Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
15 aprile 2016 5 15 /04 /aprile /2016 16:40
Acea Maratona di Roma 2016 (22^ edizione). L'Università La Sapienza di Roma ha partecipato con il progetto "Marathon Evolution"

Il 15 marzo 2016, nella sede della Facoltà di Psicologia dell’Università di Roma La Sapienza, è stato presentato il Progetto Marathon Evolution. Alla presentazione, hanno partecipato i responsabili del progetto Fabio Lucidi, Professore Ordinario presso La Sapienza – Università di Roma, dove è Direttore Responsabile del Servizio di Psicologia dello Sport, Giovanni Salvatori, biologo ricercatore presso l'Università del Michigan, Walter Casenghi, presidente Forum Sport Center e Enrico Castrucci, Presidente Maratona di Roma.

Cos'è Marathon Evolution? La 22^ edizione dell’Acea Maratona di Roma si è arricchita di un contributo scientifico grazie a un’idea di Fabio Lucidi, Professore Ordinario presso La Sapienza – Università di Roma, dove è Direttore Responsabile del Servizio di Psicologia dello Sport.
Si tratta di un progetto sportivo, una sfida, ma non la solita sfida. E’ la ricerca di un limite sano, fisiologico, un’opportunità per dimostrare che è possibile concludere l’esperienza di Filippide costruendo la propria salute, al riparo da ogni condizione di stress psicofisico, fruendo di una esperienza culturale, mentre si compie una “impresa” sportiva.

In sostanza un gruppo di 35 semplici praticanti volontari e senza alcuna specifica preparazione, provenienti da una rete di circoli sportivi romani guidata dal Forum Sport Center, hanno aderito due mesi prima della data della Acea Maratona di Roma al progetto. Per prepararsi a correre i suoi 42,195 chilometri, hanno avuto gratuitamente a disposizione un biologo nutrizionista, uno psicologo, un allenatore e un preparatore atletico.
Dopo un primo incontro individuale, sono stati seguiti on line e dal vivo attraverso programmi di preparazione fisica, alimentare e mentale.
La preparazione per la maratona è diventata così l’occasione per costruire un percorso individuale e di gruppo di salute e benessere. Durante il periodo della preparazione, sono stati effettuati test psicofisici per monitorare le condizioni dei partecipanti con l’avvicinarsi della gara. I 35 semplici praticanti hanno affrontato la loro sfida, al termine della quale sono stati monitorati dal team del progetto “Marathon Evolution” dal punto di vista psicofisico.

Grandi atleti del presente e del passato hanno accompagnato al traguardo i “Maratoneti Evoluti”. Tra questi, fuori gara, atleti del calibro di Gabriella Paruzzi, Elisabetta Perrone, Maria Guida, Angelo Carosi, Deborah Toniolo e Giovanni Ruggiero.

Il progetto ha visto diverse istituzioni ed enti pubblici e privati riconoscerne l’interesse e il valore di promozione della salute, culturale, sportiva e sociale.
Il partenariato è stato dunque ampio e ha visto il coinvolgimento di enti pubblici come la Facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza, Università di Roma, da cui il progetto è nato e che ha seguito la preparazione fisica e mentale dei partecipanti e, con l’Ospedale Sant’Andrea, ha provveduto alla valutazione psicometrica dei partecipanti e all’analisi dei parametri biologici per la valutazione dello stato psicofisico dei partecipanti.

Fabio Lucidi in azione di corsa

Fabio Lucidi in azione di corsa

Di seguito il progetto nel dettaglio

Acea Maratona di Roma 2016 (22^ edizione). L'Università La Sapienza di Roma ha partecipato con il progetto "Marathon Evolution"

La vision del progetto. Per anni, la maratona è stata considerata un'impresa estrema e potenzialmente pericolosa per la salute. In effetti, la storia di Filippide, che muore per i suoi sforzi, viene tipicamente usata come una metafora per celebrare la capacità umana di sconfiggere la fatica necessaria per correre ininterrottamente per 42,195 km, ma anche per descrivere il senso di un’impresa tanto eroica quanto stressante per l’organismo. Oggi, la crescente popolarità della maratona tra persone di ogni età è un inno alle capacità della nostra specie di percorrere le lunghe distanze, grazie alle caratteristiche del corpo e della mente umana di gestire sforzi aerobici prolungati. Molte ricerche scientifiche attribuiscono proprio a questa capacità un ruolo centrale nella nostra evoluzione.
E’ anche grazie ad essa che Homo Sapiens si è affermato nel confronto con specie, più forti, più aggressive e più veloci, almeno sulle brevi distanze. L’essere umano è dunque altius, citius, fortius rispetto a specie ben più prestanti, anche perché è un maratoneta naturale, nato per eccellere naturalmente nelle prestazioni prolungate. Se però questo è vero, la distanza della maratona dovrebbe poter essere coperta dall’Uomo senza particolari stress, in una condizione fisiologica che si adatta alle sue caratteristiche psicofisiche, in uno stato di piena salute e benessere. Si propone dunque di immaginare una dimensione sportiva che si trasforma per adattarsi alla necessità, tipica della nostra specie, di associare a essa nuove esperienze conoscitive, di scoprire continuamente ciò che siamo e ciò che ci circonda. Così come la capacità della nostra specie di correre la maratona ha rappresentato una spinta decisiva per l’evoluzione umana, è ora il momento di fare evolvere la maratona, trasformandola in una occasione per esaltare e non per stressare le capacità dell’essere umano. Una maratona preparata e corsa col cronometro puntato sul proprio benessere.

L’obiettivo del progetto. Marathon Evolution è stato un progetto sportivo, una sfida, ma non la solita sfida. E’ la ricerca di un limite sano, fisiologico, un’opportunità per dimostrare che è possibile concludere l’esperienza di Filippide costruendo la propria salute, al riparo da ogni condizione di stress psicofisico, fruendo di una esperienza culturale mentre si compie una “impresa” sportiva.

Come si è svolto. Un gruppo di 35 semplici praticanti volontari e senza alcuna specifica preparazione, hanno partecipato al progetto. Per prepararsi, hanno avuto gratuitamente a disposizione un biologo nutrizionista, che ne ha seguito la preparazione dal punto di vista alimentare, uno psicologo che ha facilitato un percorso capace di portarli a sostenere l’impegno dal punto di vista mentale, nonché dei programmi per un’adeguata preparazione atletica. Dopo una prima visita individuale, i partecipanti sono stati seguiti on line e direttamente. Ogni settimana, sono stati forniti loro i programmi di preparazione fisica, alimentare e mentale.
Ogni mese e mezzo sono stati programmati incontri di gruppo.
Le comunicazioni tra i partecipanti e tra i partecipanti e lo staff sono state quotidiane, attraverso gruppi whatsapp. La maratona è divenuta così l’occasione per costruire un percorso individuale e di gruppo di salute e benessere. Durante il periodo della preparazione, sono stati effettuati test psicofisici per monitorare le condizioni degli atleti con l’avvicinarsi della gara. Gli atleti hanno sempre avuto a disposizione un indirizzo di posta elettronica dedicato, al quale potevanp rivolgersi per ogni dubbio o comunicazione personale con lo staff dei trainer.

I partecipanti. Hanno preso parte al progetto 35 persone, provenienti da una rete di circoli sportivi, guidata dal Forum Sport Center. I partecipanti non erano dei maratoneti, o non lo erano più da molti anni, ma semplici praticanti che, volontariamente, hanno deciso di avvicinarsi o riavvicinarsi al podismo, guidati dalla ricerca del proprio benessere e dalla curiosità per una esperienza sportiva da preparare in tempi ragionevoli e senza entrare in un circuito di agonismo esasperato. Il requisito di base è stato quello del certificato medico agonistico necessario per iscriversi a Maratona di Roma, oltre che a una preparazione di partenza minima, equivalente alla capacità di correre per almeno un’ora continuativa, a qualsiasi passo.

La gara. I partecipanti, che hanno seguito i programmi di allenamento messi a disposizione dallo staff di esperti, sono stati accompagnati durante la gara da pace-maker riservati al progetto, che li hanno portati a concludere la maratona di Roma entro le 6 ore.
Durante la gara essi hanno seguito un percorso che alternava parti di corsa e parti di cammino. Non si è trattato solo di un modo di gestire lo sforzo, ma di uno strumento di consapevolezza per rendersi conto adeguatamente di ciò che si era, di dove si era, di cosa si stava facendo.
Per questa ragione, durante le parti “camminate” i partecipanti al progetto hanno avuto la possibilità di incontrare storici dell’arte e archeologi, che hanno raccontato Roma, pezzi della sua storia, delle bellezze architettoniche che si succedevano nel percorso della maratona. Autorevoli medici, psicologi, biologi, fisiologi, allenatori e atleti, hanno spiegato il percorso psicofisico che gli atleti stavano affrontando, durante la gara stessa. Una gestione adeguata dei rifornimenti, programmata da un esperto nutrizionista, ha permesso di affrontare la gara con il corretto approccio dal punto di vista del consumo metabolico. Psicologi dello sport hanno aitatou gli atleti a superare ogni eventuale difficoltà dal punto di vista motivazionale. Dopo la conclusione della Maratona, semplici valutazioni psico-fisiologiche hanno permesso di verificare se, effettivamente, l’impresa della maratona si sia svolta in assenza di rilevanti condizioni di stress psico-fisico.

Gli Enti che hanno partecipato al Progetto. Il progetto ha visto diverse istituzioni ed enti pubblici e privati riconoscerne l’interesse e il valore di promozione della salute, culturale, sportiva e sociale. Il partenariato è stato dunque ampio e ha coinvolto enti pubblici come la Facoltà di Medicina e Psicologia della Sapienza, Università di Roma, da cui il progetto è nato e che segue la preparazione fisica e mentale dei partecipanti e, con l’Ospedale Sant’Andrea, ha provveduto alla valutazione psicometrica dei partecipanti e all’analisi dei parametri biologici per la valutazione dello stato psicofisico dei partecipanti; il Gruppo Sportivo della Forestale che ha fornito un supporto tecnico, logistico e di partecipazione. Il partenariato di enti legati alla promozione sportiva e sociale è stato altrettanto ampio e prestigioso. L’ente “Maratona di Roma”, ha offerto l’iscrizione gratuita a ciascuno dei partecipanti, il materiale tecnico, i rifornimenti personalizzati durante il percorso. Un'ampia rete di circoli sportivi della città e della Regione, sotto la guida del Forum Sport Center, ha provveduto a identificare i partecipanti e a mettere a disposizione il proprio staff.

I testimonial del progetto. Grandi atleti del presente e del passato accompagneranno al traguardo i “Maratoneti Evoluti”. Hanno garantito la propria presenza e la propria disponibilità ad accompagnare, fuori gara, i maratoneti evoluti al traguardo alcune “grandi donne” dello sport italiano, campionesse di valore assoluto in diverse discipline basate sulla resistenza. Hanno infatti voluto testimoniare la loro adesione al progetto, Gabriella Paruzzi, vincitrice della medaglia d'oro nella 30 km sci di fondo a tecnica classica ai XIX Giochi olimpici invernali di Salt Lake City 2002 e della Coppa del Mondo di sci di fondo del 2004; Elisabetta Perrone, medaglia d'argento ai Giochi olimpici di Atlanta 1996 nella marcia; Maria Guida, medaglia d'oro nella maratona ai Campionati Europei del 2002 di Monaco di Baviera. Il parterre di atleti in campo maschile non è da meno. Tra loro Angelo Carosi, medaglia d'argento ai campionati europei di Helsinki 1994 sui 3000 metri siepi. L’idea di una maratona “familiare” è stata apprezzata anche dalla coppia azzurra del fondo per antonomasia composta da Deborah Toniolo e Giovanni Ruggiero.

Gli sponsor tecnici e gli Enti patrocinatori del Progetto. Enti prestigiosi hanno riconosciuto il valore sociale, scientifico e culturale dell’iniziativa. La Regione Lazio che ha messo a disposizione delle risorse per lo studio scientifico che ha accompagnato l’iniziativa.
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi lo ha patrocinato. Oltre a enti prestigiosi, anche singoli professionisti hanno messo a disposizione del progetto le proprie risorse, sempre a titolo gratuito. Professionisti della nutrizione hanno seguito gli atleti durante la preparazione e ne cureranno l’alimentazione in gara. Professionisti dell’associazione guide di Roma, durante le parti di cammino della Maratona, hanno permesso agli atleti di recuperare anche dallo sforzo mentale e hanno trasmesso loro, la propria passione e competenza per le bellezze della città di Roma che si sono incontrate durante il percorso. La Maratona è divenuta così anche l’occasione per una visita guidata dentro un percorso senza uguali, che si è sviluppata lungo la storia dell’arte e della cultura.

I responsabili del progetto. Fabio Lucidi, Professore Ordinario presso La Sapienza – Università di Roma, dove è Direttore Responsabile del Servizio di Psicologia dello Sport, è autore di oltre duecento pubblicazioni scientifiche di rilevanza internazionale. E’ presidente dell’Associazione Italiana di Psicologia e membro del Consiglio Direttivo della Società Mondiale di Psicologia dello Sport.

Giovanni Salvatori, laureato in Scienze Biologiche, dopo il Dottorato di ricerca in Scienze Morfogenetiche e citologiche (Facoltà di Medicina), ha conseguito il Master in Dietologia e Nutrizione. E' stato Ricercatore presso l'Università del Michigan.

Walter Casenghi, imprenditore e dirigente sportivo, è presidente Forum Sport Center. E’ anche presidente della Lega Italiana Nuoto.

Enrico Castrucci, presidente della Maratona di Roma, é stato insignito di numerosi premi e onorificenze tra cui il premio CONI (2003), il premio USSI (2004) il titolo di Ambasciatore della Città di Roma. E’ docente a contratto alla Sapienza per il corso di comunicazione sportiva presso il Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale.

Bibliografia

Bramble D.M., Lieberman D.E., Endurance running and the evolution of Homo. Nature. 2004 Nov 18;432 (7015):345-52

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni (da comunicato stampa) - in Maratone Italiane 2016 Marathon Evolution
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche