Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 aprile 2016 7 10 /04 /aprile /2016 22:18
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start

Alla 22^ edizione della Acea maratona di Roma, che si è disputata il 10 aprile 2016, si è visto un Alex Zanardi da leggenda: ha conseguito il suo quinto successo qui a Roma con il crono - a detta di qualcuno - stratosferico di 1h09'15. Il kenyano Amos Kipruno - esordiente nella distanza - vince con il miglior crono italiano dell'anno (2h08'12), mentre tra le donne primeggia l'etiope Rahma Tusa in 2h28'49. "Saluto tutti i partecipanti alla Maratona” è stato l'augurio speciale che Papa Francesco ha rivolto ai partecipanti dell'Acea Maratona di Roma al termine del “Regina Coeli” in piazza San Pietro.

Sono ancora Kenya e Etiopia a trionfare all'Acea Maratona di Roma, ma il primo sigillo della giornata è tutto italiano e ha il sapore dell'impresa storica. Alex Zanardi, il 49enne ex pilota e ora atleta paralimpico bolognese, ha centrato il quinto successo a Roma (2010, 2012, 2013 e 2014 gli altri) con un crono stratosferico, 1:09.15, polverizzando il precedente record che già gli apparteneva (1:11.46 nel 2012).
Questa la cartolina della 22^ Acea Maratona di Roma, che oggi, in via dei Fori Imperiali, ha visto al via oltre 14.000 runner provenienti da 115 nazioni e circa 50.000 partecipanti alla Roma Fun Run di 4 chilometri.

A vincere la gara maschile è stato l'esordiente keniano Amos Kipruto, 23 anni, con il tempo di 2:08:12, il miglior risultato dell'anno sulla maratona in Italia e il settimo di sempre sul traguardo di via dei Fori Imperiali. Tra le donne si è imposta la 22enne etiope Rahma Tusa, che ha tagliato il traguardo in 2:28:49.

I maratoneti hanno ricevuto anche il saluto di Papa Francesco, che al termine della recita del “Regina Coeli” in piazza San Pietro, si è rivolto agli atleti che erano passati proprio dal piazzale antistante la Basilica di San Pietro, poco prima di metà gara. “Saluto tutti i partecipanti alla Maratona”, è stato l'augurio speciale del Papa.

Ma vediamo nel dettaglio la gara maschile e quella in rosa dei top runner.
La gara maschile
.
Kipruto, che si allena in un gruppo guidato dal coach italiano Claudio Berardelli, era alla sua prima maratona ma ha saputo gestire la gara come un veterano. Il ritmo delle lepri è stato molto elevato: 15:00 al 5° km, 30:05 al 10°, 1:03:40 alla mezza maratona, quando i primi erano ancora in linea per attaccare il primato della corsa (2:07:17). Dopo il passaggio al 30° km in 1:30:43 e l'abbandono dell'ultima lepre al 32° km, la gara ha avuto un rallentamento fino al doppio attacco di Kipruto, prima al 36°, poi al 37° km.

L'atleta keniano ha preso subito il largo sul 21enne etiope Birhanu Addissie Achamie, grazie ad un parziale straordinario di 14:50 tra il 35° e il 40° km. Achamie come lo scorso anno si è dovuto accontentare del secondo posto, seppure con il primato personale di 2:09:27, riuscendo a resistere al rientro del 25enne keniano Dominic Ruto, che era partito come lepre e che allo sprint ha superato l'altro etiope Tujuba Beyu Megersa. Entrambi sono stati accreditati dello stesso tempo (2:09:28). Ruto e Kipruto sono amici fraterni e da anni condividono la stessa stanza nel training camp di Gianni Demadonna a Kapsabet. Achamie, Ruto e Megersa hanno tutti migliorato il primato personale, a conferma che il percorso della maratona di Roma può garantire grandi risultati.

Il primo atleta italiano all'arrivo è stato il 29enne cuneese Martin Dematteis, gloria della corsa in montagna azzurra, che ha chiuso all'11° posto in 2:18:20, poco davanti al 36enne bergamasco Giovanni Gualdi, 12° in 2:18:36. Entrambi gli azzurri gareggiano per la Corrintime. Al 13° posto il campione italiano di maratona in carica, Dario Santoro (2:23:31), dell'Atletica Potenza Picena.

Ma veniamo ora alla gara femminile. Tusa ha fatto una gara tutta d'attacco, passando a metà gara in 1:14:24. Già al 25° km è rimasta da sola e nel finale, pur soffrendo un po', è riuscita a chiudere in 2:28:49, migliorando il suo personale di quasi 5'. Al 2° posto si è classificata la connazionale Mulu Melka Duru, 23 anni, che ha concluso in 2:29:59, mentre la sorpresa è arrivata dal 3° posto dell'algerina Kenza Dahmani, che con il tempo di 2:33:53 si è migliorata di quasi 6 minuti e ha anche conquistato la convocazione nella squadra olimpica per i Giochi di Rio de Janeiro di quest'estate.

La prima italiana al traguardo è stata la 28enne veneziana della Forestale Giovanna Epis, che dopo un passaggio di 1:18:31 a metà gara ha avuto dei problemi nel finale, ma ha comunque migliorato il suo primato con 2:38:20.

Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ ed.). Quinto successo per Alex Zanardi con crono da record. La vittoria al kenyano Kipruno e all'etiope Tusa. In oltre 14.000 allo start

Le dichiarazioni dei protagonisti. Kipruto (vincitore): “La gara ha avuto un ottimo ritmo fino al 32° km, poi io ho provato ad allungare e mi è andata bene. Ero ben preparato, sapevo di poter puntare alla vittoria. Dedico la vittoria a mia moglie, che anche questa mattina mi ha chiamato dal Kenya per incitarmi, e ai miei due gemellini, che hanno appena otto mesi. Quando torno a casa farò loro un bel regalo. Il percorso è bellissimo, avevo la possibilità di andare a correre altre maratone, ma volevo essere qui a Roma”.

Kipruno dopo il taglio del traguardo, vittoriosoAchamie (2°):L'anno prossimo tornerò a Roma per vincere e correre in 2:07. Sono contento comunque del 2° posto, quando il vincitore ha allungato ho avuto un problema alla coscia e non sono riuscito a fare meglio. La differenza con l'anno scorso? Oggi non c'era la pioggia, poi i pacemakers sono stati straordinari”.

Ruto (3°):Ieri dopo la riunione tecnica avevo chiesto se potevo anche concludere la gara, perché stavo bene. Ho tirato gli atleti fino al 32° km, poi avevo ancora energie e sono contento del terzo posto”.

Dematteis (11°): “E' stata una gara da sogno, ho vissuto tante emozioni e l'arrivo sotto il Colosseo è stato impagabile. Dedico questa gara al mio bambino che nove mesi fa è andato in cielo. Sono partito regolare, a metà gara sono passato in 1:09:20. Davanti vedevo Giovanni Gualdi e l'ho preso come punto di riferimento, riuscendo a raggiungerlo al 30° km. Negli ultimi km ho visto le stelle, ma sono riuscito a concludere con un risultato che mi soddisfa, anche perché sono stato il primo bianco all'arrivo. Ora tornerò alla mia “vecchia” corsa in montagna, ma potrei dedicarmi di più alla corsa su strada. Gli Europei 2018 sulla maratona? Perché no”.

Tusa, Etiope, vincitriceGualdi (12°): “Nel 2012 qui a Roma mi ero ritirato e mi dispiaceva che fosse una delle poche maratone che non avevo concluso. C'era tantissima gente sul percorso e gli ultimi 10 km sono stati bellissimi. Sono contento per Martin, lui è un ragazzo straordinario che sa dare il 110 per cento e soffrire fino all'ultimo”.

Tusa (vincitore): Il mio obiettivo era migliorarmi e salire sul podio, dunque sono contentissima della vittoria. Mi sentivo bene e ci ho provato. I soldi del premio? Li metterò da parte per comprarmi una casa”.

Diro (2°): “Arrivare seconda in una gara così importante è un risultato importante. Purtroppo nel finale ho avuto dei dolori alle gambe e correre sui sampietrini non è stato facile”.

Dahmani (3°): Io sono una specialista dei 10.000 e della mezza maratona e non pensavo di andare così bene. La gioia più grande è che ho conquistato il tempo per poter andare a correre le Olimpiadi”.

Epis (4°): Sulla carta sono contenta, perché ho fatto il personale e sono arrivata 4°, ma è stata una gara sofferta. Di gambe stavo bene, ma fin dall'inizio ho avuto un po' di mal di pancia e dunque ho dovuto saltare quasi tutti i ristori dopo il 20° km. Fino al 35° km ero ancora in tabella per fare 2:37, ma ho dovuto gestire gli ultimi 7 km, grazie anche al pubblico che mi ha incitata e al mio fidanzato Luca Tocco che doveva accompagnarmi fino al 30° km e invece è stato al mio fianco fino alla fine”.

Zanardi: Sono molto felice della gara, un tempo eccezionale su un percorso straordinario che conosco a memoria lo considero un obiettivo raggiungibile. Sono arrivato in ottima forma, un tempo così mi fa ben sperare per le Paralimpiadi. A Rio non avrò rivali? Beh, correrò su un percorso che non conosco e contro tanti validi avversari. Certo però dopo il risultato di oggi ho buone sensazioni”.

 

CLASSIFICHE

UOMINI

1. Amos Kipruto (KEN) 2:08:12

2. Birhanu Addissie Achamie (ETH) 2:09:27

3. Dominic Ruto (KEN) 2:09:28

4. Tujuba Beyu Megersa (ETH) 2:09:28

5. Abebe Negewo Degefa (ETH) 2:11:02

6. Ezekial Kemboi Omullo (KEN) 2:11:49

7. Robert Kipkemboi Kiplimo (KEN) 2:12:22

8. Silas Cheboit (KEN) 2:12:33

9. Muhajr Sjar Haredin (ETH) 2:12:44

10. Hosea Kisorio Kimeli (KEN) 2:17:12

11. Martin Dematteis (ITA) 2:18:20

12. Giovanni Gualdi (ITA) 2:18:38

 

DONNE

1. Rahma Tusa (ETH) 2:28:49

2. Mulu Melka Diro (ETH) 2:29:59

3. Kenza Dahmani (ALG) 2:33:53

4. Giovanna Epis (ITA) 2:38:20

5. Dominica Stelmach (POL) 2:43:53

6. Anna Alberti (ITA) 2:47:49

7. Fasika Metaferiya Zenebe (ETH) 2:50:43

8. Paola Salvatori (ITA) 2:52:33

9. Maurizia Cunico (ITA) 2:54:08

10. Maria Grazia Bianchi (ITA) 2:55:30

 

HANDBIKE

1. Alessandro Zanardi (ITA) 1:09:15

2. Mauro Cratassa (ITA) 1:16:49

3. Vittorio Podestà (ITA) 1:23:00

 

Domenica 10 aprile 2016, la città di Roma si è trasformata nella più grande festa di sport italiana. Oltre 15.000 runner (16.764 erano gli iscritti) provenienti da 115 nazioni dei cinque continenti sono stati protagonisti della 22^ Acea Maratona di Roma insieme alle decine di migliaia di cittadini e turisti che hanno partecipato alla Roma Fun Run di 4 chilometri. Partenza e arrivo della maratona sono stati dati in via dei Fori Imperiali, mentre la non competitiva, partita pure da via dei Fori Imperiali, si è conclusa all'interno del Circo Massimo, dove i partecipanti hanno trovato ad accoglierli gli stand dalle associazioni di volontariato di Roma che partecipano all’edizione 2016 del Good Deeds Day, evento che nel 2015 coinvolse più di 25.000 cittadini nella capitale.
Si tratta di una 
manifestazione internazionale di attivazione sociale nata nel 2007 partendo dalla convinzione che ognuno può fare qualcosa di buono per il bene comune. L’evento, con il quale l’Acea Maratona di Roma ha creato un gemellaggio, si èpotuto realizzare grazie alle associazioni di volontariato, ai gruppi informali di cittadini o dalle istituzioni, in collaborazione con Cesv – Spes Centri di servizio per il volontariato del Lazio.

La prima partenza, quella degli handbiker, è stata data alle 8.35.
Alle 8.40 è partita la prima tranche dei maratoneti; la seconda alle 8.45 e la terza alle 8.51.
Alle 9.10 sono scattati i partecipanti alla Roma Fun Run.
Il tempo limite per chiudere la maratona era di 7 ore e 30 minuti.

Il percorso dell’Acea Maratona di Roma 2016 è stato simile a quello dello scorso anno, con oltre 500 siti di interesse storico, archeologico e architettonico toccati dal tracciato. Via dei Fori Imperiali è stata come sempre teatro dei due momenti più emozionanti della maratona: la partenza e l'arrivo, entrambi all’altezza del Foro di Traiano-Campidoglio: la partenza in direzione di Piazza Venezia, via del Teatro Marcello, mentre l’arrivo invece da via IV Novembre - Piazza Venezia, avendo dunque di fronte il Colosseo.

L’evento è stato trasmesso in diretta in Italia su RaiSport dalle 8.20 alle 11.45 e in streaming sul portale www.raisport.rai.it.
Nel mondo sono stati 120 i paesi collegati in diretta.

Il via è stato dato dal sub commissarrio di Roma Capitale Clara Vaccaro. Alla partenza sono state presenti molte personalità politiche ed amministrative, tra i quali il presidente del Cip e vice presidente del Comitato Roma 2024 Luca Pancalli e il presidente FIDAL Alfio Giomi. Hanno partecipato, invece, alla gara il presidente del CONI Giovanni Malagò, gli onorevoli Sandro Gozi e Laura Coccia, l'attore Max Giusti.

Questa la descrizione dell'opera: "L'acqua scorre e il vento soffia". Nell’opera realizzata dall’artista Marco Pittacci sono rappresentati gli atleti, uomini e donne, pensati come una massa unica, senza finalizzare l’attenzione sul singolo, accompagnati da linee curve che ne accentuano il movimento. Da sfondo, in sintesi stilistica, sono rappresentati l’Acquedotto Claudio, in linea con il tema dell’acqua scelto quest’anno dall’evento e il Foro Romano che, tradizionalmente, fa da cornice alla partenza della Maratona di Roma. Sulla sinistra si notano in un piano più ravvicinato i resti del Tempio di Saturno che, dopo quello di Vesta e Giove è il più antico luogo sacro romano. In modo velato è stato inserito anche un simbolo, il pesce, legato all’Anno Giubilare: tale simbolo, dal significato polisemico, è di origine pagana ma fu adottato per lungo tempo dai cristiani sia per rappresentare il Cristo sia per riconoscersi in tempi di persecuzioni.

Questa la descrizione dell'opera: "L'acqua scorre e il vento soffia". Nell’opera realizzata dall’artista Marco Pittacci sono rappresentati gli atleti, uomini e donne, pensati come una massa unica, senza finalizzare l’attenzione sul singolo, accompagnati da linee curve che ne accentuano il movimento. Da sfondo, in sintesi stilistica, sono rappresentati l’Acquedotto Claudio, in linea con il tema dell’acqua scelto quest’anno dall’evento e il Foro Romano che, tradizionalmente, fa da cornice alla partenza della Maratona di Roma. Sulla sinistra si notano in un piano più ravvicinato i resti del Tempio di Saturno che, dopo quello di Vesta e Giove è il più antico luogo sacro romano. In modo velato è stato inserito anche un simbolo, il pesce, legato all’Anno Giubilare: tale simbolo, dal significato polisemico, è di origine pagana ma fu adottato per lungo tempo dai cristiani sia per rappresentare il Cristo sia per riconoscersi in tempi di persecuzioni.

Marco Pittacci, studente presso il Centro Sperimentale di Cinematografia, ha realizzato la medaglia-finisher della 22^ edizione della Maratona di Roma Acea

L’Acea Maratona di Roma ha promosso anche quest’anno un concorso rivolto a giovani artisti italiani per la realizzazione del disegno della medaglia celebrativa della 22^ edizione del 10 aprile 2016.
All’iniziativa, che gode del patrocinio della Vice Presidenza Regione Lazio, nonché dell''Assessorato alla Formazione, Ricerca, Scuola, Università, hanno partecipato gli studenti di Istituti d’Arte, Licei Artistici, Accademie, ed anche Artisti membri di Associazioni Culturali regolarmente costituite presenti sul territorio nazionale.

Tra le decine di elaborati pervenuti agli organizzatori, ne sono stati selezionati 4 da parte di una giuria composta da artisti, professori degli istituti d’arte e organizzatori della Maratona di Roma. Le opere finaliste sono state quelle realizzate da Maria Cristina Marmo, Ambra Nadalini, Marco Pittacci e Ralf Trillana.

La scelta tra i tre finalisti è ricaduta sull’opera realizzata da Marco Pittacci, 28enne romano laureato nel 2012 in scenografia all’Accademia di Belle Arti di Roma e attualmente studente del Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, che il 2 dicembre 2015 nella sede della Regione Lazio è stato premiato dagli organizzatori della maratona.

Papa Franceco riceve da Enrico Castrucci il primo esemplare coniato della medaglia commemorativa della 22^ edizione della Acea maratona di RomaLa medaglia, che è stata prodotta in 17.000 esemplari, è stata consegnata a tutti i podisti finisher che hanno tagliato il traguard0 della 22^ Acea Maratona di Roma.
Una medaglia che nei suoi contenuti figurativi si riconnette all'anno giubilare.

Infatti, proprio a significare ciò, una delegazione dell'Acea Maratona di Roma guidata dal suo presidente Entrico Castrucci è stata ricevuta dal Papa all’udienza pubblica di Mercoledì 6 aprile n piazza San Pietro. E, in tale circostanza il santo Padre ha ricevuto e indossato la medaglia ufficiale dell'Acea Maratona di Roma, il primo dei 17.000 esemplari coniati.

 

 

 

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (comunicato stampa) - in Maratone Italiane 2016
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche