Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 maggio 2015 6 02 /05 /maggio /2015 08:03
Maratoneta solo per un giorno. Massimiliano Boni nella duplice identità di runner e di scrittore

(Maurizio Crispi) Massimiliano Boni è un maratoneta, ma è anche uno scrittore: il suo "Solo per un giorno" (Casa editrice 66thand2nd, Collana Attese, Roma, 2015), si presenta quindi come un diario di corsa, ispirato - come racconta egli stesso - dall'incontro dell'autore con il libro di Murakami Haruki sulla corsa (L'arte di correre, Einaudi, 2009, in questi ultimi anni divenuto libro cult tra i runner e non necessariamente solo tra gli appassionati di Murakami), in cui l'identità dello scrittore e quella del runner si permeano l'una nell'altra e dove lo scrittore trae linfa vitale dalla pratica diuturna della corsa, e - soprattutto - dalla ricca attività di pensiero associativo che si attiva durante le ore dedicate all'allenamento (che sono anche ore outdoor e di intenso e vivificante rapporto con la natura e con l'osservazione della realtà). Il diario di Massimiliano Boni è articolato in una serie di capitoli che si dipanano nell'arco di un anno, all'inizio con cadenza più più frequente, poi, con puntate grosso modo distanziate di un mese circa l'uno dall'altro. L'autore ha corso la sua prima maratona a Roma nel 2013 e, dopo questa prima positiva (anche se sofferta) esperienza decide di tornare nuovamente a correre una maratona l'anno successivo - sempre a Roma, che è la sua città - con l'obiettivo di migliorare la propria prestazione precedente.

Le sue annotazioni riguardano sia singole sedute di allenamento sia la partecipazione a gare più brevi cui egli ha modo di partecipare, ma nello stesso tempo spaziano nel tempo e nello spazio, poiché egli si espande in incursioni nel suo passato personale, di sportivo prima e di podista poi, nelle sue attività di scrittore, nelle pratiche di riscoperta e di vivificazione delle proprie origini ebraiche.
Massimiliano Boni è un podista solitario e taciturno: raramente si aggrega ad altri e, in ogni caso, quando lo fa è concentrato sulla propria perfomance personale che - per soddisfarlo - deve possedere dei requisiti di qualità e di intensità. Come podista - ma anche come scrittore - egli vuole dare sempre il meglio di sé e quindi correre, sia in allenamento sia in gara per lui non può mai essere una passeggiata.
Solo per un giorno: il titolo sta a significare che egli sarà nuovamente Maratoneta "solo per un giorno". Il suo obiettivo, infatti, non è quello di correre molte maratone, ma di correrne solo una: solo una volta, si potrebbe forse aggiungere.

Forse, egli in seguito si preparerà di nuovo per correre una nuova maratona. Ma sarà di nuovo un'esperienza assolutamente unica e non parte di una ritualità ripetitiva e cerimoniale, come è quella di molti maratoneti che entrano a far parte delcosiddetto "popolo delle lunghe", per i quali corree e partecipare alla maratone diventa piuttosto che essere una scelta di libertà declinazione di una coazione a ripetere e una sorta di imprigionamento perpetuo nei rituali delle lunghe e lunghissime distanze.
Invece, Massimiliano Boni, no: egli sostiene che vuole essere maratoneta "solo per un giorno" e che soltanto così l'esperienza di correre la maratona potrà essere intensa e di qualità, avendo sempre in mente l'idea che ci possano essere sempre molte altre cose da fare, da apprezzare e da coltivare con la stessa intensità.
Il diario,di Massimiiano Boni (che è anche vademecum di viaggio nella propria interiorità si legge con piacere, non solo perché parla di corsa di sport di maratone, ma anche perché ha un valore universale di esperienza umana di contatto profondo con le proprie dinamiche interiori con i propri pensieri e con i propri ricordi: e potrà piacere non soltanto ai runner che avranno modo di rispecchiarvisi e di attivare movimenti virtuosi di identificazione, ma anche a chi runner non è e che è desideroso di rispecchiarsi in un'esperienza profondamente umana - umana nel senso più ampio del termine -, e per questo un'esperienza - mi si consenta di dirlo - "umana" e non "post-umana", come quella di tanti che si avvicinano alla pratica dello sport - ed in genere dello sport - soltanto con un'attenzione perfomativa (senza che dentro tale pratica sia rintracciabile altro)

Il volume è pubblicato dalla case editrice romana 66thand2nd, nella collana "Attese" che "...è dedicata a tutti quei libri in cui lo sport, la competizione – non solo l’agonismo o la tecnica, ma anche il sogno e l’attesa che sempre accompagnano le gare e i fatti legati allo sport – offrono lo spunto per una narrazione più ampia e costituiscono le scintille che innescano il desiderio e il gioco della scrittura. Con questa missione, Attese ha dato finora spazio a discipline diverse – calcio, boxe, baseball, basket, rugby, ciclismo. Dalla riscoperta dei classici del genere alla pubblicazione di autori ancora inediti in Italia, fino alle opere delle giovani promesse della narrativa: tutti romanzi unici per stile, temi e ambientazione".
Ma una parola merita anche l'ancora relativamente giovane casa editrice, anche per spiegare il suo strano ed insolito nome.

66thand2nd è stata fondata a Roma nel 2008. Il nome è un omaggio a New York.
Sixtysixthandsecond infatti è l’incrocio tra la Sessantaseiesima Strada e la Seconda Avenue, a Manhattan, dove gli editori hanno creato il primo nucleo del progetto editoriale di 66thand2nd – un progetto, come suggerisce il logo ispirato alla segnaletica delle freeway, che guarda con attenzione ai fermenti della narrativa angloamericana, ma anche aperto alle letterature altre e ai talenti italiani.
Distribuita dal gruppo Messaggerie, 66thand2nd si è affacciata sul mercato nel 2009 con due collane, Attese e Bazar, a cui si sono aggiunte Bookclub nel 2011 e B-Polar nel 2012. Nel 2013 invece esordirà Vite inattese, un’apertura in direzione del memoir.
Del maggio 2011 è il primo best seller, La fine di Salvatore Scibona.
I libri di 66thand2nd si distinguono per la qualità della grafica e dei materiali, perché ogni libro è un oggetto pensato per essere amato e conservato nel tempo.


Massimiliano Boni(Dal risguardo di copertina) Massimiliano Boni non è un eroe, se non per un giorno in un anno. Questa è la storia degli altri trecentosessantaquattro. In quel tempo fa due cose: corre e scrive. Poi, certo: lavora, legge, si occupa della famiglia, ricorda, rimpiange, sogna. Ma queste altre cose accadono di lato: al centro, corre e scrive. Si prepara alla maratona e tiene un diario. Non è spavaldo, in nessuna delle due sfide. Sa di non essere più un principiante, ma non ancora un campione. Abbassa la testa, cerca di imparare dai grandi e da chi gli viaggia a fianco. Lo accompagnano, tra gli altri, un amico straniero, la nonna "Baccajella", Murakami Haruki, Cormac McCarthy, la memoria di uno sciatore chiamato Roberto Grigis e la fantasia di un nuovo figlio in arrivo. È uno di noi, uno di voi, una delle migliaia di figure smilze e colorate che vediamo ansimare mentre le superiamo motorizzati, domandandoci: "Chi glielo fa fare?". Porta questo interrogativo a un livello più profondo. Scava dentro le proprie tracce per trovare il solco di un impegno che comprende molto più dell'allenamento per una gara. Ne fa una questione di fede: nelle proprie possibilità, nella legge umana e, infine, in quella divina. Il suo linguaggio si scioglie avanzando verso il traguardo dove la vita è in agguato, come sempre comica e tragica, pronta a dare in modo inatteso e a togliere quel che ci si aspettava. In entrambe le sue sfide Boni è un outsider, ma arriva in fondo. La fatica avvera i desideri.

Nota biografica sull'autore. Massimiliano Boni è nato a Roma nel 1971. Dal 2011 lavora come consigliere alla Corte costituzionale.
Nel 2006 ha pubblicato La parola ritrovata (La Giuntina). Nel 2013 ha corso la sua prima maratona. Nel 2014, l’ultima.

Intervista a Massimiliano Boni

 

Il link che porta al sito web della casa editrice

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (Maurizio Crispi) - in Letture e film
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche