Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 gennaio 2017 1 02 /01 /gennaio /2017 06:32
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno
Lonehill Parkrun (31.12.2016). Correre Parkrun in Sud Africa, nell'ultimo giorno dell'anno

(Maurizio Crispi) Ed eccoci a partecipare ad un Parkrun sudafricano, proprio nell'ultimo giorno dell'anno. 
Per motivi di vicinanza abbiamo scelto il Lonehill Parkrun che ha luogo a non molta distanza dal Midstream Estate, nel territorio di Johannesburg, e nel contesto del Lonehill Park Dam.
Una scelta ottima:  questo Parkrun ha luogo all'interno di una vasta riserva naturale, la Lonehill Nature Reserve che si estende tutt'attorno ad una piccola collina rocciosa dalle venatare rossastre e che spicca solitaria rispetto alle dolci variazioni collinari che caratterizzano il paesaggio circostante. 
La collina di rocce (enormi massi accastati gli uni sugli altri, senza alcuna vegetazione nella parte sommitale, ha un che di magico. 
E, in effetti, questa magia della roccia era stata sicuramente colta dalle popolazioni ancestrali di questi luoghi che nei suoi dintorni qui si insediarono. Tant'é che nel 1960 degli scavi archeologici hanno portato alla luce due fornaci scavate nella roccia. 
Il punto di raccolta si trova al riparo di grandi alberi fronzuti. La giornata, malgrado l'ora, si presenta già calda...  La folla è piuttosto cospicua: ci sono dei cartelli che indicano dove posizionarsi. "Pram" per quelli che che correranno spingendo il baby jogger; "Dogs"per quelli che faranno la loro corsa in compagnia del proprio amico a quattro zampe (in alcuni casi anche due). E poi tutti gli altri. 
Ma, in realtà, poi, ognuno si mette dove gli pare...
Prima dello start, uno dei volontari di questo Parkrun, Brynn Janeke (questo il suo nome, come apprenderò in seguito, parlando con lui) fa il consueto briefing pre-corsa, secondo il protocollo collaudato di tutti i parkrun del mondo. 
Lonehill ParkrunPer farsi sentire da tutti i presenti che assommano ad occhio e croce ad alcune centinaio, si è messo in piedi su una piccola sedia e parla in un microfono che amplifica la sua voce. 
E quindi il via.
E' una vera festa, prima come sempre accade sfilano i più veloci,poi tutti gli altri: c'è di tutto. E questo dimostra come la filosofia del Parkrun sia fatta per tutti coloro che finiscono per essere esclusi dallo spirito competitivo messo in scena da amatori che hanno perso di vista il senso di essere amatori Lonehill Parkrun e dalle ristrettezze dei tempi massimi.
Ci sono uomini e donne sovrappeso, bambini e adolescenti di tutte le età, donne incinte, anziani e anzianissimi, alcuni semi-sciancati e costretti a camminare appoggiandosi ad un bastone. Altri non sono nemmeno abbigliati con abiti tecnici da corsa, ma vestiti normalmente come se fossero usciti di casa per una passeggiata. 
Data la vastità del parco  che regala peraltro dei colpi d'occhio formidabili, i runner e i camminatori completeranno la distanza in due giri soltanto, ciascuno di 2500 metri circa.
Si arriva nel punto più estremo al koppje (la collina solitaria), poi si costeggia un grazioso laghetto ombreggiato da alcuni imponenti salici piangenti (così mi sembrano), su uno dei quali stanno appollaiati decine di grandi uccelli bianchi che non spiccano ai il volo (forse lo faranno più tardi, quando si saranno riscaldati al sole), si attraverso un grazioso ponte di legno e di ferro e quindi si torna a percorrere la stessa strada del primo giro, sino alla fine e alla volata finale (per quelli che si sentono di affrontarla), alla finishing line. 

Molti mi prendono per un fotografo ufficiale e chiedono dove potranno trovare le foto: in effetti, non c'è nessun altro che fotografa. Tanto che mi viene chiesto di immortalare in foto uno che oggi ha corso il suo centesimo Parkrun. 
Lonehill Parkrun. Celebrando la 100^ voltaMi intrattengo a parlare con il volontario con cui ho già parlato prima prima che, staccando i tempi di arrivo con il cronometro, mi dà la progressione del numero degli arrivati, numero che rilancia alla ragazza, anch'essa una volontaria che distribuisce i cartellini che serviranno poi ad abbinare il codice a barre individuale con il tempo di arrivo. 
Come ho detto, si chiama Brynn Janeke ed è lui stesso un corridore di Parkrun: mi mostra con orgoglio il berrettino che indossa che -- mi spiega - viene rilasciato a chi abbia corso 20 parkrun in sud Africa in 20 location diverse. Ma mi dice anche che presto andrà a Londra per partecipare al Parkrun all'origine di tutti i Parkrun, il "Primo", in assoluto - Bushy Park -  e che lo farà approfittando di una settimana di viaggio in UK.
Cogliendo l'occasione gli parlo dei parkrun in Italia e mi risponde che lo terrà presente: prima o poi ci farà un pensiero.
Quando il conto ha superato i 320 arrivi, i runner arrivano ancora, ma con il contagocce e gli ultimi come i primi sono felici e contenti; e poi il flusso si arresta. 
Brynn mi dice che questa volta il numero dei partecipanti è stato inferiore al solito: solitamente hanno una media di 700 partenti. Grande! Forse , questa volta, sono stati dimezzati dal fatto che siamo all'ultimo dell'anno e che questo in Sudafrica è il periodo delle vacanze estive...
All'arrivo, tutti sono stati accolti calorosamente, dal volontario addetto di distribuire i tallocini con il numero progressivo dell'arrivo. A tutti spettava un grande sorriso e l'esclamazione "Well done"!
Uno spettacolo che mi messo allegria e che mi ha dato la sensazione di essere all'interno di una grande famiglia, specie conoscendone già riti e miti.
Poi, nel giro di poco tempo, una volta arrivato l'ultimo e smantellata la segnaletica del percorso, la folla come d'incanto è sparita e tutti sono tornati alle proprie occupazioni usuali. Tanto, tra una settimana, ci sarà una prossima volta, la prima del nuovo anno. Il Parkrun non ti tradisce mai:c'è sempre, da una settimana all'altra, un appuntamento immancabile...
Solo alcuni si sono soffermati a fare un picnic nel prato, mentre altri si sono diretti verso un locale confinante con il parco, che in occasione del Parkrun tiene aperto il cancello posteriore che dà appunto sul prato, in modo tale che i runner possano accedervi senza dover fare un giro complicatissimo, costretti per questo a prendere l'auto. Anche questo un bell'esempio di interazione e di attivazione di circuiti virtuosi! Casualmente, ho scoperto che il locale che funziona da bar e da ristorante (dall'ora di Breakfast sino a quella di cena) con tavoli che godono di una meravigliosa vista sul laghetto e sul koppje, si chiama Antonio's ed è probabilmente gestito da un Italiano.

Web
Lonehill Parkrun: http\://www.parkrun.co.za/lonehill/
Lonehill Parkrun su Facebook: https\://www.facebook.com/lonehillparkrun/
Lonehill Nature Reserve: http\://www.sa-venues.com/game-reserves/ga_lonehill.htm

 

Foto di Maurizio Crispi

Tutte le foto relative all'evento raccontato nell'articolo sono state pubblicate sulla omonima pagina Facebook

Tutte le foto relative all'evento raccontato nell'articolo sono state pubblicate sulla omonima pagina Facebook

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorn (Maurizio Crispi)i - in parkrun Eventi promozionali e formativi allo sport
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche