Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
12 dicembre 2014 5 12 /12 /dicembre /2014 05:45

Trail dei Nebrodi 2014 (1^ ed.). Alcune considerazioni sul dibattito post-gara e il bilancio finale di Aldo Siragusa, organizzatore

(Maurizio Crispi) Il Trail dei Nebrodi, svoltosi l'8 dicembre 2014, ha suscitato un ampio dibattito tra coloro che vi hanno partecipato: un dibattito il cui contenuto è stato quello della "sicurezza" dei trailer in condizioni meteo molto difficoltose e lungo un percorso ritenuto difficile sotto il profilo delle carattersitiche del territorio. Un dibattito che, in sé, può avere delle valenze costruttive e che é anche espressione della esperienza che i trailer siciliani hanno accumulato nel campo del Trail.

Non voglio entrare nel merito delle singole argomentazioni.

Ma vorrei fare qualche commento generale.

Innanzitutto il Trail di per sé è una declinazione del running in cui il meteo - da un certo punto di vista - fa parte della gara.
Qui, in UK, i partecipanti ai trail e alle corse in natura sono felici quando le condizioni meteo sono estreme: quanto più pioggia, fango, vento, neve ci sono tanto più essi si sentono felici e vicini allo "spirito trail".
E, quindi, non pongono mai in questione il fatto che un trail avrebbe potuto essere annullato per via di condizione meteo avverse o troppo estreme.
Si corre comunque con i piedi a mollo nell'acqua o sguazzando nella neve o slittando sul ghiaccio, sotto la pioggia e al vento. E il diveritmento e la soddisfazione sono garantiti, poichè il trail o quello che in UK chiamano il "Fell Running" devono garantire avventura e sfida, devono essere challenging.
Quindi, in UK, non si dà mai il caso di una corsa in natura, sospesa per conizioni meteo avverse.
E' ovvio che, stando così le cose, per affrontare le sfide occorre essere allenati ed attrezzati adeguatamente, per tutte le evenienze (e a prescindere dai regolamenti che prevedono capillarmente cosa fare in questa o quella circostanza, attrezzature da portare con sé, kit di sopravvivenza etc): allenamento e dotazione dell'attrezzatura necessatia sono entrambi fattori possono soltanto essere tutelati dalla responsabilità individuale.
Un trailer è come un sub che, in pimo luogo, devoe imparare a conoscere e ad usare alla perfezione la propria attrezzatura. 
C'è un elemento che contraddistingue le manifestazioni podistiche britanniche da quelle nostrane: si considera comunemente che non vi è responsabilità alcuna dell'organizzatore per ciò che possa accadere ai partecipanti alla sua gara, in quanto i runner sono individui adulti, consenzienti e capaci di intendere e di volere.
Vi è tuttavia nella maggior parte delle gare l'assistenza medica di base, garantita sia con posti fissi, sia con modalità itineranti (per ese. con gli addetti al primo soccorso e al supporto delle funzioni vitali bici-montati, con tutte le loro attrezzature di primo intervento).
Anche nelle gare organizzate perfettamente e con ampio dispiego di mezzi può accadere l'incidente: vedi, ad esempio, il caso del Tor des Géants 2013, in cui un concorrente giapponese è deceduto per cause accidentali oppure quello di una gara trail ligure di un paio di anni fa, disputata a dicembre in condizioni meteo propibitive, in cui un runner mori per ipotermia (o forse stroncato da un infarto).
Sono cose che succedono: i fantasmi che perseguitano gli organizzatori di qualsiasi gara. Si prega sempre (e ci si adopera) perchè tutto funzioni per il meglio, ma alla fine - inaspettatamente - qualcosa succede (e per fortuna solo di rado).

Un organizzatore, questo sì, deve garantire una valida logistica della gara, un'assistenza attenta ai runner, dei punti di ristori con dei piccoli ricoveri (se l'evento si svolge in condizioni di bassa temperatura), piani di emergenza e di primo intervento: tutto ciò è sicuramente nella responsabilità di un organizzatore, come anche l'avere un Piano B a disposizione (come ormai è consutudine per l'UTMB, dove gli organizzatori seguono capillarmente l'evoluzione del meteo, pronti a modificare il percorso su varianti già studiate in anticipo).

Il compito dell'organizzatore non è per nulla facile in Italia. Perchè, nel caso decida di attestarsi su scelte prudenziali (come ridurre il chilometragio e l'altitudine), verrà immediatamente criticato dai più ardimentosi dei runner, mentre se dovesse decidere di andare avati per la strada già tracciata, allora le critiche arriveranno da altri, inesorabilmente. Insomma, l'organizzatore italiano viaggia costantemente tra Scilla e Cariddi.

Due anni fa, in concomitanza di una "bolla" di maltempo strardinaria, a gennaio, con precipitazioni nevose abbondanti e senza fine, l'organizzatore della Mezza di Portofino decise di sospendere la gara, poichè si erano create delle condizioni di mancanza di sicurezza sulle strade che i runner provenienti anche da lontano, avrebbero dovuto percorrere in auto. Ebbene, la sua decisione - presa in vista di un bene maggiore - non venne apprezzata e scoppiarono furbonde polemiche alimentate da quelli che sostenevano che egli non aveva alcun diritto di far ciò (causando a molti partecipanti un danno economico) e che avrebbe dovuto andare avanti con l'organizzazione. 

Ma spesso e volentieri le critiche più accese (e a volte più feroci) vengono dalla parte di chi non ha mai organizzato una singola gara.

Da ciò che ho letto, mi è sembrato di capire che il Trail dei Nebrodi sia stato apprezzato particolarmente da una fascia di runner che sono quelli in particolare che hanno fatto esperienza di ultratrail nel Nord Italia. Diciamo pure che il Trail dei Nebrodi con la sua complessità territoriale e con il suo meteo "difficile" ha rappresentato un esempio di come si possa fare un "grande" trail di statura europea in Sicilia, fuori dal canone delle benevole temperature e del caldo semi-desertico sulle pendici di un vulcano.
Quelle che seguono sono le parole di bilancio conclusivo e i ringraziamenti espressi da Aldo Siragusa, organizzatore per Sportaction ASD, del Trail dei Nebrodi.
 

(Aldo Siragusa) vorrei solo dire che mi fanno felice i vostri appezzamenti per il Trail dei Nebrodi, evento che ha avuto un parto molto travagliato e per questo mi ha tenuto in ansia fino a mezz'ora dalla partenza, quando abbiamo finito di risolvere gli ultimi inconvenienti. E poi c'è stato il maltempo. Ma, chiamarlo maltempo, visto che è stato molto gradito, non mi sembra corretto. Ho sentito ringraziamenti anche per quello, vi garantisco però, che io non c'entro nulla. E non c'entro nulla neanche con la bellezza del Parco dei Nebrodi che stava lì molto prima che io conoscessi il Trail.
Ci tengo comunque a "girare" i ringraziamenti a tutti quelli che si sono prodigati per la riuscita dell'evento, in particolare all'Assessore Antonio Saraniti che è stato in prima linea a "sporcarsi le mani" come e più di me. Ringrazio Lucio Pappalardo e il Nebrodi Motor Club, fondamentale per il controllo del percorso durante la garainsieme agli uomini dell'Ente Parco dei Nebrodi, il signor Leanza per il servizio navetta, i ragazzi dei ristori che erano lì ad affrontare il gelo proprio come voi, Filippo e Giuseppe infaticabili lavoratori che condividono con me questa follia. E tutte le altre persone che hanno creduto nella forza del Circuito Ecotrail Sicilia per la valorizzazione dei nostri tesori naturalistici. Vorrei anche rassicurarvi dicendovi che, se ho fatto andare avanti la gara nonostante le condizioni avverse, l'ho fatto perché sapevo che il percorso aveva la giusta copertura, perché ho sempre tenuta monitorata la situazione rimanendo sempre in contatto con gli uomini sul percorso e perché, già quando è stato disegnato il tracciato di gara, era pronto un tratto alternativo che ci avrebbe fatto evitare la cima di Monte Soro. 
E' vero, quando tutto va bene, c'è sempre una dose di fortuna, ma, questa volta, abbiamo dato filo da torcere alla sfiga.
Concludo dicendo che, se qualcuno vuole avanzare qualche critica o sottopormi qualche problema che mi è sfuggito, nell'ottica di un miglioramento dell'organizzazione, può contattarmi quando vuole, sarò felice di rispondere, dare chiarimenti e ascoltare consigli.
Chi invece vuole vuole avanzare qualche critica nell'ottica di un miglioramento del proprio blog, o sito web o gruppo facebook faccia uso di essi.

Condividi post

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni - in Approfondimenti e riflessioni
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche