Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
27 marzo 2015 5 27 /03 /marzo /2015 23:01

Nino Valsesia, a 44 anni ha fatto il miglior tempo di dislivello positivo, passando dalla spiaggia cilena di Las Ventanas ai 6963 metri della vetta dell'Aconcagua in Argentina.

Insieme a lui il comico e runner Giovanni Storti (il Giovanni del trio con Aldo e Giacomo).

"Sono partito dai 37 gradi di Las Ventanas per arrivare a -15""

L'impresa è stata realizzata il 24 gennaio 2015.

Oltre i quattromila basta un filo di inquietudine per trasformare il ghiaccio nella Santa Inquisizione. Nico Valsesia non ha degnato nemmeno di uno sguardo i Penitentes, la processione di pinnacoli di neve scolpiti dal sole delle Ande, e ha continuato la sua ascesa. Era il pomeriggio del 23 gennaio e i turisti della spiaggia cilena di Las Ventanas, nei pressi di Viña del Mar, assistevano agli ultimi preparativi di un uomo in bicicletta. Dopo otto ore e oltre 200 chilometri Nico era ai 2900 metri di altezza di Los Horcones, Argentina. La notte e poi il giorno, il respiro sempre più affannoso e alle 15 e 41 di sabato 24 gennaio l’atleta piemontese raggiungeva il suo traguardo. Dal mare ai 6963 metri della vetta dell’Aconcagua in meno di un giorno, record mondiale di dislivello positivo.

“Non penso di avere fatto nulla di straordinario – esordisce Nico – Amo il Sud America, è una fortuna avere trovato le condizioni giuste per l’impresa a queste latitudini”. Nico Valsesia ha 44 anni e vive a Borgomanero, nel novarese, dove gestisce un negozio di biciclette. Nel tempo libero cerca dei limiti nel suo fisico e lavora per superarli. “In Argentina è andato tutto bene, a parte una leggera disidratazione nella parte finale. La sete rappresenta il problema più frequente per chi affronta l’Aconcagua assieme alla quota, che può causare edemi polmonari o cerebrali soprattutto se si accelerano i tempi. Altra questione è la temperatura: sono partito dai 37 gradi di Las Ventanas per arrivare a -15, che significa che a 7 mila metri ho trovato condizioni meteo strepitose. Sono partito leggero e a Los Horcones, dove ho lasciato la bici, mi sono vestito da salita, nello zaino avevo i vari strati di vestiti da indossare durante l’ascensione”.

Nico è stato aiutato da un grande lavoro di acclimatamento nei giorni precedenti e da un team che lo ha assistito in ogni istante. Una donna e sei uomini, tra loro in veste di “special motivator” il comico e runner Giovanni Storti, il Giovanni del trio con Aldo e Giacomo. “Avrei potuto fare un tempo inferiore, due giorni dopo il record sono tornato sulla vetta e ho impiegato meno tempo a compiere il percorso a piedi – spiega Nico per la nostra incredulità – La seconda volta il termometro segnava -30 e sentivo mani e piedi che iniziavano a congelarsi. Ero solo in cima e continuavo a camminare per provare a scaldarmi, ma volevo gustare le sensazioni che quel posto regala. A scendere non ci va molto, perché l’Aconcagua non è una montagna tecnicamente complicata”.

Secondo Nico Valsesia il record non è destinato a durare, o per lo meno la sfida è aperta. “Ci sono migliaia di persone al mondo che possono battere il mio tempo tranquillamente – afferma – Ma non c’è bisogno di prendere un aereo per provare grandi emozioni: io ho fatto bike+run da Genova alla cima del Monte Bianco ed è stata un’esperienza fantastica, senza dimenticare l’unicità di posti come il Rosa o il Cervino. Più difficile tentare avventure simili in Himalaya, perché il mare dista troppo”.

Oggi, come tutti gli altri giorni, il runner piemontese macinerà asfalto, per spuntare una nuova voce alla lista dei sogni realizzati. L’impegno, prima o poi, è coprire su due ruote in autonomia i 4 mila chilometri che separano Londra da Istanbul. “Pedalo, corro, scio. La mattina mi sveglio e decido cosa fare, per fortuna ho sempre voglia di allenarmi. Non uso cardiofrequenzimetri né gps, nulla. Se la prestazione arriva bene, altrimenti fa nulla”.

Ragionano così tutti o quasi gli atleti estremi. Marco Olmo, 66enne vincitore di numerose ultratrail, non tiene alcuna tabella e calcola gli sforzi in base alle ore, mai ai chilometri. “Conosco bene Marco – dice Valsesia – Lui, come me, corre per divertimento. Un professionista a 35 anni smette, quando invecchi devi dare retta solo alla tua testa perché gli obblighi non ti portano da nessuna parte”. La domanda, a questo punto, è sempre la stessa: ma chi te lo fa fare? “Talvolta, dopo sette giorni senza sonno, me lo chiedo. Poi alzo la testa e vedo la Monument Valley, o ancora meglio le sagome delle Ande, e ho la risposta: meno male che il fisico e gli sponsor me lo fanno fare, sono una persona fortunata”.
Lo aiuta un mantra, riportato sul suo sito nicovalsesia.com: “La fatica non esiste”. “Organizzo gare e quella frase è una battuta che feci a un concorrente che si lamentava per il tracciato troppo duro. Ma in fondo se ami ciò che fai è vero: la fatica non esiste”.

Dario Falcini (ilfattoquotidiano.it)

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (www.ilfattoquotidiano.it) - in Imprese e sport estremi "sostenibili"
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche