Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 agosto 2015 3 19 /08 /agosto /2015 06:36
Popof Day and Night 2015 (4^ ed.). Matteo Simone intervista Filippo Poponesi, alla vigilia del suo Popof Day

(Matteo Simone) Gli ultramaratoneti non corrono solo per se stessi ma corrono anche per gli altri, ci sono gli "spingitori" come Antonio Mammoli e Daniele Cesconetto che stanchi di record e di imprese estreme attraverso le 100 km di record sul tapis roulant o le tante vittorie alla nove colli running di 202 km o la spartathlon di 24 7km ora spingono Marco Albertini in carrozzina per le strade della Strasimento di 60 km, per la Pisotoia Abetone salita ripida di 50 km per il passatore classica gara storica di 100 km superando il Passo della Colla di quasi 1.000 metri da firenze a Faenza.

C’è anche Filippo Poponesi instancabile ultrarunner di Perugia chiamato Popof che ha deciso di dedicare i suoi chilometri ad associazioni benefiche per la riceca o assistenza e vi spiegherà di che tratta la sua 24 ore di corsa giorno e notte per raccolta fondi che, quest'anno, ha aavuto luogo tra il 10 e l'11 agosto 2015 e che, come nelle precedentiedizioni è servita a Filippo Poponesi come stimolo collettivo ad un allenamento prolungato in vista della Spartathlon.

Cosa hai scoperto del tuo carattere nel diventare ultramaratoneta?

“Che sono uno tenace, uno che non molla. Che se mi pongo un obiettivo riesco a trovare la motivazione per raggiungerlo, anche sopra le mie stesse forze. E quando organizzo incontri di lavoro con i miei collaboratori cerco di trasmettere loro questo messaggio usando anche metafore podistiche tipo: ‘Quando corro io cerco di immaginarmi il momento in cui taglierò il traguardo e questo mi dà la forza per continuare a correre, perché la Motivazione è la prefigurazione della soddisfazione che si proverà nel raggiungere il proprio obiettivo’. L’ultramaratona mi ha aiutato tantissimo ad accrescere l’autostima. Forse l’ho già detto, ma mi sento di ripeterlo perché è un qualcosa che può aiutare anche altri. Inoltre ha amplificato in me la voglia di aiutare gli altri, mettendo a disposizione questa che io considero ‘dote’, organizzando una manifestazione di 24 ore di corsa chiamata Popof Day and Night (dal nomignolo che gli amici podisti mi hanno attribuito e cioè POPOF). In pratica io corro per 24 ore e gli amici mi fanno compagnia a turno all’interno dell’area verde di Perugia, un percorso di circa 4 km. Mentre si svolge tutto ciò, viene offerto un piccolo ristoro a tutti i partecipanti e vengono distribuite magliette per raccogliere fondi a favore di un’associazione benefica (Avis, lotta contro il cancro, lotta contro l’Alzheimer, lotta contro la SLA, etc.). Quest’anno, 2015, ci sarà la 5° edizione, il 19/20 Settembre, e raccoglieremo fondi per l’Associazione Fiorella contro l'Alzheimer”. Nel 2012 abbiamo corso il Popof Day per la stessa Associazione e complessivamente, sommando i km di tutti i partecipanti, abbiamo percorso 2.581,67 Km. Quest’anno vogliamo superare questa soglia.

Ti puoi definire ultramaratoneta?

“Da quando partecipo a competizioni podistiche ho superato più volte la classica distanza dei 42,195 KM della Maratona e penso, pertanto, di potermi definire Ultramaratoneta. Se non altro perché lo dice la parola stessa.”

Cosa significa per te essere ultramaratoneta?

“Significa essere una persona molto fortunata. Mi spiego meglio. Per essere ultramaratoneta devi essere in una buona condizione psico-fisica (o fisico-mentale, come dir si voglia), avere del tempo a disposizione (sicuramente più rispetto ad un podista ‘non ultramaratoneta’, sia per gli allenamenti che per le gare) e la possibilità economica di sostenere le spese per le quote d’iscrizione e le trasferte (ovviamente quest’ultimo punto vale anche per chi corre le maratone, ma le ‘Ultra’ sono oggettivamente meno economiche). Sono considerazioni che faccio spesso con i miei amici e compagni di corsa quando magari ci troviamo al tramonto a correre una gara da 100 km o più di fronte a paesaggi meravigliosi, pur sempre con la consapevolezza di essere in un momento di grande sforzo e fatica. In quei momenti l’espressione esatta che solitamente uso per definirmi è: ‘Privilegiato’.

Qual è stato il tuo percorso per diventare un ultramaratoneta?

“Ho iniziato dedicandomi alla corsa per diletto, per non ingrassare, ed anche un po’ come mezzo di allenamento per poter praticare altri sport. Poi un amico mi ha convinto ad iscrivermi ad una Società sportiva, quella cui continuo ad appartenere e cioè l’Atletica Avis Perugia, iniziando a partecipare a piccole gare da 5 e 10 km per poi passare alle mezze maratone ed alle maratone. Poi, un giorno, ho deciso di partecipare ad un ultramaratona che si corre qui in Umbria (io sono di Perugia) chiamata ‘Strasimeno’, cioè il giro del lago omonimo (60 km), gara organizzata dalla mia Società insieme ad altre due società umbre. Da quel momento ho continuato a spingermi sempre oltre e quindi ho allungato le distanze correndo in sequenza il Passatore (100 km), la Nove Colli Running (202 km), la Spartathlon (247 km) e, nel mezzo, gare a tempo da 6/8/12/24/48 ore, fino ad arrivare ad una 6 giorni in cui ho percorso 611 KM.”

Cosa ti motiva ad essere ultramaratoneta?

“La continua sfida con me stesso. Raggiungere traguardi sempre più ambiziosi ha contribuito, nel tempo, ad accrescere l’autostima ed a rendermi più forte nell’affrontare i problemi del quotidiano. Più di una volta, quando mi sono trovato di fronte ad ostacoli apparentemente insormontabili, mi sono sempre aiutato dicendomi: “Se sono riuscito a correre per 34 ore percorrendo quasi 250 km senza fermarmi posso superare anche questa difficoltà” Ed in effetti poi così è sempre stato.

Hai mai pensato di smettere di essere ultramaratoneta?

“No e sinceramente non lo penserò almeno fino a quando il fisico e la mente continueranno a sostenermi. Quando mi renderò conto che non sarò più in grado di stare sulle gambe per problemi fisici o la testa non vorrà più saperne di “spingere”, allora mi fermerò. Aiutarsi con la chimica o con la fisioterapia a tutti i costi per portare il fisico oltre i propri limiti non lo reputo un segno di maturità ed intelligenza, anche perché alla base di tutto per me c’è il DIVERTIMENTO. Indipendentemente dal fatto che io sia in gara o in allenamento, se non mi diverto mi fermo anche solo dopo aver percorso pochi chilometri.”

Hai mai rischiato per infortuni o altri problemi di smettere di essere ultramaratoneta?

“No. Mi sono sempre fermato prima. Anzi, il motivo per cui io sono considerato un podista ‘anomalo’ da chi mi conosce è proprio per il fatto che alterno fasi in cui sono molto attivo (podisticamente parlando) a periodi di lunga inattività. E non per gravi infortuni, ma anche per un semplice fastidio, o magari perché il lavoro mi impegna molto e/o andare a correre non mi diverte in quanto in quel momento ho la testa impegnata in altre cose. In parole povere, nonostante tutti pensino il contrario, non sono un appassionato, cioè uno di quelli che se non corre tutti i giorni muore. La vita è fatta di tante cose e la corsa, per me, fa parte di queste ma non è l’unica. Invece, vedo persone che corrono sopra i dolori e sopra le forze, rischiando di farsi veramente del male e quindi rischiando davvero di dover smettere. Non a caso il mio fisico non è proprio da ultramaratoneta per questa mancanza di continuità, ma alla fine, la testa e le gambe, con un buon lavoro di squadra, mi portano quasi sempre dignitosamente al traguardo. “

Cosa ti spinge a continuare ad essere ultramaratoneta?

“In primo luogo a continuare a fare attività fisica, di cui il corpo umano non può fare a meno. Il mio in particolar modo, perché se non faccio sport aumento di peso in tempi rapidissimi. E’ vero, ci sarebbero altri mille modi per fare attività fisica senza sottoporsi ad ore ed ore di stress sforzo fisico e mentale, ma quando si è diventati ultramaratoneti è difficile tornare indietro. Anzi, lo stimolo è quello di spingersi sempre oltre cercando sfide sempre più ambiziose, come faccio io nel trovare maggiori distanze da percorrere. Ci sono altri amici ultramaratoneti che invece si pongono obbiettivi in termini di numero di gare corse ed anche quella è comunque una sfida con se stessi. Non dico che sia una droga, ma una volta che sei entrato nel vortice dell’ultramaratona difficilmente ne vieni fuori, anche perché l’ultramaratoneta amatore vuole divertirsi. Non segue tabelle o rigidi programmi. Mette le scarpette e via. Una delle cose più belle di questa disciplina è che ad ogni gara rivedi tanti amici provenienti da tutta Italia, con i quali trascorri un piacevole weekend, fatto di risate, scherzi, un buon piatto di pasta o una pizza e tanti chilometri da correre allegramente. Perché smettere finché si può?”

Hai sperimentato l’esperienza del limite nelle tue gare?

“Se devo essere sincero, si. Ogni volta! Solitamente uso l’espressione: ‘Se al termine di una gara mi tagliassi una vena non uscirebbe una goccia di sangue’, tanto per dire che ho proprio dato il massimo. Non sempre è un bene, ma quando la testa ti dice di spingere fino alla fine, le gambe ed il cuore non ce la fanno a rifiutarsi. Quando accade è proprio perché non ce n’è davvero più. Fino ad ora, nelle due uniche volte in cui mi sono fermato in un’ultramaratona, è stata la testa ha decidere così. La prima volta mi ha mollato a pochi km dal traguardo di una 60 km (ero ancora alle mie prime ultra) e la seconda mi ha detto che tanto non ce l’avrei fatta quando, al 50° km della mia seconda Spartathlon, ne avrei dovuti correre altri 200 ma avevo già dolori dappertutto. Era inutile continuare e sono certo che abbia avuto ragione lei. Non raramente io parlo con testa, cuore e gambe mentre corro un ultramaratona particolarmente impegnativa, soprattutto negli ultimi km quando c’è da stringere i denti. Pazzo? Ma no, dai … è anche un modo per far passare meglio il tempo quando non vedi l’ora di finire J.”

Quali i meccanismi psicologici ritieni ti aiutano a partecipare a gare estreme?

“Non pensare a ciò che ci si sta apprestando a fare. Se alla partenza di una 100 km o 200 km o di una 24 ore, o oltre, fossi pienamente cosciente di quanto mi sto apprestando a fare, probabilmente non partirei neanche. Dopodiché penso che noi ultramaratoneti abbiamo una dote che ci consente di ‘ammortizzare’ meglio di altri il tempo che passa. Ogni volta che termino un’ultramaratona cerco di tornare indietro con la mente fino al momento dello Start e mi sembra di essere partito da 5 minuti, sia che abbia corso per qualche ora che per due giorni.”

Quale è stata la tua gara più estrema o più difficile?

“La Spartathlon. Atene- Sparta, 247 km con 75 cancelli orari ed un tempo limite di 36 ore. A metà gara si deve anche scalare un monte per qualche km, ma la difficoltà vera sono i cancelli orari da rispettare. Se non li rispetti sei fuori.”

Quale è una gara estrema che ritieni non poterci mai riuscire a portarla a termine?

“Non mi sono mai posto dei limiti e penso di avere le doti psico-fisiche per portare a termine ogni gara che sia umanamente possibile correre, però con la dovuta preparazione ed al raggiungimento della perfetta forma fisica. Fino ad ora ogni volta che ho alzato l’asticella sono sempre riuscito a superarla. Certo, esistono gare al limite della sopravvivenza che mi metterebbe un po’ pensiero dover affrontare, come ad es. fra i ghiacci dell’Alaska a -40° di temperatura, in autosufficienza, dove si rischia davvero la vita, ma come ho detto, con la dovuta preparazione, professionisti dello sport che ti seguono, sponsors per sostenere le spese, etc., penso che riuscirei a portarle a termine.”

C’è una gara estrema che non faresti mai?

“Non le conosco tutte ma sono certo che esistano gare per le quali ci farei più di un pensiero prima di decidere di affrontarle. Il fatto è che io non voglio e non devo dimostrare alcunché ad alcuno e prima di portare l’asticella a livelli così alti c’è ancora tanto da fare se uno si vuole divertire con le ultramaratone. Per rispondere seccamente, comunque, dico … sicuramente si.”

Cosa ti spinge a spostare sempre più in avanti i limiti fisici?

“Principalmente la sfida con me stesso.Ma non nascondo che la ricerca di traguardi sempre più ambiziosi è legata anche ad una certa forma di egocentrismo. Non reputo questo un difetto. In fin dei conti è solo un altro modo per trovare le giuste motivazioni per andare “oltre”.

Cosa pensano i tuoi famigliari ed amici della tua partecipazione a gare estreme?

“Che fanno male alla salute e che dovrei smettere. Ma come ripeto, le gare cui partecipo io non sono estreme. Sono molto impegnative fisicamente e psicologicamente, ma non al punto tale da mettere a rischio la vita.”

Che significa per te partecipare ad una gara estrema?

“Credo che prima bisognerebbe capire cosa s’intende per ‘gara estrema’. Ricollegandomi alla risposta precedente non credo di aver mai partecipato ad una gara estrema, se in ogni momento sei in condizione di poterti fermare e ritirare. Per me una gara estrema è una competizione dove, ad un certo punto, puoi rischiare di trovarti da solo in mezzo ai ghiacci, in mezzo al ad un deserto, in cima ad una montagna, senza viveri, né acqua ed aver perso l’orientamento. Lì rischi la vita e questa si che potrebbe essere identificata come gara estrema. Le ultramaratone più dure che ho corso io erano lunghe e faticose, ma da qui a definirle estreme “ce ne corre” (scusa il gioco di parole J). Adesso che ci sto ripensando, però, nel 2010 ho partecipato ad un Ultratrail in montagna, Gran Trail Valdigne, circa 90 km con un D+ 5000 mt, e mi ricordo che ad un certo punto mi sono trovato ad arrampicarmi in un punto dove non sarebbe stato possibile potermi ritirare se non con l’ausilio dell’elisoccorso ed in un altro punto correvo sulla cresta di un monte con strapiombo sia a destra che a sinistra. Una piccola distrazione avrebbe potuto causarmi grave pericolo. Ecco, quella forse è stata la gara più estrema cui io abbia partecipato.” Non a caso, ad uno dei ristori ho chiesto scherzosamente ad un membro dell’organizzazione: “Scusa … ma tutto questo è legale, vero???” J)

Ti va di raccontare un aneddoto?

“Si, una cosa spiritosa. Una volta ho partecipato ad una manifestazione volta a raccogliere fondi per la lotta contro la SLA. Eravamo solo tre podisti a partecipare in quanto era una corsa di 750 km da percorrere in 10 tappe. In una di queste si associa un gruppo di podisti, tanto per farci compagnia, fra cui un neofita della corsa. Questo ragazzo ad un certo punto mi vede con in mano una bustina di Polase Sport (Sali minerali) e mi chiede: ‘Cosa sono quelli? Ed io rispondo: ‘Sono SALI’. E lui: ‘E come si usano? Ed io: ‘Beh … tu porta sempre con te questa bustina mentre corri. Se ad un certo punto ti senti stanco, ma proprio stanco da non farcela più, prendi la bustina e comincia ad agitarla in aria, in modo che si veda bene. Vedrai che dopo poco arriverà un’auto del soccorso gara ed il conducente ti dira: SALI!!! Ahahah J’. Inizialmente c’è rimasto male ma poi abbiamo riso tutti!”

Come è cambiata la tua vita famigliare, lavorativa?

“Non è affatto cambiata, anche perché per me la corsa è un di cui della vita e cerco di praticarla quando ho tempo. Le priorità sono ben altre e sono proprio la famiglia ed il lavoro. Se poi ci scappa il tempo e ci sono i soldi per andare a correre le ultramaratone, ben venga. Non raramente ho sacrificato la corsa per stare vicino alle persone che amo o per impegni di lavoro.”

Se potessi tornare indietro cosa faresti? O non faresti?

“Esattamente quello che ho fatto, parlando ovviamente di sport. Qualcuno dice che avrei avuto il talento per essere un buon atleta, nel senso che mentalmente e fisicamente ho delle buone doti. Chissà … Forse se avessi intrapreso la strada dello sport semi professionistico magari avrei fatto qualcosa di buono, ma come si dice, con i ‘se’ e con i ‘ma’ non si va da nessuna parte. E comunque i veri talenti sono ben altra cosa e se sono tali vengono fuori sicuramente. Se io ho raggiunto questo livello evidentemente non ero fatto per andare oltre.”

Usi farmaci, integratori? Per quale motivo?

“I classici prodotti che si comprano in farmacia, come ad esempio i Carbogel (zuccheri), Polase Sport (Sali minerali), barrette energetiche (proteine), etc. Qualcuno dice che aiutino in caso di sforzi prolungati, altri dicono che è solo un fatto psicologico. Non ne faccio un abuso, anzi, spesso li compro e poi non li uso e sinceramente non so dire se assumere questi integratori contribuisca a migliorare le mie performances. Alla fine, bersi una bustina di Enervit prima di una gara è un po’ più un rito che altro. Vedendo chi ne sa più di me, credo che sia più importante sapersi alimentare bene prima e durante la gara con prodotti naturali (miele, frutta fresca e secca, pasta, riso, patate, etc., sempre che ve ne sia la presenza ai ristori, parlando di gare in linea. Per le gare a circuito è sicuramente più facile potersi organizzare ”

Ai fini del certificato per attività agonistica, fai indagini più accurate? Quali?

“Sinceramente no, anche perché io sono donatore Avis e ogni tre mesi vado a donare il sangue. Pertanto tengo sotto controllo i miei valori costantemente. Non so se ciò sia sufficiente. Forse dovrei farne. Mi informerò”.

E’ successo che ti abbiano consigliato di ridurre la tua attività sportiva?

“No, mai. Anche perché non ce n’è bisogno. Come ho avuto modo di dire in una delle precedenti risposte, a volte passano mesi senza che io corra, un po’ per impegni di lavoro ed un po’ perché non ne ho voglia. Sono quei momenti in cui la testa mi dice di non correre ed io le do retta. Forse è un sistema di autodifesa del mio fisico.”

Hai un sogno nel cassetto?

“Relativamente all’Ultramaratona? Mah … dato che qui a Perugia mi chiamano affettuosamente il ‘Forrest Gump Perugino’ mi piacerebbe una volta correre un ‘Coast to Coast’ negli USA o in Australia. Penso che sarebbe una bella vacanza!”

Popof Day and Night 2015 (4^ ed.). Matteo Simone intervista Filippo Poponesi, alla vigilia del suo Popof Day

Popof day: 24 ore a Perugia, aspettando la Spartathlon!

(Denise Quintieri) Popof mi ricorda una canzone dello Zecchino d'oro di qualche anno fa, è la storia di un cosacco dello Zar che nulla ha del cosacco, ma a differenza degli altri che affondano nella neve, lui scivolando, rotolando riesce ad arrivare fino al fiume Don. Bisogna avere coraggio e sognare e spesso i sogni si avverano!

E' la storia di Filippo Poponesi, un tipo schietto, genuino come pochi, semplice e senza montature varie e, come il Popof dello Zecchino, felice di arrivare alla meta. Filippo Poponesi, 43 anni, perugino, ultramaratoneta con buoni tempi sulle distanze più corte, che in quest'ultimo anno ha partecipato a varie ultramaratone come il Passatore, la 100km delle Alpi, addirittura la Nove Colli Runnig di 202 km per uomini di acciaio e, soprattutto la vittoria inaspettata alla 24 ore di Fano, dove chiacchierando e scherzando, camminando nelle ultime ore, è riuscito a vincerla con quasi 193 km percorsi. Ma non si è limitato alle ultra, ha al suo attivo il recente Trail Valdigne e, senza aver mai fatto un trail, senza allenamenti specifici, è riuscito anche a terminarlo in un buon tempo. Ma il suo sogno, il sogno di molti ultramaratoneti è la mitica Spartathlon, per la quale Filippo si sta allenando con costanza, fuori dagli orari di lavoro, un ottimo quadro nella Susa spedizioni, nella sede perugina. La Spartathlon che quest'anno festeggia il traguardo importante: 2500 anni dall'impresa di Filippide che annuncia la vittoria degli ateniesi nella guerra contro i persiani; quel Filippide, che Erodoto, fra storia e leggenda, ci consegna raccontandoci le gesta di questo emerodromo che parte da Atene per recarsi a Sparta per chiedere aiuto contro gli invasori persiani, passando per il Monte Partinone a 1200 m dove incontra il dio Pan e poi attraveso il peloponneso arrivare a Sparta.

Per l'avvicinamento a questa grande impresa, Filippo si è inventato qualcosa quasi per gioco: un allenamento nel suo Parco preferito: il Percorso verde nel Parco di Pian di Massiano a Perugia. All'nterno ha scelto un percorso di km4,070 "una pazza idea" come egli stesso l'ha definita, una 24 ore per..Spartathlon, un allenamento collettivo insieme ai suoi amici dell'Avis Perugia e altri amici di altre società umbre. Un pazza idea che ha avuto un successo senza precedenti!

Alla partenza alle ore 12 di sabato 7 agosto era presente anche l’assessore allo Sport del Comune di Perugia, Ilio Liberati che ha sottolineato il carattere sportivo dell’evento, quello aggregativo e sociale: “la presenza dell’Avis – ha detto Liberati – testimonia come sport e valori siano un binomio fondamentale e vincente. In questo particolare momento, c’è un bisogno crescente e impellente di donazioni di sangue sia al Santa Maria della Misericordia, sia nelle altre strutture della regione. Sensibilizzare i cittadini anche attraverso queste iniziative risulta importante e speriamo che l’invito e l’appello rivolto ai perugini possa essere raccolto dal maggior numero di persone possibile”.

Filippo coadiuvato in primis da suo Papà, il suo primo sostenitore e fan, ha inanellato giro dopo giro, ora dopo ora, sempre con un sorriso, una parola per tutti, il tutto per divertirsi e fare qualcosa di buono: sul tavolino del ristoro approntato per l'occasione, c'era anche una scatola per le offerte per la cura di malattie neorologiche, come dire, niente è stato lasciato al caso e gli amici di Filippo, ma anche tanta gente comune, durante le 24 ore si sono aggregati al nostro ultramaratoneta dal cuore d'oro e generoso, indossando magari la maglietta del Popof day fatta stampare appositamente per l'occasione. Nella mattinata di domenica, mentre le 24 ore volgevano al termine, erano circa 150 gli atleti e non che correvano insieme al nostro Popof e anche l'Assessore che aveva dato il via al sabato non è voluto mancare, insieme alla Rai regionale accorsa quasi per caso per seguire le gesta di questo eroe dal cuore semplice.

Sono stati 190 i km percorsi da Filippo Poponesi durante il suo allenamento: "E' stata un'impresa -ha dichiarato Filippo- sono stanco ma sono felice di aver corso nella mia città e fatto conoscere l'ultramaratona ai tanti umbri che mai si sognerebbero una cosa di questo genere. Sono felice di essere arrivato alla fine".

Al telefono dopo qualche ora Filippo ha dichiarato: "E' stata un'apoteosi! Qualcosa che mai mi sarei aspettato!“ Filippo ha tracciato la strada, anche l'Umbria forse avrà la sua ultramaratona ad ore. Sì perchè c'è da giurarci che questa sia stata non solo una scommessa vinta, ma anche la prova generale di una bella 24 ore in uno dei parchi più belli d'Italia!

Ma per questo c'è tempo, ora Filippo, come i tantissimi italiani che parteciperanno all’edizione n.28 della Spartathlon, l’ultimo fine settimana di settembre, si concentrerà soltanto sul suo prossimo grande obiettivo: partire da Atene per arrivare dopo 246 km, nella mitica Sparta; a lui spetterà toccare il piede di Leonida, ricevere la coppa dalle ancelle per dissetarsi ed essere incoronato con la corona d'ulivo, quella riservata agli atleti vittoriosi nei giochi olimpici dell'antica Grecia. E noi tutti, gli amici seguiremo le sue gesta e quella di tutti gli altri italiani che vi parteciperanno, facendo il tifo: forza Filippo! da Popof cosacco russo a Spartathleta!

 

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (Matteo Simone - Denise Quintieri) - in Interviste Ultramaratone italiane 2015
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche