Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 luglio 2015 4 23 /07 /luglio /2015 16:40

Quella che segue è un'intervista di Matteo Simone, Psicologo dello Sport e Psicoterapeuta al giovane runner Raffaele Luciano che, poco dopo avere intrapreso la sua attività di runner, ha collocato il suo interesse nelle Ultramaratone.

Questa intervista fa parte di una serie che Matteo Simone sta raccogliendo per procedere presto alla loro pubblicazione in un unico volume che vuole esplorare le motivazioni individuali e gli assetti mentali nell'approccio alle ultramaratone.

Raffaele Luciano: cosa spinge un ragazzo di 29 anni a decidere di correre 50 km e a sognare solo le ultra?

(Mattteo Simone) Le ultramaratone attraggono le persone sia per parteciparvi da corridori sia per respirare l’aria che c’è durante queste competizioni, sia per aiutare ad organizzare tali competizioni, sia per aiutare le persone ad approfondire questo mondo.

il 29enne Raffaele Luciano si è avvicinato a questo mondo per tutti e tre i precedenti motivi, iniziando ad allungare le distanze di gara. In questo percorso, ha anche aiutato Pasquale Giuliani ad organizzare la prima 100 km del Gargano, ed ha collaborato con il sottoscritto a trovare volontari che rispondessero al mio questionario per la stesura del mio prossimo libro appunto su questa tematica dal titolo "Ultramaratoneti e gare estreme".
Di seguito Rffaele Luciano ci illustra la sua passione per questa particolare disciplina della corsa.

Ti puoi definire ultramaratoneta?

Nel senso proprio del termine, sono ultramaratoneta, avendo percorso in gara la distanza superiore alla maratona, praticamente devo lavorare ancora molto, con 3 ultra e diverse maratone sono all’inizio del mio percorso di crescita e conoscenza interiore”.

Raffaele ha intrapreso la strada delle lunghe distanze e sta sperimentando una crescita personale interiore e pertanto è propenso a continuare questo percorso.

Cosa significa per te essere ultramaratoneta?

L’Ultramaratoneta è una persona che attraverso la corsa fa un viaggio dentro se stesso, per conoscersi, migliorarsi e crescere”.

Raffaele, infatti, considera questo percorso di fatica, un percorso quasi terapeutico un autoterapia attraverso la conoscenza degli altri corridori ma di se stesso anche attraversando i lunghi percorsi di gara riflettendo sulla propria vita, percorrendo dentro di se lunghi sentieri.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta?

Ho iniziato con le maratone, poi ho corso una 50 km, poi un’altra 50 km, poi una 6Ore”.

Il percorso è comune a tanti altri che cercano di alzare l’asticella piano piano dalle 42 km passano per le 50, le 6 ore e poi si inoltrano a percorsi lunghi quali le 100km le 24 ore ed alcuni sentono di avere le capacità e la voglia di spingersi ancora oltre verso i 200km ed anche superarli.

Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta?

Nelle tre ultra che ho concluso, ho approfondito la conoscenza di me stesso, ho imparato a conoscere i miei limiti e superarli, rispettando il mio corpo. A livello mentale, ho imparato che con il sacrificio, e il duro lavoro posso raggiungere qualsiasi obiettivo, quelli che sembrano ostacoli insormontabili, paure che destabilizzano, possono essere superati con la volontà di arrivare e di superarsi”.

E’ una continua ricerca e parallemente una continua crescita sia dal punto di vista atletico sportivo che a livello personale si riesce a conoscersi sempre di più, le proprie risorse personali, capacità, caratteristiche individuali, i propri limiti.

Hai mai pensato di smettere di essere ultramaratoneta?

Non smetterò di essere ultramaratoneta, il percorso di crescita e conoscenza interiore è appena iniziato, i limiti da superare sono tanti, i km che voglio percorrere, per migliorarmi sono tanti, e li voglio percorrere tutti”.

E’ come intraprendere una psicoanalisi ma forse è più una psicoterapia esperenziale, in quanto il percorso è si lungo ma non si tratta di stare sdraiati sul lettino, ma ci si mette in gioco come siuccede con la psicoterapia dell aGestalt che diventa un laboratorio vivo, una terapia esperenziale, si esce fuori dalla zona di confort disposti a sbagliare per imparare, ad andare in crisi per capire come superarle, come uscirne fuori.

Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta?

Per fortuna ad oggi, non ho avuto infortuni o altro che mi ha impedito di correre le lunghe distanze”.

Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta?

Correre una ultramaratona, mi permette di scoprire nuovi aspetti del mio carattere, di conoscermi meglio, scopro di avere risorse che nel quotidiano non pensavo di avere”.

Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare?

Nella mia prima 50 km, arrivato alla distanza della maratona, sentivo dolori alle gambe, e ho smesso di correre, mi ha raggiungo un ‘Supermaratoneta’, che mi ha spinto a camminare per qualche metro, parlandomi del panorama, delle sue scarpe, dopo 300 metri correvano di nuovo”.

Come succede in psicoterapia dove lo psicoterapeuta aiuta ad aiutarti, cerca di fare un lavoro per sviluppare le risorse personali, anche nelle gare delle lunghe distanze può capitare di trovare un concorrente, un anmico, un aiutatore podistico disposto a darti una mano, a starti vicino durante una crisi, disposto a spiegarti quello che può succedere durante una lunga distanza.

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme?

Nelle gare estreme conta molto l’umiltà, la distanza va rispettata ed affrontata senza presunzione, ascoltandosi interiormente e ascoltando i segnali del proprio corpo”.

Imiportante in questo tipo di sport è l’umiltà, affrontare le competizioni impegnative e durissime conn rispetto, senza presunzione con una buona preparazione e ben preparati.

Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile?

Nella 6 ore, ha avuto al 59° km, un problema al ginocchio destro che mi ha bloccato per mezz’ora costringendomi a camminare”.

Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine?

“La Spartatlon o la Nove Colli, anche se dopo la 100km, di sicuro ci proverò.”

C’è una gara estrema che non faresti mai?

No, avendone la possibilità - economica – proverei qualsiasi gara estrema”.

Cosa ti spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici?

Da quando ho iniziato a correre, sono alla ricerca dei miei limiti, non credevo di correre una maratona e ne ho fatte diverse, la 50km mi faceva paura e ne ho fatte 2, una 100km, l’ho vissuta dando una mano agli organizzatori; superare il limite significa porsi un nuovo obiettivo, misurarsi con se stesso, continuare a conoscersi, superare le proprie paure, dimostrare che – come detto – con il lavoro, i sacrifici, uno stile di vita sano, posso raggiungere un obiettivo, e se posso raggiungere un obiettivo sportivo, posso raggiungere qualsiasi obiettivo nella mia vita, personale, famigliare, lavorativa”.

Più vai avanti, più raggiungi risultati e iù si isperimenta benessere, sicurezza, aumenta l’autoefficacia nonn solo nello sport ma anche nella vita di tutti i giorni, si è in grado maggiormente di affrontare, gestire e superare situazioni che possono sembrare difficili.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua partecipazione a gare estreme?

Semplicemente che ‘c’è qualcosa che non va’. Dopo la prima 50 km, mia madre non mi ha parlato per una settimana. Poi però mi ha detto: “ascolta il tuo fisico e non esagerare, questa per la corsa è una passione, non deve diventare una droga”.

In famiglia si accorgono che si viene assorbiti da questo sport delle lunghe distanze dove si passano tante ore ma poi riconoscono che si fa per passione e con attenzione ed allora i famigliari decidono di sostenerti.

Che significa per te partecipare ad una gara estrema?

Quando mi iscrivo ad una ultramaratona, cerco di immaginare il percorso mentale che farò in gara, la gioia della partenza, il rivedere gli amici, le difficoltà, la lotta mentale tra ‘fermati che ti fai male e addio corsa’ e ‘dai che tutto passa anche questi 5 minuti in cui stai pensando di mollare’ e la voglia di arrivare; dopo il via della gara mi sembra di essere isolato dal mondo, corro con me stesso, inizia un viaggio di conoscenza interiore che mi sta aiutando tantissimo a migliorarmi e a smussare aspetti del mio carattere, oltre che ad affrontare le difficoltà quotidiane”.

Ti va di raccontare un aneddoto?

Nella prima 50 km, al 45° km, non riuscivo a correre come volevo, mi sono inventato un’intervista con una giornalista sportiva, che mi rivolgeva una serie di domande, partendo da ‘cosa spinge un ragazzo di 29 anni a correre 50 km??’, fino a domande sul personale. Ha funzionato. Ho ripreso a correre senza problemi, e non nascondo che le domande me le faccio ancora quando sono in difficoltà o quando fatico a prendere sonno”.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta?

Dalla seconda 50 km e nella 6ore, ho scoperto che non mollo facilmente, se voglio davvero una cosa, stringo i denti e la conquisto, quando ho qualche esitazione nella vita di tutti i giorni ripenso a quelle due gare e vado avanti deciso”.

Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa?

Grazie alle ultra, sono diventato più umile, più disponibile, dopo la 6Ore, ho imparato che coloro che concludono le maratone dopo le 4 ore, meritano rispetto e considerazione per lo sforzo che fanno”.

Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti?

Potendo tornare indietro rifarei quello che ho fatto, forse qualche ultra in più. Devo ringraziare gli amici Guerino, Nicola, Domenico, Gino e Antonio con i quali ho fatto la mia prima 50 km, loro tutti e 5 supermaratoneti e ultramaratoneti, mi hanno insegnato ad affrontare le ultra, oltre che con consigli relativi alla preparazione, all’idratazione e alimentazione, trasmettendomi l’atteggiamento giusto per affrontare una 50km, e poi una 6Ore, con grande disponibilità e umiltà mi hanno iniziato a questo percorso, che mi ha aperto un mondo, e attraverso il quale mi sono aperto al mondo, diventando una persona migliore”.

Raffaele sente di essere diventato una persona migliore, partecipare alle ultramaratone è come partecipare ad un gruppo di alcolisti anonimi, si parla conn altri che hanno attraversato gli stessi problemi, le stesse crisi, e si comprende come far fronte, si esce fuori più rafforzati, più resilienti.

Usi farmaci, integratori? Per quale motivo?

Non uso farmaci, sporadicamente bevo qualche sportdrink, bevo birra (con moderazione). Non digerisco gel e barrette quindi evito di assumerli. Da piccolo ho sofferto di una grave forma di allergia, e poi di asma, da quando ho iniziato a correre, l’asma è sparita, cosi come l’allergia, i farmaci per contrastare l’asma sono un lontano ricordo”.

Ai fini del certificato per attività agonistica, fai indagini più accurate? Quali?

Ho fatto l’Holter cardiaco, perché da un controllo medico (elettrocardiogramma all’AVIS) mi è stato riscontrato un ‘battito anomalo’, fortunatamente niente di grave, - 32 battiti a riposo - il ‘battito anomalo’ è dipeso dall’assunzione di caffè e the prima dell’elettrocardiogramma. Stavo preparando un’esame universitario e studiavo anche la notte”.

E’ successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva?

Per fortuna non mi è mai stato consigliato di ridurre l’attività sportiva, anzi mi è stato consigliato di variare gli sport, per potenziare la parte superiore del corpo e la schiena, e quindi da settembre andrò in palestra”.

Hai un sogno nel cassetto?

Il mio sogno nel cassetto si chiama ‘100 km del Passatore’, ci sto lavorando, sia da un punto di vista fisico che mentale, l’obiettivo più vicino e scendere sotto le 3 ore in maratona e poi concentrarmi sulla 100km”.

Ha sogni Raffaele e sa che per raggiungerli non è sufficiente solo allenamento fisico ma anche l’aspetto nmentale conta tanto.

 

 

Matteo SIMONE

Psicologo, Psicoterapeuta Gestalt ed EMDR

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni Matteo Simone) - in Interviste Atleti
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche