Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
17 gennaio 2015 6 17 /01 /gennaio /2015 07:40
Running for their lives. La storia appassionante di Arthur Newton e di Peter Gavuzzi, due pietre miliari nella storia delle ultramaratone

(Maurizio Crispi) Il volume di Mark Whitaker, "Running for their lives. The extraordinary story of Britain's greatest ever distances runners" (Yellow Jersey Press, London, 2012) traccia la storia di due straordinari personaggi che scrissero pagine memorabili nella storia delle ultramaratone, proprio nel periodo in cui dopo l'avvio degli sport olimpici, le ultramaratone caddero in declino perché considerate delle discipline non "pure", in quanto spesso (ma non esclusivamente), frequentate da podisti che, per affrontare delle sfide particolarmente ardue, accettavano (o andavano alla ricerca) di premi in denaro, spesso al di fuori del contesto di gare nel senso che noi attribuiamo oggi a questo termine e frequentemente in solitaria. 
I due personaggi di cui Whitaker ci racconta sono Arthur Newton e Peter Gavuzzi, di origini diverse, di cultura diversa, con stili personali profondamente differenti (Arthur Newton, uomo elegante nello stile upper class, mentre Gavuzzi decisamente di origini proletario; britannico Newton e di origini latine (franco-italiane) il secondo; alto e dal portamento elegante l'uno, basso e tarchiato l'altro), ma legati sin dal loro primo incontro da una profonda stima reciproca e da un intenso sentimento di amicizia (per quanto, a lungo, dopo la loro prima conoscenza alla prima edizione della America Foot Race, a lungo Gavuzzi continuò a rivolgersi a Newton, con l'appellativo di "Mister"). 
I due compirono straordinarie imprese sportive, tra le quali la partecipazione alle prime due edizioni della "Foot Race Across America" (rispettivamente nel 1928 e nel 1929).
Arrivarono alla prima edizione di quella che poi venne definito il "Bunyons' Derby") con motivazioni diverse: Newton venne direttamente invitato alla partecipazione dall'impresario Charles C. Pyle che organizzava la corsa con intenti spettacolari e lucrativi (ma le cose sotto questo profilo non andarono del tutto secondo le attese), in quanto già detentore dei record mondiali sulle principali distanze riconosciute di ultramaratoa, mentre il secondo ci arrivò attirato dal grosso premio in denaro offerto al primo classificato (e in subordine al secondo e al terzo, in misura ovviamente minore).
Gavuzzi completò entrambe le due Trans-America cui partecipò, mentre Newton in entrambe le gare fu costretto al ritiro, per giocare per il resto del tempo il ruolo di consulente tecnico della corsa e di supporto qualificato agli atleti rimasti in lizza.
I due, dopo il loro incontro, decisero di fare impresa comune e di trarre dal loro talento per la corsa di che vivere.
Il libro, scaturente da ricerche accurate e dalla meditata consultazione della bibliografia esistente al riguardo, oltre che dalla lettura di preziose fonti, rimaste inedite - come i taccuini di appunti personali stilati da Peter Gavuzzi nel corso degli anni - è costruito in maniera eccellente.
I primi capitoli sono dedicati ad analizzare i percorsi differenti seguiti dai due atleti sino al momento cruciale della loro conoscenza.
Segue un capitolo interamente dedicato alla 2^ edizione della Trans-America, che rappresentò l'esordio della loro impresa congiunta: qui Newton fu costretto al ritiro dopo essere stato investito da un automobile durante la sua corsa, mentre Gavuzzi - dopo essere stato il leader della corsa nelle ultime tappe e avendo acquisito un vantaggio di una decina di ore sul secondo in classifica - per volontà di Pyle (trasmessagli da Newton) dovette rallentare per mantenere viva la tensione agonistica e accrescere la curiosità del pubblico, sulla cui preenza numerosa Pyle contava per accrescere i suoi guadagni. E poi nell'ultima tappa, per un disguido voluto, si fece in modo che la Trans-America se la aggiudicasse sul filo del rasoio proprio il secondo in classifica.
Trappole dello sport utilizzato come intrattenimento e come spettacolo lucrativo: un'argomentazione a favore di coloro che hanno successivamente fomentato l'idea che le ultramaratone, a differenza della purezza della maratona olimpica fossero soltanto un fenomeno da baraccone.
Poi, si parla della loro parentesi statunitense e canadese, dopo la fine della Trans-America, quando la maggior parte dei finisher in zona premiazioni (e titolati a spartire il ricco monte.premi che era stato promesso da Pyle, andato nel frattempo in bancarotta) vollero rimanere nelle "vicinanze" nella speranza di riscuotere delle somme di denaro che avrebbero potuto cambiare le loro vite (e ricordiamo che siamo nei pressi del grande crack economico del 1929).
Specialmente in Canada la cooperazione sportiva di Newton e Gavuzzi si approfondì e, qui, parteciparono a numerosi eventi ed altri li organizzarono essi stessi, tramutandosi in "impresari": e fu la la volta delle gare podistiche sulle racchette da neve e delle spettacolari "500 miglia Relay" nelle quali agirono sempre in coppia, dividendosi fatiche e guadagni.
Poi, si separarono: Newton rientrò in Inghilterra, desideroso di tentare di migliorare il record della 100 miglia su di un percorso certificato (allora, soprattutto per le ultradistanze, gli atleti venivano appositament ein UK per tentare i loro record poiché le distanze venivano più accuratamente misurate e i risultati ottenuti di conseguenza non sarebbero stati  messi in discussione), mentre Gavuzzi rimase in Canada e qui, per un breve arco di tempo, ebbe fortuna allenando dei Canadesi che si distinsero nella ardua Maratona di Boston: e, infine, rientrò in Francia dove trascorse gran parte del resto della sua vita.
I due rimasero in contatto epistolare: Newton scriveva all'amico e compagno di imprese, tenendolo aggiornato sugli eventi sportivi e invitandolo a volte a raggiungerlo in UK.
Gavuzzi, in qualche misura, ebbe minore fortuna, anche perchè la sua vita venne scossa dagli eventi del II conflitto mondiale e dalla sua lunga permanenza in un campo di prigionia tedesco.
Newton, invece, pur continuando la sua pratica giornaliera della corsa (in applicazione dei suoi principi di igiene del corpo e delle strategie di allenamento) sino ad un'età avanzata, non gareggiò più, ma si mantenne comunque dentro la dimensione del correre sia pure da outsider. per quanto di eccellenza.
Se da un lato, diede un contributo alle principali e più popolari riviste di atletica, non senza toni polemici, per i motivi che verranno accennati sotto, fu soprattutto per atleti emergenti che si affacciavano al mondo delle ultramaratone con l'animosità giovanile di volerne scrivere nuove pagine memorabili, un punto di riferimento e un vero e proprio guru, con una processione ininterrotta di atleti che dalle più diverse nazioni del Commonwealth approdavano al suo cottage di Ruislip (nei pressi di Londra) per ricevere consigli ed essere direttamente allenati da lui.
Vedi anche questo articolo che tratta di alcune sue teorie (semplici e dirette) in merito all'allenamento in vista di una ultramaratona: 
Running History: Arthur Newton on Pacing in Training vs. Races (1935)
Negli anni successivi Gavuzzi e Newton si incontrarono.
Gli ultimi capitoli sono dedicati a trattare separatamente le fasi finali della vita di Arthur Newton e di Peter Gavuzzi.
Arthur Newton, morendo, lasciò a Peter Gavuzzi che gli sopravviveva (tra i due vi era una differenza di età di circa 15 anni) il proprio personale volume di ritagli (scrapbook) con tutte le foto e gli articoli giornalistici riguardanti le loro impree comuni: un dono commovente, perchè soltanto Peter Gavuzzi avrebbe potuto comprenderne il valore prezioso.
Come curiosità, Arthur Newton che cominciò a correre relativamente tardi nella sua vita (quando aveva già compiuto 38 anni), nel periodo compreso tra il 1922 e il 1935, percorse - come risulta dalle sue scrupolose annotazioni giornaliere - 102.733 km che alcuni considerano la "marcia di protesta" più lunga che sia mai stata fatta, poichè, nella sua motivazione iniziale, Newton ambiva a raggiungere dei livelli di eccellenza e di notorietà tali che gli consentissero di denunciare pubblicamente le ingiustizie di cui era stato vittima come farmer da parte del governo sudafricano (allora prevalentemente afrikaner) con la possibilità di essere ascoltato.
Ma poi le circostanze della vita lo portarono altrove e il senso della motivazione iniziale si perse e fin^ con il diluirsi, rimanendo tuttavia la corsa come ragione di vita.

Uno dei paragrafi del capitolo deidcato agli anni inglesi di Arthur Newton tratta delle sue "teorie"  - acuisite con la sua esperienza di autodidatta -in merito all'allenamento per le ultradistanze, teorie che peraltro egli stesso sistematizzò in due brevi volumetti, oggi introvabili e che, assiduamente, egli cercava di travasare con i necessari adattamenti agli atleti che si rivolgevano a lui per avere una guida efficace nelproprio allenamento.

Il volume di Whitaker é assolutamente da leggere per capire a fondo la storia delle ultramaratone nel corso del XX secolo e del motivo per cui le ultra di corsa vennero escluse in modo radicale dal consesso agonistico dominato dalle Federazioni nazionali di Atletica (e, alle loro spalle, dal CIO), relegandole a residuo di quelli che nell'Ottocento venivano chiamati "sport pedestri". 
Arthur Newton dopo aver scritto alcune splendide pagine sportive e ad aver conquistato i record britannici nelle maggiori distanze di ultramaratone, con i suoi scritti si accanì (lottando per una giusta causa) per cercare di chiarire quanto fosse vana e risibile la distinzione tra sport professionistici ed amatoriali, ma fu anche un "guru" non ufficiale per chiunque intendesse cimentarsi nell'allenamento finalizzato a correre un'ultramaratona, come Peter Gavuzzi del resto. 
E, negli ultimi anni che gli restarono da vivere, dopo che le riviste di atletica (dominate dal controllo quasi dittatoriale della federazione atletica inglese) gli preclusero la pubblicazione dei suoi articoli, la sua abitazione divenne meta di atleti che venivano a trovarlo anche da altri paesi del mondo per chiedergli consiglio e supervisione.
Purtroppo, manca una traduzione di questo interessantissimo testo in Italiano, ma la sua edizione in lingua originale é facilmente rintracciabile su Amazon.UK.
E' un libro di cui consiglio la lettura a tutti coloro che vogliano conoscere più a fondo la storia del movimento delle ultramaratone.
Ma per approfondire si può anche leggere il volume fondamentale (e lo é stato anche per Whitaker nella stesura del suo libro), Tea with Mr newton. 100.000 miles the longest protest march in history, di Rob Hadgraft (Desert Island books, 2009), pure reperibile su Amazon.

(Dalla quarta di copertina) In 1928 two extraordinary Englishmen competed in an unprecedented and fearsome event - a transcontinental road race across America that required them to run an average of 40 miles for 80 consecutive days. They were to become the most famous long-distance runners in the world: yet history has forgotten them.

Peter Gavuzzi was a young working-class ship's steward, while Arthur Newton was a middle-aged intellectual who had taken up running to make a political point. Though separated by class, education and age, they became close friends and formed a successful business partnership as endurance athletes. They raced in 500-mile relays, in 24-hour events, in snowshoes and against horses; and they became the stars of a craze for endurance events that swept across depression-era North America. But as professional runners they were eschewed by the amateur running elite.
Set against a turbulent backdrop of 1920s South Africa, 1930s Canada, war-torn France and 1950s Britain, Running for Their Lives is a story peopled with remarkable characters, unimaginable feats and tragic twists of fate. More importantly it is a homage to two inspirational and eccentric men who only now receive the recognition they so richly deserve.

 

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, Maratone e Dintorni (Maurizio Crispi) - in Letture e film Storia dellr ultramaratone Arthur Newton Peter Gavuzzi
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche