Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
3 agosto 2015 1 03 /08 /agosto /2015 12:14
Memorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempreMemorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempre
Memorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempreMemorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempre

Si è corsa il 2 agosto 2015, a Palma di Montechiaro, l'11^ edizione del "Memorial Lillo Inguanta", valevole come prova del GP provinciale di corsa su strada di Agrigento.

La gara si è disputata - come nelle precedenti edizioni - in memoria di Lillo Inguanta che, figlio di Giuseppe Lillo Inguanta, è morto a seguito di un incidente stradale. I genitori di Lillo, Giuseppe e Franca, poco dopo la morte di Lillo, hanno perso anche l'altra figlia Rosamaria.
Una famiglia devastata dal dolore che ha trovato la forza di vivere e di andare avanti grazie alla fede e alla corsa

(Elena Cifali) Le due di notte e non riesco a dormire.

Sono infinitamente stanca, distrutta dal caldo, l’umidità rende la pelle appiccicosa e mi rigiro nel letto.

Sono rientrata a casa da pochissimo, giusto il tempo di una doccia gelata che per fortuna non ha lavato via le emozioni di questa lunghissima domenica d’agosto.

La mia gita a Palma di Montechiaro la ricorderò per sempre come un momento rovente e non solo dal punto di vista meteorologico con i suoi 40°, ma perché ho visto e rivisto gli amici più cari, quelli dai quali davvero non vorrei mai staccarmi.

Il viaggio in macchina è condiviso con Marco: il grandissimo cavaliere, con Vito: l’uomo dall’infinita bontà, e con Stefania: la ragazza dalla prorompente simpatia.

Sudiamo già da fermi, il mare di Palma è una tavola dipinta con i migliori acquarelli, l’aria ferma, un caldo terribile, un’umidità asfissiante,tutto fa presagire che soffrirò per tutta la durata della gara.

I bimbi gareggiano prima di noi, il loro senso agonistico in molti casi supera il nostro e questo gli fa onore.

Zio Lillo e Zia Franca accolgono tutti con il calore, l’umanità e l’affetto che li contraddistingue, sono due angeli al pari dei loro figli volati in cielo troppo presto.

Persone speciali, uniche, rare, quasi irripetibili. Mi commuovo spessissimo oggi, chissà perché, forse sto invecchiando, o forse, quia Palma di Montechiaro la presenza di Lillo e RosaMaria Inguanta è così forte, così reale da farci vivere emozioni e sentimenti fuori dal quotidiano.

Sono felice d’essere qui, felice oltre misura.

Vivo un momento difficile quando ricordiamo Roberto, approposito, ancora Ciao Roberto!

La gara è faticosa, soffro maledettamente il caldo, non cisono abituata e il viso diventa subito infuocato. A nulla servono le docce, non riesco a scendere sotto i 5 minuti al chilometro, ma dopotutto mi sta beneanche così. Finisco la gara ringraziando Dio d’avermi dato il coraggio di partecipare e la forza di concluderla.

Una doccia veloce, un cambio d’abiti che subito divengono bagnati, le premiazioni, un gelato, le foto con gli amici, le strette di mano, i complimenti reciproci, gli abbracci sinceri e umili. Quegli abbracci della gente come me, della gente che si mette in gioco senza tanta prosopopea, senza tanti colpi di tromba, che si sfida e sfida glialtri in un girotondo di sorrisi e risate che come un vortice cattura tutti e rende immensamente felici.

Giovanna, Mariuccia, Cinzia, Salvatore, Gerlando, Lea, Annamaria, Mario, tanti nomi, tanti volti, tante storie e tantissime vite, oggi tutti qui a festeggiare, a fare solidarietà, e rendere omaggio a che non c’è più fisicamente ma che è sempre più presente nei cuori di tutti. Ed allora viva questa gente, viva Palma di Montechiaro, viva il calore di questa rovente Sicilia sempre presente ad aiutare ad ogni costo, con ogni mezzo, la Sicilia che non si tira mai indietro.

Il viaggio di ritorno vola via leggero tra le mie chiacchiere da ostinata adolescente, le risate di Stefania, le domande di Marco e il silenzio di Vito, tutto scorre così come deve essere, senza finzioni, tra mille argomenti e tanta voglia di scoprirsi e riscoprirsi nonostante l’età, dopotutto vivere è un privilegio, godiamocelo, rendiamo la nostra vita unica, irripetibile, senza confini, senza restrizioni mentali, leggera come l’aria,calda come il fuoco! La libertà di fare, di dire, di essere felici, quella libertà che muore tra le sbarre di vite domestiche insoddisfatte può e deveessere salvata dalla capacità personale di dire: Io sono vivo! I runner corrono anche per questo, loro sanno quanto difficile sia abbandonare il divano e allacciare le scarpette, ma il premio, la ricompensa è talmente alta che vale qualsiasi rinuncia.

Poteva essere una domenica d’agosto qualsiasi, è stata La Domenica D’Agosto Con I Miei Amici!

Grazie a tutti, davvero tutti, senza di voi nulla sarebbe così tremendamente meraviglioso!

Memorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempre
Memorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempreMemorial Lillo Inguanta 2015 (11^ ed.). Elena Cifali dice la sua: una domenica faticosa, ma intensa e gratificante, con gli amici di corsa di sempre

La gara (ricordiamo valida anche come prova del GP provinciale di Agrigento) si è svolta il 2 agosto 2015: una vera e propria “torcida”, bella colorata, partecipata.
Poco più di 6 chilometri, sei giri, un va e vieni per il lungomare Todaro che diventa rovente, malgrado l’acqua che viene riversata quasi metro dopo metro dai volontari, sugli accaldati podisti.
Si è cominciato con le gare per i più piccoli, tutte le età da quelli più minuscoli, fino agli adolescenti.
Tutti premiati con una medaglia di partecipazione, con un trofeo i primi tre delle varie categorie.
A seguire la passeggiata del ricordo che fa da prologo alle gare dei più grandi.

Due le batterie: nella prima (donne e uomini dai 50 anni in poi) la protagonista assoluta è una giovanissima la diciassettenne Valentina Turone di Mazzarino di nascita ma tesserata per la Virtus Acireale. Sbaraglia gli avversari uomini e va a vincere stabilendo il record della gara. “Pista, strada, campestre, per me va bene tutto – afferma al microfono di Marcellino – e adesso sotto con i 10 km gli italiani Assoluti in programma a settembre in quel di Trecastagni".
Alle spalle della giovane nissena, un grande Elio Amato (Universitas Palermo) che piega la resistenza del compagno di squadra Cannì e va a vincere a mani alzate.
Completano invece il podio al femminile, la sempre-verde Edna Caponnetto (Valle dei Templi Agrigento) e Annalisa Di Carlo.

La seconda batteria (preceduta dal commovente ricordo di Roberto Baratta scomparso appena 24 ore prima) ha visto in campo atleti di grande spessore, del passato e del presente: Ingargiola, Cardillo, Catania, Ragusa, solo per citarne alcuni.
E a vincere, anzi a stravincere, è proprio l’atleta tesserato per l’Atletica Futura Davide Ragusa che fa corsa solitaria infliggendo in appena 6000 metri, distacchi “siderali” agli avversari.
Per l’atleta originario di Nicosia anche il record della gara 19’02 (stessa cosa, vittoria e record della gara Ragusa aveva ottenuto di recente a Caltanissetta, al trofeo Kalat). Al secondo posto l’atleta della Polisportiva Menfi Mohamed Idrissi (20.09); terzo Michele Cardillo (Casone Noceto) in 20.18.

Il finale della manifestazione è un susseguirsi quasi infinito di premiazioni (oltre 100 gli atleti che salgono sul palco): premiati i primi tre e le prime tre assolute, gli uomini dal quarto al 16°, le donne dalla quarta all’undicesima. I primi tre uomini e donne di categoria, tutti i palmesi in gara, con coppa al primo che, manco a dirlo è stato di nuovo il fortissimo Angelo Gueli.

Premi anche per i “leoni della cantina” che molti chiamano gruppo goliardico ma che è una vera e propria fucina di podisti, un vivaio che cresce e svezza in allegria i runner di Palma Di Montechiaro.

E’ tutto questo il Memorial Lillo Inguanta, sono i sorrisi della gente, i fuochi d’artificio, la presenza dell’Aido (l’associazione dei donatori d’organo), e tanto altro ancora…

E allora non ci resta che aspettare l’edizione 2016 e riporre nel cassetto dei nostri ricordi più belli l’edizione che ieri sera si è chiusa.

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (elena Cifali e fonti web) - in Podismo siciliano su strada Racconti di gara e tributi personali
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche