Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 aprile 2015 4 23 /04 /aprile /2015 06:31
Mamma, vorrei fare l'emerodromo (dal sito web della FIDAL)Mamma, vorrei fare l'emerodromo (dal sito web della FIDAL)

Ecco - tra storia e fantasia - il racconto di Giorgio Cimbrico (pubblicato sul sito web della FIDAL), nel quale - ma con un finale assolutamente inedito - viene raccontata l'avventurosa vicenda del leggendario soldato ateniese che, di corsa, portò in patria la notizia della vittoria della battaglia di Maratona, che - vogliamo ricoradare qui - prima ancora di essere "maratoneta" era un "emerodromo", cioè un soldato disciplinato a correre anche per cicli di 24 ore consecutive: questo per dire che, anche con il supporto di fonti storiche alternative a quelle ufficiali sull'origine della Maratona, Filippide compì tra la vigilia della famosa battaglia e suo aftermath un'impresa di corsa titanica e tanto più gloriosa.

Gli amanti della corsa di 24 ore e più sono dunque degli "emerodromi", a somiglianza di Fidippide.

(Giorgio Cimbrico) “Mamma, vorrei fare l’emerodromo”. “Ma caro, ci vogliono buone gambe e tu a volte non vuoi neanche andare al tempio per portare l’offerto ad Atene, nostra protettrice e patrona. E dire che è lì, a quattro stadi da casa nostra”.

“Hai ragione, sono un pigraccio, ma da quando ho parlato con Eucle, ho capito che fare l’emerodromo fa al caso mio: fichi del Peloponneso, miele di Tessaglia, formaggio di Chio, è quello che tocca. Mamma, ho diciotto anni, devo pensare al mio futuro. E poi, ci sarebbe anche qualcos’altro… Per gli emerodromi le ragazze stravedono. E quando l’ho accennato a Ictina, quella ha cominciato a farmi gli occhi dolci”.

“Fai tu, ormai sei adulto. Ma ricordo che quando ci provò Tirsi, quello che abita qua dietro, tornò a casa con le ciocche ai piedi e calli che lo facevano urlare. Ora vende verdura. Altro che emerodromo”.

“Ma io quello voglio fare, ho già cominciato ad allenarmi con Tersippo. E Eucle può metterci una buona parola: lui è già nell’esercito da tempo ed è stato proprio lui a dare una mano a Tersippo perché lo prendessero”.

“E va beh, prova. Al massimo finisci come Tirsi. Io comincio a metter via un po’ di olio di Locri da spalmarti sulle piante”. “L’olio di Locri è meglio sul pane. Comunque, domani comincio e così sarebbe bene che stasera mi tenga leggero. Cos’hai preparato?”. “Capra cotta nel suo grasso”. “Va be’, faccio uno strappo, ma è l’ultimo. E’ una di quelle capre di Amaroussi?”. “Eh, sì, quelle che alleva Falocio”. E Filippide si servì di un cosciotto e, già che c’era, anche di un po’ di frattaglie che gli piacevano tanto. Stava per cominciare la sua carriera di emerodromo, messaggero a piedi. La posta celere di quel tempo.

Inizio estate del 490 prima della nascita di Nostro Signore, venti di guerra. Arrivano i persiani di re Dario, tantissimi e minacciosissimi, e marciano verso l’Attica per mettere a posto i greci che si erano un po’ allargati sulle coste della Licia. Marciano e non solo: hanno anche una flotta pazzesca, sterminata. Gli ateniesi hanno bisogno di aiuto e quelli di Platea aderiscono, ma sono quattro gatti. Rimane da ingoiare un rospo e chiedere agli Spartani, la Ddr dell’epoca: tutti duri, tosti, allenati, un po’ fissati con quella che oggi chiamano la fitness. E così Milziade raduna lo stato maggiore.

“Con voi di Platea, arriviamo sui 10.000 uomini. Pochini. Callimaco, quanti sono i persiani?”. “C’è chi dice 30.000, c’è chi dice 50.000. E non sono lontani”. “Proviamo con gli Spartani, Aristide?”. “Proviamo, ma sono degli stronzi”. “Va be’, che siano degli stronzi è noto, ma tentare bisogna. Chiamatemi un emerodrono. L’ultimo arrivato mi sembra buono. Come si chiama?” “Filippide, Fidippide, una cosa del genere. Ma senti, Milziade, Sparta è lontana; se ne mandi uno o quello schiatta o ci mette un’epoca ad andare e tornare con la risposta”. “E allora?”. “Il ragazzo è stato reclutato dai due che avevamo già in forza, Eucle e Tersippo. Se si danno una mano, tagliamo i tempi”. “Non mi sembra mal pensata. Chiamali”.

E così partono in tre, con un piano. Uno si fermerà più o meno dopo due terzi di cammino, gli altri due andranno avanti, sino a Sparta e il meno stracco imboccherà un pezzo della strada di ritorno. Eucle, il veterano: “Filippide, sarai tu a tornare all’accampamento del nostro esercito: sei giovane, non conosci gli spartani che sono dei gran figli di cane, e sei anche un nostro amico e vogliamo che tu abbia il tuo momento: se la risposta sarà positiva e a portarla sarai tu, gli strateghi avranno una bella impressione”. “Eucle, Tersippo, siete come dei fratelli. Anzi, meglio dei fratelli. Vi devo una bevuta. Al ritorno, bianco per tutti”. “Sì, ma non quello che sa di resina. Mi fa schifo”. “Allora prenderemo una brocca di quello di Corinto”. “Andata”.

Giugno, il caldo comincia a picchiar duro. Per Sparta, sempre dritti a sud ovest: il sole è una buona guida. Dopo un giorno di corsa leggera, Filippide si ferma in una macchia d’olivi. “Quanto tornerete?”. “Con gli spartani di mezzo, non sai mai. Magari ci fanno la pelle. Aspetta qua buono. Acqua ne hai”. Eucle e Tersippo vanno sinché la polvere dell’orizzonte li assorbe. Eucle è il più anziano, sa distribuire bene le energie ma Filippide pensa che l’indomani sarà Tersippo a portargli la notizia: è giovane e già esperto e gli dei sanno tenere la fatica lontano dai suoi muscoli. Il sole tramonta, la notte cala, la luna sorge e, come diceva quel porta cieco di cui gli parlava il retore, arriva l’alba dalle dita rosate. Quando il carro del sole corre già alto nel cielo, ricompare un puntino, è Tersippo.

“Notizie di merda. Non vengono. Perché hanno una delle loro feste, dicono, ma secondo me è perché sanno che siamo vicini a esser fregati e se Atene scompare, per loro è una pacchia”. “E Eucle?”. “Eucle arriva, ha il fiato un po’ corto, e ce l’ho anch’io. Vai dai capi e racconta com’è andata”. “Vado, qui c’è ancora un po’ d’acqua e un po’ di ricotta”.

L’esercito è radunato in una pianura a nord della città, Maratona si chiama. Milziade è un generale che va per le spicce ma è anche un tipo comprensivo e dopo che Filippide gli ha riferito le notizie, aggrotta il volto, ma lo congeda con gentilezza e gli dice di andarsi a riposare. Notte, fuochi nella radura. Tersippo ha aspettato Eucle, arrivano e si fanno scivolare a terra, vicini all’amico. “Come l’ha presa?”. “Bene, no. Ma è uno con le palle e ha chiamato gi altri comandanti e stanno parlando da qualche ora”.

L’indomani è quello che noi chiamiamo 12 settembre ma qualche storico pensa sia l’11: si vede che quel giorno ha avuto sempre in serbo qualcosa di grosso. I persiani vengono avanti con quei loro berretti frigi, con quei loro archi corti, una siepe fitta. Milziade accetta battaglia e naturalmente non c’è niente di eroico: è solo un taglia, affetta, sfonda, picchia, massacra. A metà pomeriggio, la pianura è coperta di morti. Persiani. “Callimaco, come sta andando?”. “Milziade, a occhio direi che abbiamo vinto. E abbiamo anche avuto pochi morti. Il problema è che pare che i persiani, con la flotta, stiano tentando di aggirare l’Attica per puntare su Atene”. “Senti, se gli uomini ce la fanno, radunali e marciamo verso la città”. “Mandiamo un emerodromo?”. “Macché emerodromo. Se ci organizziamo, questi 200 stadi ce li sbraniamo in quattro ore. Gli uomini saranno anche stanchi, m sono eccitati e hanno vinto. In marcia”.

Danno un elmo e una lancia anche agli emerodromi e partono: prima in salita, poi una lunga discesa verso la città. Non ce la fanno in quattro, ma in cinque ore sì, e trovano un’aria tranquilla perché dal Pireo nessuno ha segnalato l’arrivo di navi persiane. E’ allora che Milziade annuncia che ha appena sbaragliato il nemico. Festa, ghirlande di fiori preparate al momento, bevute e, a sera inoltrata, rompete le righe.

“Figlio, figlio mio”, urla isterica Vuia, la mamma di Filippide quando vede il figlio sull’uscio di casa. “Mamma, cos’hai? Sei fuori di te”. “E’ che girava la voce che il comandante avesse mandato un emerodromo per annunciare la vittoria e che lui era arrivato, sì, ma aveva appena avuto il tempo di dire nike e poi era spirato. E io mi ero messa in testa che fossi tu e così ho pregato tutti gli dei, a cominciare dal gran padre Zeus. Ma ora sei qui, tutto intero. Grazie Zeus, grazie Athena, grazie dei del cielo e degli inferi. Mio figlio è a casa”. “Mamma, io avrei fame”. “Figlio, Falocio ha portato un’altra di quelle capre che ti piacciono tanto. Un paio d’ore e sarà in tavola. Mentre aspetti, riposati e mangiati un po’ di formaggio con le olive di Kalamata”. “Mentre cucini, ti racconto di quando ho corso dalla strada per Sparta sino a Maratona. Non ero mica stanco”. “Figlio, sei un emerodromo nato”.

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (Fonte FIDAL) - in Personaggi Storie - storielle e barzellette
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche