Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
19 settembre 2015 6 19 /09 /settembre /2015 01:48
Tor des Géants 2015 (6^ ed.). Viene fermato per maltempo all'alba del 5° giorno di gara. Solo 6 al traguardo

(La Stampa Aosta) Chiuso, in anticipo, per maltempo. La 6^ edizione del Tor des Géants è stata fermata all’alba del quinto giorno di gara con i primi sei della classifica generale al traguardo e tutti gli altri fermi nelle basi vita e nei punti di ristoro con il naso all’insù e l’orecchio teso alle radio di servizio che capire se la direzione gara avrebbe dato l’ok per la ripresa.

A causa delle avverse condizioni meteo il Tor des Géants - 330 km e 24.000 metri dislivello, considerata la gara di corsa in montagna più dura al mondo - è stato definitivamente sospeso.

Lo hanno deciso gli organizzatori soprattutto per la scarsa visibilità in quota che pregiudicava la sicurezza degli oltre 500 concorrenti ancora in gara. Tra le donne il successo va quindi alla svizzera Denise Zimmermann, seconda Lisa Borzani.
Al maschile la gara è stata vinta dal 51nne francese Patrick Bohard, seguito dall'imolese Gianluca Galeati e dal francese Christophe Le Saux.

«La priorità è sempre stata e rimane assolutamente quella di garantire la sicurezza a ogni concorrente - spiegano gli organizzatori -. La direzione di gara sta provvedendo a organizzare i trasporti per riportare tutti i runner a Courmayeur o a consentire loro di raggiungere i propri mezzi».

La decisione. «Non avevo scelta - ha spiegato Alessandra Nicoletti, a capo dell’organizzazione -. In quota c’era una nebbia fittissima che permetteva un metro di visibilità, non di più. Non potevamo permetterci di mandare a correre 500 persone in quelle condizioni. Questa mattina [il 18 settembre, mercoledì - ndr] ho tirato giù dal letto il meteorologo per capire con esattezza quale sarebbe stata l’evoluzione. In un attimo lui mi ha dato la previsione di netto peggioramento e ho preso la decisione. In serata è uscito il sole ma era tardi: avrei tenuto ferma la corsa per 18 ore perché era già stata sospesa alle 20 di mercoledì. Troppe. E dopo tre notti passate con il tempo avverso un’altra giornata di brutto tempo, per i trailer, non sarebbe stata sopportabile».

Per la prima volta in sei anni il Tor si é fermati poco dopo la metà delle 150 ore previste come tempo massimo per completare la gara.

E il percorso di riserva? Non sarebbe stato possibile far disputare il resto del Tor a quote più basse?

«Il tracciato era pronto ma sarebbe stato problematico arrivarci - ha spiegato la Nicoletti - proprio per la nebbia. Nella zona del Reboulaz era davvero fittissima». Il presidente della Regione Augusto Rollandin, in gara sino a Niel, aveva parlato nei giorni scorsi di «scelta delle settimana sbagliata per far disputare il Tor».

Ha dichiarato ancora la Nicoletti: «È capitata la settimana sbagliata, quella nella quale è piovuto tanto. La prossima, magari, avremo di nuovo il bel tempo. Il Tor è sempre stato disputato la seconda settimana di settembre e abbiamo sempre avuto tutto sommato condizioni buone. Non è stato il Tor più difficile da gestire, anzi: ho capito che è fondamentale poter contare su persone preparate come sono stati i controllori e professionisti con i fiocchi come le guide alpine che hanno presidiato i colli più alti. Ciò che è stato difficile da gestire sono state le polemiche».

(La cronaca di Lunedì 14 settembre nel comunicato stampa ufficiale) I primi concorrenti hanno già fatto il giro di boa e stanno ritornando, sempre a passo di corsa, verso Courmayeur transitando prima sotto gli occhi severi del Monte Rosa e del Cervino. Si contenderanno il traguardo mercoledì mattina. Intanto la “pancia” della gara sta scendendo verso Donnas, il punto più a est del lungo percorso, mentre la coda dei 750 partenti sta ancora affrontando i colli più alti, tra i quali Entrelor e Loson, che superano i 3mila metri e hanno la testa bianca di neve.

Sui colli alti la notte scorsa c’è stata una sospensione della corsa di tre ore, per permettere alle guide alpine di raggiungere un punto critico, ovvero un torrente ingrossatosi per le piogge della notte. Una volta in cima però l’acqua era rientrata nell’alveo e non c’è stato nessun intervento sostanziale da fare. Nel frattempo i concorrenti, tranne quelli di testa che erano già passati prima che il torrente decidesse di allargarsi, erano stati fermati nel punto ristoro di Eaux Rousses (e nelle basi vita precedenti), creando un inevitabile affollamento.

Così, un albergatore molto gentile ha aperto “al pubblico” la hall del suo hotel e anche alcune stanze per permettere ai concorrenti una sistemazione più comoda in attesa della ripartenza. Un intervento molto apprezzato da tutti i concorrenti e anche dagli organizzatori, e comunque segno della grande partecipazione delle genti delle valli valdostane.

Questo fermo gara di tre ore ha naturalmente fatto slittare la chiusura di tutti i cancelli orari successivi di un tempo analogo. La ripartenza, avvenuta alle ore 7, ha permesso a tutti di affrontare la salita del Col Loson, 3299 metri di altezza, dove fin dall’inizio - e ci resteranno fino al termine della gara, ovvero sabato - stazionavano cinque esperti della sicurezza in montagna, tre Forestali e due Guide alpine, che hanno scalinato un buon tratto del sentiero in discesa verso il Rifugio Sella e battuto la pista dallo strato nevoso. Anche questo duro lavoro ha riscosso l’apprezzamento di molti concorrenti.

Qualche scivolone, dovuto alla fatica e alla mancanza di concentrazione, ma niente di più. Nella giornata solo un volo fuori programma (in elicottero) per un concorrente portoghese con sintomi di ipotermia avvisati su Col Entrelor. Al pronto soccorso è arrivato in codice bianco, quindi nulla di preoccupante, ma per precauzione è stato trattenuto in “osservazione”. Alla base vita di Cogne, quindi quella dopo la discesa dalla montagna che aveva destato maggiore apprensione, solo un gran lavoro per i massaggiatori, per rimettere in moto polpacci e quadricipiti provati dalla discesa.

Medici e infermieri sono rimasti per fortuna inoperosi. A Cogne si è dovuto registrare anche il ritiro di Sonia Locatelli, che aveva suscitato grande entusiasmo il pomeriggio precedente alla base vita di Valgrisenche, perché in testa, perché brava, perché valdostana. La giovane runner di Donnas ha avuto problemi di stomaco, forse per il freddo incamerato in quota, è ha dovuto rinunciare a proseguire il viaggio. Ha lasciato dunque la caccia al primo gradino del podio alla svizzera Zimmermann e alla veneta Borzani che procedono spedite a breve distanza l’una dall’altra.

Naturalmente la strada è ancora lunga e tutto può succedere. Infine i ritiri, oltre a quello della Locatelli. Una cinquantina, al momento, ma il dato non è incasellabile perché non tutti ripassano dalle basi vita a segnalare il cambio di rotta. C’è chi cerca un passaggio o si fa caricare in macchina dall’assistente e torna in albergo, comunicando poi il suo ritiro in un secondo tempo. A determinare i ritiri ufficiali soprattutto la stanchezza e il freddo delle creste più alte, ma sono componenti prevedibili di una difficile corsa in montagna. La corsa continua, con un occhio al cielo, per un meteo sempre ballerino.

Tor des Géants 2015 (6^ ed.). Viene fermato per maltempo all'alba del 5° giorno di gara. Solo 6 al traguardo

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (fonti web: La stampa Aosta)) - in Trail e Ultratrail 2015
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche