Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
11 maggio 2015 1 11 /05 /maggio /2015 12:35
50 km di Romagna 2015. Sognavo di correre una 50 km su strada: e il sogno è diventato realtà
50 km di Romagna 2015. Sognavo di correre una 50 km su strada: e il sogno è diventato realtà50 km di Romagna 2015. Sognavo di correre una 50 km su strada: e il sogno è diventato realtà

E' stata un'esperienza esaltante sia per la bellezza del panorama, per la simpatia degli ultra-maratoneti che - ho capito - rappresentano un mondo a parte, un po' come chi corre trail.
Di questa gara mi sono goduta ogni singolo chilometro e, anche se mi ero imposta di non pormi obiettivi cronometrici, alla fine come leggerete ci sono cascata... è più forte di me, l'asfalto cancella sempre i miei buoni propositi da Forrest Gump!

Lara La Pera

(Lara La Pera) Sognavo di correre la 50 km di Romagna da tre anni, ma ogni anno sia per insicurezza sia per troppa fatica accumulata per la maratona primaverile o per infortunio…ci ho rinunciato.
50 km di trail non mi spaventano…
50 km di asfalto possono diventare inquietanti se non ci si prepara bene mentalmente e fisicamente.

Ho preparato una maratona a marzo in maniera tranquilla, l’ho metabolizzata benissimo e il giorno dopo, fortemente incoraggiata dall’inseparabile amico Pippo Ruggeri, mi sono iscritta alla 50 km di Romagna.

La 50 km di Romagna, come la maggior parte delle ultramaratone, è una gara con un percorso molto muscolare. I primi 25 km sono in leggera salita, poi dal 25° km al 30° km la salita diventa molto ripida (270 m di dislivello), quindi seguono 5 km di discesa liberatoria: ma la salita non è ancora finita, poiché dal 35° km all’arrivo ci si deve confrontare con un continuo saliscendi che mette seriamente alla prova anche le gambe più allenate.

Dopo l’iscrizione, Roberto, mio marito, mi ha comunicato che mi avrebbe fatto da “lepre” e che avrebbe deciso lui gli allenamenti da fare nelle nove settimane che ci separavano dalla gara. Abbiamo puntato molto sui lunghi muscolari (anche fino a 40 km), con qualche lavoro di ripetute sui 1000 o 2000, e medi sali-scendi di 20 km.

Mi sto soffermando sui dettagli più o meno tecnici perché magari c’è qualche maratoneta che legge questo racconto e si chiederà come si passa dai 42 km ai 50 km.

La prima cosa che ho capito che non è affatto vero che “come se ne fanno 42 se ne fanno 50”. Ho visto esperti maratoneti camminare dopo il 40° km poiché l’altimetria, se non si gestisce bene l’andatura, può mettere seriamente in difficoltà.
Ho parlato con tante persone che avevano corso questa gara e chiunque mi aveva consigliato di aggiungere non meno di 30’’ a km (visto che era la mia prima ultra) rispetto al ritmo delle ultime maratone corse.
Così avevo pensato a un passo tra 5.25-5.30 min/km per chiudere un po’ sotto le 4h40’.

Siamo partiti in quattro, io, Roberto, Pippo Ruggeri e il grande Alfonso Sciarratta che, con la sua esperienza di ultramaratoneta, è riuscito a infondermi una certa tranquillità. Per sconfiggere la classica ansia che mi viene prima delle maratone su strada, ho immaginato di dover correre un lungo trail senza difficoltà tecniche (e che trail è?)….ma nei momenti di disperazione atletica la nostra mente è capace di partorire qualunque fantasia…

Alla partenza eravamo quasi 800 e mi ha fatto piacere vedere tante donne.
Ho capito subito che il mondo degli ultramaratoneti è un mondo di simpaticissimi folli… “Perché, non vieni te domani a correre la maratona di Rimini in vista del Passatore???” - mi ha detto un simpatico ragazzo romagnolo mentre affrontavamo una delle tante rampe della prima parte di gara. Ho risposto che l’indomani probabilmente avrei fatto un lunghissimo sul divano.
Mi ha guardata come noi sportivi “normali” guardiamo una persona sedentaria.
Molto male... quasi con compassione!
Così per la prossima persona che mi ha posto la stessa identica domanda, mi sono attrezzata “Cavolo…verrei volentieri ma purtroppo devo rientrare in Sicilia…così farò un lunghetto dalle mie parti".
Un altro simpaticone mi ha chiesto “Do you want some water?” porgendomi una bottiglietta….io rispondo semplicemente con due parole “No, grazie”….E lui ridendo “Miiiii….sei di Palemmoooo”. Ma ho un accento così pronunciato? 
I primi 20km di gara tra una battuta e l’altra sono volati: ogni tanto guardavo il GPS e vedevo che la nostra media era poco sopra 5.0 min/km ma sapevo che il salitone ci avrebbe frenati tanto.
Alfonso era dietro di noi, mentre il mitico Ruggeri era avanti perché era partito con i keniani!
Inoltre il meraviglioso panorama intorno a noi fatto di frutteti e campi fioriti mi faceva godere pienamente questa corsa primaverile... persino il sole caldo in fronte e la temperatura che superava i 20°C non mi davano fastidio.
Ovviamente si beveva ad ogni ristoro. Il mio severissimo leprotto mi allungava due bicchieri, uno di acqua e l’altro... ancora non l’ho capito. Forse Pepsi tiepida o the super-zuccherato: comunque sia, era buonissima. Più i chilometri scorrevano un passo dopo l’altro, più ripensavo alla gara più bella e faticosa che abbia mai corso su strada, la 0-3000.
Quando corri la 0-3000 sai che la salita finirà solo quando avrai tagliato il traguardo e che le tue gambe e la tua mente non avranno tregua fino ad allora.
Devo dire che questa esperienza mi ha dato tanta forza mentale e mi ha fatto percepire meno la fatica, o meglio il pensiero della fatica che ancora dovevo fare per completare i 50 km.

Al 25° km sembra di stare davanti alla porta dell’inferno dantescoLasciate ogni speranza voi che entrate!”. La minacciosa esortazione era sostituita da un cartello che diceva “Scalata di Monte Albano Km 5- Salita Coppi”. E qualcuno si é fatto il segno della croce!
Dico a Robi di rallentare e di affrontare la salita piano, ma i nostri buoni propositi vengono meno quando vediamo davanti a noi l’amico Pippo Ruggeri….
Lo puntiamo come un barracuda punta la sua preda e, dopo un po’, lo raggiungiamo e completiamo il salitone insieme.
Arrivati in cima, mi rendo conto che stavo veramente bene e la maratoneta ha preso il sopravvento: media mantenuta sino a quel punto 5.10 min/km.

Mi faccio qualche conto e mi prefiggo di tagliare il traguardo sotto 4h30’.

La discesa ovviamente ci ha fatto guadagnare un bel po’, ma come mi aveva detto un ragazzo che aveva già corso 11 volte questa gara…il brutto inizia al 35° km.
Ma io e Robi non ci scoraggiamo…I nostri muscoli e le nostre energie erano pienamente sotto controllo.
Ciò nonostante aspettavo la crisi dell’ultramaratoneta dopo il 42° km….ma nulla. Correre era ancora un piacere e non una tortura. Superata la distanza di maratona mi sono un po’ emozionata. Comunque andasse avevamo ormai superato la maratona!!!

Al 45° km una bellissima lunga salita pensava di intimorirci, ma più il percorso degli ultimi km diventava tosto…più la mia ambizione cresceva, la media era sempre 5.10 che su 50 km vuol dire 4h20’. Purtroppo quando corro sull’asfalto non riesco a non pensare al tempo, soprattutto se sto bene….ma forse è anche questo il meraviglioso fascino della maratona….rincorrere l’unica cosa che non si può fermare…il tempo. Forse è un modo per sentirci più forti di lui!

Gli ultimi quattro chilometri hanno richiesto tutta l’esperienza delle mie 19 maratone…gestire il mio corpo in equilibrio su un filo di nylon, se sbagli anche di pochi secondi gli ultimi chilometri possono diventare un’agonia….-3 km, -2 km, -1 km e si rientra a Castel Bolognese: senza alcun timore mi lancio nell’ultimo chilometro che mi separa da uno dei miei più grandi obiettivi….

Diventare un’ultra-maratoneta. 4h20’20’’ e una gestione perfetta della gara.

Questo mi ha reso felice più di qualsiasi altra cosa.

Ho dovuto correre 19 maratone su strada, due ecomaratone, quattro ultra trail, due volte la 0-3000, ho dovuto distruggere i miei muscoli e impedirgli di correre per otto eterni mesi prima di imparare a conoscere così bene il mio corpo, tanto da capire che c’è un limite, anche quando si sta benissimo…ed è proprio la conoscenza di quel limite che ci porta a centrare l’obiettivo.

Ringrazio i miei meravigliosi compagni di viaggio Alfonso, Pippo e ovviamente mio marito coi quali sono certa condividerò altre avventure chilometriche!

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (Lara la Pera) - in Racconti di gara e tributi personali Ultramaratone italiane 2015
scrivi un commento

commenti

gabriele 01/11/2016 18:02

Grande, mi sono emozionato leggendo!

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche