Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
10 dicembre 2014 3 10 /12 /dicembre /2014 07:02

Christmas Marathon pro ADMO 2014. Quando si corre con la testa e con il cuore: a Nicolosi raggiunti gli obiettivi prefissati

Si è svolta tra il 5 e il 6 dicembre 2014 a Nicolosi (Catania), all'interno del camoo di atletica ubicato nella pineta Monti Rossi, la Christmas Marathon pro ADMO, in cui Rosario Catania ed Elena Cifali hanno deciso di utilizzare 24 ore della loro vita, umana e sportiva, camminando e correndo sulla pista del Campo Monte Rossi ai piedi dell’Etna, per dare un messaggio importante a tutti e per sostenere una causa, quella dellADMO.

La loro sfida di 24 ore mirava a due obiettivi principali; il primo era raccogliere fondi per l’ADMO; il secondo era testare le reciproche capacità di camminata-corsa in previsione di obiettivi sportivi futuri.
Nell’arco di queste 24 ore, i nostri due eroi hanno affrontato sonno, freddo, vento e pioggia; hanno sfidato la solitudine della notte, ma sono stati in compagnia della luna e delle stelle; hanno assistito al formarsi di un arcobaleno proprio accanto all’Etna, maestoso  e perennemente presente nelle loro vite; si sono ricaricati e motivati grazie alla presenza, la compagnia, il supporto - ognuno a suo modo -, di tutti i loro sostenitori, familiari, conoscenti, atleti, amici, convenuti ad orari diversi nel tatro della loro ADMO-disfida.

Gli obiettivi prefissati da raggiungere, e superare, erano 4:

  • obiettivo A = 45km 
  • obiettivo B = 90km 
  • obiettivo C=125km 
  • obiettivo D =150km 

Nel pomeriggio di sabato, Rosario Catania, a causa di un’infiammazione al tendine che ha bloccato del tuttola funzionalità del suo ginocchio sinistro, ha dovuto porre termine alla sua performance, avendo accumulato un totale di 95.5 km (229 giri), attestandosi dunque sull'obiettivo B.
Rosario, pur dolendosi del ritiro anzitempo, ha ringraziato tutti coloro che lo hanno supportato.
Elena Cifali, invece, è riuscita a conquistare l’obiettivo D, cioè quello dei 150 km (366 giri) in 24 ore. 

In un breve messaggio sulla sua pagina Facebook, Elena Cifali ha comunicato a tutti gli amici, l’obiettivo raggiunto: “Missione compiuta!150 km in 24 ore tra grandissime sofferenze. Ma il merito non è mio. Il merito è di tutti coloro che sono stati con me durante queste lunghissime ore. Tanti angeli custodi, ognuno unico e indispensabile. Un abbraccio d’incoraggiamento al mio compagno di avventura, Rosario Catania. E un grazie immenso a mio marito che mi è stato vicino sempre! Tutti sarete adeguatamente ringraziati domani, adesso devo dormire, ho dolori in ogni parte del corpo, capelli compresi”. 

E, di seguito, le considerazioni finali di Elena Cifali.

Christmas Marathon pro ADMO 2014. Quando si corre con la testa e con il cuore: a Nicolosi raggiunti gli obiettivi prefissati(Elena Cifali) La mia 24 ore su pista finisce con questo messaggio inviatomi dall’amica Inge Poidomani: “Oggi sei un faro per tutte le mamme che hanno bisogno di midollo per i loro figli. Domani tuo figlio penserà all’esempio che ha dato sua madre e lo renderà un uomo migliore”.

Ho sempre sostenuto che le lunghe distanze sono un viaggio fuori e dentro di noi.

La 100 km del Passatore è sempre stato un viaggio dentro di me, dentro la donna che spesso diventa bambina. Ma correre e camminare all’interno di una pista di atletica per 24 ore non è un viaggio, non è complicato, non è difficile!
Dopotutto non devi fare altro che girare, girare, girare. Non ti puoi perdere, hai sempre tutto a portata di mano, sai perfettamente cosa troverai dopo la curva e dopo il rettilineo.
Vedi sempre le stesse medesime cose. Il cielo, l’Etna, il prato, gli alberi, sempre tutto uguale.
A cambiare sei solo tu! Cambia il tuo umore, cambia la tua stanchezza, cambia il modo in cui guardi le cose, cambiano i tuoi abiti, cambia il tuo appetito, cambia la tua forza di volontà, cambia il sentimento che provi dopo ogni metro.
Non è difficile, non lo è per niente!
Basta avere tanta forza fisica, tanta buona volontà, tanta determinazione, tanto senso del dovere.
Basta sempre ricordarsi di quella promessa fatta.
Basta tenere la testa alta a sapere affrontare tutto ciò che si para davanti con fierezza e orgoglio.
L’unica cosa di cui si può fare comodamente a meno sono le chiacchiere. Non è sufficiente parlare, dettare parole vuote, senza seguito.
Per contribuire ad un mondo migliore servono i Fatti!
I Fatti con la F maiuscola.
Mi serviva sapere d’essere capace di percorrere 150 km.
Mi serviva sapere fino a che punto sono capace di proiettare lo sforzo fisico e mentale.
Mi serviva ricordare chi sono e cosa valgo. Mi serviva sognare in grande e di grandi cose.
Mi serviva trovare il modo di aiutare ADMO per la sua raccolta fondi.
L’ho potuto fare nell’unico modo che conosco: correndo!
E così, io e Rosario Catania, alle 22.00 di venerdi ci siamo “buttati” in Pista a Nicolosi, a 840 mt d’altitudine, ed abbiamo iniziato a correre.
Soli per tante ore, ci guardava a vista solo la luna. Bianca, splendente, illuminava noi, il campo, l’Etna e ci faceva sognare. Davvero, a tratti pensavo d’essere dentro una grande campana di vetro, pensavo di sognare. La temperatura bassa ci imponeva di correre quanto più possibile, per scaldarci, per non gelare.
Ho avuto freddo, tantissimo freddo. Di notte e anche di giorno, non sono riuscita a stare in mezze maniche per più di mezz’ora. La maglia termica e il gilet sono stati compagni inseparabili durante questa lunghissima avventura.

Poi, pian piano anche l’alba ha fatto capolino.
Guardavo la luna tramontare e il sole sorgere a seconda del lato della pista in cui mi trovavo.
Era ancora buio quando ho scorto un’omba: Marco è venuto a trovarmi, lo stringo in un abbraccio. Avevo bisogno di un conforto ed è arrivato lui, a dimostrazione che nulla accade per caso.
Poi arriva anche Attilio, iniziamo a parlare e finalmente il tempo ricomincia a scorrere.
Gli amici sono una tesoro prezioso e non esiste denaro che li possa comprare.
Ecco, adesso la pista è un brulicare di gente, di podisti, di camminatori, di bimbi.
Gente che arriva e gente che va, tutti con lo scopo di rendersi utili. In tanti sono arrivati da Catania ma altri arrivano da tante parti della Sicilia, come Giovanna Barone e Vito Massimo Catania.
Rimango sorpresa dal constatare quanta gente ci vuole bene, prova e dimostrazione che abbiamo lavorato bene.
Christmas Marathon pro ADMO 2014. Quando si corre con la testa e con il cuore: a Nicolosi raggiunti gli obiettivi prefissatiLa giornata scorre, è ancora mattina, ma nella mia percezione temporale credo sia pomeriggio inoltrato. Credevo fossero le quattro del pomeriggio quando mi accorgo che sono solo le 11.00.
Cerco di mangiare e bere ogni 5 giri di campo, che per me, nella seconda corsia corrispondono a 410 mt per giro.
Poi finalmente arrivano le patate lesse e i panini.
Mi tornano le forze e trovo il coraggio di ricominciare a correre.
Ma la stanchezza è davvero tanta e ricomincio a sentire freddo.
Freddo, freddo, freddo. Mi copro sempre di più, fino ad essere costretta ad indossare il giubbotto pesante, il cappello ed il cappuccio.
Ci sono 10°, ma io ne percepisco molti di meno. Inizio a lamentarmi, come quando ho la febbre alta. Desidero dormire, chiudo gli occhi mentre procedo sempre avanti, la pista non ha più segreti per me, ne conosco a memoria ogni singolo metro.
Nel pomeriggio il calo di zuccheri e la stanchezza hanno lasciato aperta la porta alle allucinazioni, così inizio a vedere le strisce sulla pista che si muovono come serpenti. Col calare delle tenebre le strisce diventano sempre meno visibili e così anche i miei serpenti immaginari spariscono.
Rosario ha chiuso la sua sfida con oltre 95 km, un bel traguardo considerando l’infiammazione seria che ha colpito il suo ginocchio.
Anche lui è molto stanco e decide di andare a casa, seguirà la mia impresa da lì. Adesso sono rimasta sola. Ma sola, quando si hanno tante persone intorno che ti vogliono bene non lo si è mai.
Rimangono a farmi compagnia Salvo Crudo e Carmelo Torrisi. Eccezionali! Con loro trascorro le miei ultime 3 ore di fatica, facendo il conto alla rovescia. Adesso mancano “solo” 66 giri di campo. Stringo i denti, devo farcela, posso farcela! Giro, giro, giro, tremo, batto i denti, i lamenti si fanno sempre più continui, la febbre sale.
Carmelo mi parla della sua vita, di quando aveva 16 anni, della Francia, dell’Inghilterra, della sua voglia di vivere ed io lo ascolto con molto piacere. E’ un caro amico. Salvo dall’altra parte non si allontanano un solo istante, loro soffrono il freddo insieme a me. Quando arriva l’amico Giovanni Vitale capisco che ormai è davvero quasi finita. Lui contribuisce a darmi quel senso di sicurezza di cui ho bisogno in questo momento. Una montagna di bontà che comincia a fare da speaker, conta i giri, fa i calcoli, cammina insieme a me. I miei lamenti aumentano proporzionalmente al diminuire dei giri.
Sto veramente molto male, ma non ho mai pensato, neppure per un istante di arrendermi. Non l’ho mai fatto perché so con assoluta certezza che io valgo 150 km, e quelli farò!
Il freddo è stato il mio nemico numero uno, il buio, la notte e le 40 ore di continua attività hanno fatto il resto.
Passo per l’ultima volta sotto il ponte contagiri con quella fierezza che sempre mi ha contraddistinta, con l’orgoglio di avere contribuito ad una nobile causa. 366 giri di campo sono i 150 km che mi ero prefissa.
Sono orgogliosa di me e consapevole che sono arrivata a questo punto soprattutto e grazie a tutti gli amici che mi hanno sostenuta.
A tutti quelli presenti e anche a quelli che da casa mi hanno sostenuta in svariate maniere. Grazie a tutti …. Ci vediamo alla prossima follia!

Condividi post

Repost 0
Published by Elena Cifali - Ultramaratone, maratone e dintorni - in Solidarietà-tutela ambiente
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche