Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
23 settembre 2015 3 23 /09 /settembre /2015 01:23
Psche&Sport intervista Katia Figini, ultramaratoneta dei deserti e vessillifera di cause solidali: "Fallisce solo chi smette di sognare"

Katia Figini è una ultramaratoneta esperta nelle corse nei deserti.

Nel suo palmares sono presenti numerose competizioni internazionali tenutesi nel deserto della Namibia, dell'Oman, del Mali, del Sahara, della Giordania e della Bolivia.

Katia Figini, oltre ad essere una sportiva vincente, è anche attiva in prima persona per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne. Nel 2010 e nel 2011 è diventata testimonial del progetto Run for Women diventando la prima donna in assoluto a percorrere 5 deserti in 5 continenti in un solo anno.

Attualmente Katia Figini è anche un coach sportivo e cura la preparazione per podisti a tutti i livelli e per runner che desiderano partecipare a gare nei deserti.

 

Niccolò Fabi, un cantautore italiano, canta “la solitudine è amara beatitudine, per me. E' necessaria come un vizio e la coltivo un po' per sfizio”. Per te, Katia, cos'è la solitudine? Che rapporto hai con lei e che valore ha all'interno della tua vita quotidiana?

 

Io ho sempre pensato di soffrire, di patire, l'idea di rimanere sola, ma in realtà spesso e volentieri sono sola nella mia vita.

Trasferendomi da Milano ad un paesino su un cucuzzolo di una collina di poco più di 300 abitanti, mi sono accorta che molto del mio tempo lo passo da sola e non mi pesa. A volte chiaramente ho il desiderio e il piacere di condividere del tempo e delle esperienze con gli altri, ma anche lo stare da sola lo trovo piacevole.

Sicuramente con il tempo ho imparato che a volte le persone riempiono il tempo per non stare da sole, ma queste cose hanno poca qualità. Quindi ho imparato a preferire di condividere il mio tempo con persone care, che posso anche darmi un ritorno esperienziale e valoriale. Se non c'è invece uno scambio arricchente credo sia meglio anche stare soli.

 

Credi la solitudine possa darti qualcosa che la folla e il gruppo non possano darti?

 

La solitudine ti permette di approfondire dei pensieri di natura introspettiva che con altri non potresti sviluppare. Non rapportandoti con altri credo sia più facile entrare nella propria sfera personale.

Chiaramente anche lo stare troppo soli non credo faccia bene. Ovviamente mi alleno anche con amici che condividono la mia passione. Entrambe le dimensioni se portate all'estremo credo siano dannose, è bene anche qui trovare un equilibrio.

 

Pensando alle tue gare, credo che una tua dote sia la resistenza. Ripensando alla tua vita, fin da quando eri bambina, c’è stato un momento o un’esperienza in cui ti sei accorta che eri portata per “la resistenza” e che la sensazione di superare la fatica ti poteva piacere?

 

La prima cosa che mi è venuta in mente è che la prima volta che ho dovuto dimostrare a me stessa la mia resistenza è quando a sei anni stavo rischiando di annegare. Ho chiamato aiuto per moltissimo tempo

Ero andata al largo con alcuni amici un po' più grandi di me e mi sono trovata in un mulinello che mi trascinava sotto. In quel momento mi trovavo sola, i miei amici non mi sentivano, e c'era questa forza che mi trascinava giù e ho capito che non dovevo mollare.

Mi ricordo che tenevo in mano con forza una maschera che tanto avevo desiderato e che mi era stata regalata dai miei genitori, perchè non volevo lasciarla. Non so con precisione quanto tempo ho chiesto aiuto, ma può essere passata mezz'ora, e mi sono resa conto che non potevo mollare.

Questo è stato il primo approccio, ma devo confidarti che sono sempre stata una persona che “non mollava” facilmente. Anche crescendo con un gruppo di amici maschi con cui facevamo cose un po' “estreme”, come pedalare per 40 km in bici tra i parchi, per stare dietro a loro che erano “più forti” di me, io non potevo mollare.

 

Trovavi piacevole queste attività di resistenza?

 

Nell'infanzia non ti domandi se provi piacere o meno. Ti trovi in una data attività, la fai. Chiaramente essendo in compagnia c'era anche un aspetto di piacere.

Se penso alla vita attuale il superare una fatica porta soddisfazione, perchè riuscire a fare qualcosa che in un dato momento era fatico, ma sei riuscito a superarlo penso sia gratificante per chiunque.

 

Durante le tue ore di corsa esistono dei pensieri a cui ricorri attivamente per far fronte ai momenti di difficoltà? Ti posso chiedere quali sono?

 

Io lavoro con un mental coach (Luca Taverna). Di mio avevo innate degli approcci di pensiero che normalmente si trattano con un mental coach, ma il lavoro con lui mi ha permesso di sistematizzarle e di farle diventare un metodo.

Un trucco per superare un momento di difficoltà è pensare all'arrivo, al podio, al traguardo, alle persone che si complimentano con te. Anche pensare ad assaporare una vittoria. Chiaramente ciò non significa darla per scontata, perchè questo ti porterebbe a dormire sugli allori. Questo ti motiva ad arrivare, perchè è come il pensiero di un bambino che sa che alla fine c'è la torta. Questo entusiasmo ti porta a vedere la fatica come ad un prezzo da pagare per ottenere un grande regalo.

Un'altra possibile strategia da utilizzare quando sta arrivando una crisi è fare ironia e sdrammatizzare. Nel mio caso, quando sono nel deserto mi dico che se sono li è perchè l'ho deciso io, ho pagato per esserci, mi sono allenata duramente e ora ho la possibilità di vedere dei posti stupendi. Razionalizzo la situazione per evitare di vederla in modo drammatico.

 

Credi che l'essere donna, una sportiva donna, possa caratterizzare la tua pratica atletica dal punto di vista mentale? Aspetti del tuo essere donna possono avvantaggiarti in allenamento e/o in gara?

 

Nelle gare a tappe le donne nelle prime fasi sono in posizioni di rincalzo, ma mano a mano che si susseguono le tappe una donna riesce ad avvicinarsi maggiormente ai primi o comunque riesce a guadagnare più posizioni se rapportata ad un uomo. Credo che l'essere maggiormente strateghe ci aiuti sotto questo aspetto. L'essere più debole a livello biologico, avendo muscoli più piccoli ci porta ad essere più strateghe e meno prepotenti nello “spingere”, ci porta, forse, ad avere una marcia in più sotto l'aspetto mentale.

Anche pensando alla maternità e ai nove mesi di gestazione, credo renda chiaro come una donna abbia una grande resistenza innata.

Chiaramente poi più che l'essere donna credo sia il carattere di una persona quello che ti avvantaggia in allenamento o in gara. Anche se una donna può avere dei vantaggi dal punto di vista mentale, ci sono donne stupide come donne intelligenti. Uomini stupidi come anche uomini intelligenti.

 

So che ti sei impegnata in prima persona per contrastare il fenomeno della violenza contro le donne e per sostenere l'emancipazione femminile. Parlando di corsa e di sport in genere, in che modo secondo te queste attività possono sviluppare e rinforzare il carattere della “donna moderna occidentale”?

 

Completerei anche con“uomo moderno occidentale”, perchè quando c'è benessere si tende un po' ad essere molli.

Tornando alla domanda, innanzitutto lo sport cambia la vita, perchè non ci sono scorciatoie e capisci che se vuoi riuscire, indipendentemente da quale sia il tuo obiettivo, ti devi “fare il mazzo”. Questo è già un buon campo per imparare molte cose.

Un altro elemento di insegnamento dello sport è che “nessuno ti regala niente” e soprattutto nel mio sport, quando corri per una settimana ti porti tutto ciò che ti serve sulle spalle e questo ti permette di comprendere quali sono le cose importanti nella vita, ciò di cui hai bisogno. Quando ritorni al mondo “occidentale” capisci quanto tu sia fortunato e impari a valorizzare ciò che già hai senza desiderare necessariamente tante altre cose.

Il fatto di sedersi ad una sedia e mangiare ad un tavolo è un valore aggiunto della vita, perchè se mangi per terra una settimana dopo aver corso ed essere stanco ti rendi conto di quanto sia scomodo. Possono sembrare una banalità un tavolo e una sedia, ma se impari a godere di queste cose, sei felice tutti i giorni.

Anche il lavandino dell'acqua! Se tu passi dai 35 ai 48 gradi, come mi è capitato nel deserto dell'Oman, dove ogni microgoccia dell'acqua è importante a casa tua, dove sei seduta vicino a una fonte di acqua quasi inesauribile, dici “questa è la fortuna più grande del mondo!”.

Credo che anche la donna orientale o africana, se dovesse venire qua, perderebbe la sua forza, perchè anche noi eravamo così prima.

 

Partecipi a stage di corsa e prepari atleti per corse nel deserto. Quanto conta l'aspetto mentale in questa attività?

 

Inizialmente ho pensato al 50%, almeno al 50%. Poi riflettendo ho capito che la percentuale sale all'aumentare dei km. Credo si potrebbe quasi fare un grafico.

A me è capitato anche di avere delle crisi correndo 5 km “tirati” e “impiccati”, però psicologicamente potevo dire a me stessa “manca poco” e che è questione di minuti. Se devi fare 100 km e dopo un passo ti rendi conto te ne mancano ancora 99,9 psicologicamente diventa distruttivo.

Più tempo devi stare sulle gambe e più hai bisogno di testa. Il prof. Arcelli diceva che ci può essere un grande atleta a livello fisico, ma se questo atleta non ha una mente che funziona bene non potrà fare una maratona da atleta con la A maiuscola. Io sono completamente in accordo con il prof. Arcelli [continua]

 

Per leggere tutta l'intervista, segui il link

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (Fonte: Psiche e Sport) - in Interviste Personaggi
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche