchie volpi” della Marcialonga, hanno lasciato sfogare Pettersen che ha attaccato l’erta finale con un margine di 5-6’’ sui primi inseguitori, i due Aukland, Gjerdalen, Berdal e lo svedese Eriksson. A metà salita, però, a Pettersen cominciavano a mancare le energie e da dietro Anders Aukland e Gjerdalen continuavano a recuperare metri al battistrada per poi raggiungerlo a soli 600 metri dall’arrivo, con un finale davvero al cardiopalma ed il pubblico di Cavalese a sostenere i primi tre.
Aukland sembrava determinato a cogliere un altro successo alla Marcialonga dopo gli acuti del 2004 e del 2008, ma a 300 metri dal traguardo è arrivata la zampata di Tord Asle Gjerdalen che ha sorpassato il compagno di squadra per presentarsi, con i suoi immancabili Ray Ban, per primo sulla finish-line di Viale Mendini dopo 2h 05’ 15’’ dallo start di Mazzin. Gjerdalen è arrivato a tutta velocità sul rettilineo d’arrivo tanto che, mentre veniva “incoronato” vincitore dalla Soreghina Giulia Pastore e dal presidente di Marcialonga Angelo Corradini, la corona d’alloro gli ha rotto gli amati occhiali facendogli tagliare il traguardo con il naso insanguinato. Alle sue spalle, intanto, proseguiva la festa norvegese con il podio completato da Anders Aukland secondo e da Pettersen, terzo.
La gara femminile invece ha visto continui cambiamenti di fronte sin dai primi chilometri. Katerina Smutna, ex nazionale di fondo ceca ma ora naturalizzata austriaca, ha preso in mano la situazione e si è presentata in testa a Canazei davanti alla svedese Johansson Norgren e alla norvegese Kveli, con la vincitrice delle edizioni 2011-2013 Seraina Boner più attardata.
Le carte si sono poi rimescolate e allo sprint intermedio di Predazzo si sono presentate in testa di nuovo Johansson Norgren e Smutna, ma alle loro spalle recuperava la Boner che completava il suo inseguimento prima della salita finale di Cascata, dove le prime tre sono giunte assieme. Sull’ultima ascesa la Smutna ha portato l’attacco decisivo presentandosi in trionfo a Cavalese con un vantaggio di 10’’ sulla norvegese Kveli, seconda, e di 12’’ sull’elvetica Boner, terza.
Il miglior italiano sul traguardo è stato Giorgio Di Centa, 26°, che ha faticato non poco a tenere il ritmo degli specialisti delle lunghe distanze, ma si è ben disimpegnato in una gara come quella odierna cui non è certo abituato. Anche in campo femminile il miglior piazzamento è stato il 26° posto di Carolina Tiraboschi.
A Predazzo, come di consueto, si è chiusa anche la Marcialonga Light di 33 km dove hanno vinto il trentino Luca Orlandi e la bellunese Sara Pellegrini, entrambi delle FFOO.
La Marcialonga era prova dei circuiti Swix Ski Classics e FIS Marathon Cup. Con il risultato odierno, Katerina Smutna e Anders Aukland hanno ricevuto il pettorale giallo di leader dello Swix Ski Classics.
La pista ha tenuto bene al passaggio dei 7.000 marcialonghisti e si è dimostrata veloce e scorrevole, tanto che l’ultimo concorrente è arrivato in ampio anticipo sulle previsioni (18.30).
La gara è stata trasmessa in diretta da Rai Sport 2 con un lungo collegamento cominciato alle 7.50, una meritata vetrina per il comitato organizzatore che, come sempre, ha lavorato in maniera impeccabile per allestire la regina delle ski-marathon italiane e fra le più apprezzate a livello internazionale. Le immagini della Marcialonga sono state anche diffuse “live” in Norvegia (TV2), Svezia (SVT), Finlandia (YLE), Repubblica Ceca, Danimarca, Russia, Grecia e Paesi Baltici, con highlights trasmessi anche da 25 altri broadcaster internazionali. A mezzanotte, sempre su Rai Sport 2, è prevista la replica integrale della gara, mentre Eurosport martedì sera dedicherà alla Marcialonga una sintesi di un’ora.
Al mattino si è disputata anche la Marcialonga Young: nella categoria Allievi si sono imposti Stefano Dellagiacoma (Usd Cermis) e Nicole Monsorno (Us Lavazé Varena), fra gli Aspiranti Antonio Facchin (Pol. Sovramonte) e Eleonora Prigol (Pol Sovramonte), mentre fra gli Junior hanno vinto Caterina Ganz (FFOO) e Paolo Ventura (FFGG).


CLASSIFICHE
Maschile 57 km
1. GJERDALEN Tord Asle NOR 2:05.15,8; 2. AUKLAND Anders NOR 2:05.18,4; 3. PETTERSEN Oeystein NOR 2:05.21,7; 4. ERIKSSON Jens SWE 2:05.24,5; 5. BERDAL Tore Bjoerseth NOR 2:05.34,3; 6. NOVAK Petr CZE 2:05.39,4; 7. ELIASSEN Petter NOR 2:05.41,6; 8. AUKLAND Joergen NOR 2:05.47,8; 9. HOELGAARD Stian NOR 2:05.52,2; 10. AHRLIN Jerry SWE 2:05.55,2
Femminile 57 km
1. SMUTNA Katerina AUT 2:20.32,3; 2. KVELI Laila NOR 2:20.42,2; 3. BONER Seraina SUI 2:20.44,5; 4. MELINA Viktoria RUS 2:21.16,2; 5. JOHANSSON NORGREN Britta SWE 2:22.13,3; 6. ISHIDA Masako JPN 2:23.47,9; 7. KORSGREN Lina SWE 2:24.23,0; 8. LOEFSTROEM Annika SWE 2:25.36,7; 9. DABUDYK Aurelie FRA 2:26.51,3; 10. BOUDIKOVA Adela CZE 2:28.28,0

Maschile Light 33 km
1. ORLANDI Luca ITA 1:07.58,9; 2. BARANNIKOV Aleksey RUS 1:12.27,2; 3. TORESEN Jens Petter NOR 1:15.25,6; 4. BIANCHINI Alessandro ITA 1:26.28,5; 5. MOLLY Olivier ITA 1:33.41,8; 6. D'AGOSTINI Giacomo ITA 1:35.01,4; 7. BERNARDI Marco ITA 1:35.58,1; 8. COMITTI Luca ITA 1:38.37,8; 9. RIPAMONTI Simone ITA 1:42.16,1; 10. SKANTZE Fred SWE 1:43.25,9

Femminile Light 33 km
1. PELLEGRINI Sara ITA 1:16.04,5; 2. GIANOLA Elisa ITA 1:30.34,3; 3. COLNAGHI CALISSONI Laura ITA 1:33.44,2; 4. BRATLIE Ida NOR 1:34.12,5; 5. POLAKOVA KALALOVA Tereza CZE 1:34.37,9; 6. DA ROS Alessandra ITA 1:34.56,2; 7. OSTBERG Karin SWE 1:43.36,9; 8. D'AGOSTINI Arianna ITA 1:48.08,7; 9. SIVERTSSON Irene SWE 1:49.59,9; 10. BOSIN Deborah ITA 1:50.23,5

 

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche