Overblog Segui questo blog
Edit page Administration Create my blog
/ / /

abbots--Way-logo.jpgDa Bobbio a Pontremoli, verso Roma; la Via degli Abati è un itinerario alto-medievale che, soprattutto tra il 600 e il 1000,  gli abati e i religiosi del monastero di San Colombano di Bobbio percorrevano per raggiungere Roma.

La Via degli Abati attraversa l’Appennino Tosco-emiliano, per un totale di 125 chilometri, includendo i quattro passi di Sella dei Generali, Linguadà, Santa Donna e Borgallo.

Da Bobbio la via attraversa i territori dei Comuni di Coli, Farini, Bardi, Borgo Val di Taro, e giunge a Pontremoli, in Lunigiana, dove si innesta nella Via Francigena di Sigerico, seguendo testimonianze e segni di età medievale riscoprendo una zona di grande fascino storico, ambientale e artistico.

Storicamente era il 613 quando l’abate e santo irlandese Colombano fondò la celebre abbazia di Bobbio, poi centro europeo culturale e religioso, nonché grande studio scriptorium del Medioevo.

Fu a quei tempi che la Via degli Abati venne utilizzata dai monaci per raggiungere Roma, oltre che dagli ecclesiastici irlandesi in pellegrinaggio alla tomba di San Colombano, e per il trasporto e la distribuzione dei prodotti dai possedimenti monastici di San Colombano verso i territori piacentini, le Valli del Ceno e del Taro, e la Toscana. L’antica Via degli Abati collega le medievali Bobbio e Pontremoli, proseguendo per Roma, facendosi largo tra i millenari boschi, le gole e i torrenti degli Appennini tra le province di Piacenza, Parma e Massa-Carrara. Innumerevoli i borghi, le chiese, le rocche e i luoghi rimasti immutati nel tempo, dove solo gli elementi naturali e l’abbandono dell’uomo hanno contribuito all’attuale fascino.

Di notevole interesse storico e artistico, oltre al complesso abbaziale di Bobbio, sono il romanico Ponte Gobbo sul fiume Trebbia, importante corso d’acqua e silente testimone dell’epica battaglia che vide il condottiero Annibale vittorioso sulle truppe dell’Impero Romano, la longobarda rocca di Bardi, edificata su di un suggestivo sperone di diaspro rosso, gli eleganti palazzi rinascimentali e barocchi di Borgotaro e infine Pontremoli, antico centro medievale di traffici commerciali le cui alte torri e antichi ponti dominano le vallate della Lunigiana, culla e dimora di antiche civiltà.

Grazie all’applicazione e all’impegno di Giovanni Magistretti, studioso piacentino, la storia di questa importante via sta tornando alla ribalta; in vista di una valorizzazione e sistemazione opportuna, lo stesso Magistretti va via via incontrando i vari enti del territorio, piacentino e parmense, per discutere sulle possibilità di recupero di questo antico percorso che porterebbe a galla una parte importante della storia locale, senza considerare poi il cospicuo impatto turistico che potrebbe avere. Non solo Via Francigena, quindi, ecco che spunta allora un’alternativa, anche più umile, se si vuole, ma altrettanto ricca di spunti di riflessione, meritevole di essere conosciuta e valorizzata. Per questa via si potrebbe ritrovare un filo conduttore per spiegare i tanti perché, non del tutto risolti, della maggior parte delle costruzioni medievali presenti tutt’oggi davanti ai nostri occhi lungo il percorso.

La "Abbots' Way" che, grazie all'impegno di alcuni appassionati, giunge alla sua 4^ edizione, è appunto uno dei molti modi, vivo e pulsante, con i quali si sta facendo rivivere questo pezzo dell'antica via degli Abati.

Il punto di partenza è Bobbio che, col suo monastero fondato nel 613 da San Colombano, ha rappresentato per secoli il centro assoluto attorno a cui si muoveva la spinta culturale dell’Italia settentrionale intera. Proprio da qui, i monaci di Bobbio partirono con l’identificare questa via che arriva direttamente a Pontremoli e che, oltre a scopi di pellegrinaggio (dalla Lunigiana, infatti, si proseguiva per Roma), aveva sul suo percorso numerosi punti religiosi e economici importanti. Borgo Val di Taro, infatti, era forse il più importante e redditizio possedimento del monastero di Bobbio, oltre a costituire un luogo di sosta e ricambio dei cavalli.

Da Bobbio la strada procede per i borghi di Coli, Mareto e Groppallo, attraversando nel Piacentino i castelli dell’alta Val Nure, fino a giungere nel Parmense, con Bardi e Borgo Val di Taro. Il valico da passare per raggiungere la Lunigiana era il passo del Borgallo, allora molto più sicuro rispetto al passaggio obbligato dal quale la Via Francigena portava al Passo della Cisa, controllato inizialmente da una fortezza bizantina. Quindi questa via, come è storicamente provato, fu l’arteria principale degli spostamenti almeno fino al X secolo, quando quel varco sparì come era comparso, decadendo pian piano per lasciare il posto alla Via Francigena, la via medievale per eccellenza. Rimangono tuttora i numerosi edifici storici che sorsero o si svilupparono in corrispondenza di questa antica via. Per citarne qualcuno, la chiesa di Coli, e in particolare la grotta di San Michele, in cui San Colombano si ritirò in preghiera per quaranta giorni prima della morte, ma anche l’antica chiesa di San Cristoforo, sita a pochi chilometri da Borgo Val di Taro, o i manieri di Bardi e Compiano.

E’ ormai fuori dubbio quanto la Via degli Abati sia capace di restituirci un patrimonio culturale e artistico di grande importanza, che riassume i secoli dell’Alto Medioevo piacentino e parmense e, in parte, toscano. Un varco appenninico all’ombra imponente della mistica figura di San Colombano, il santo venuto dall’Irlanda che ancora oggi non cessa di esercitare un forte potere carismatico a livello europeo.

Il percorso storico della Via degli Abati, scoperto di recente da Giovanni Magistretti, si svolge dal 30 aprile al primo maggio con partenza da Pontremoli e arrivo a Bobbio; con il motto “Per Aspera a Astra”, giunto alla sua quarta edizione, il celebre percorso di 125 chilometri, e 5500 metri di dislivello positivo, l’anno scorso ha visto l’iscrizione di 300 persone, il massimo consentito per motivi di sicurezza, contro le 150 dell’edizione passata e le 40 del 2008. L’ultra trail, confermata anche per il 2011 nel programma della terza Giornata nazionale dei Cammini Francigeni, ideata e promossa dall’associazione Rete dei Cammini, è organizzata dall’associazione piacentina Lupi d’Appennino, presieduta da Elio Piccoli, affiancato dal vicepresidente Armando Rigolli, da Enrica Oddi e Elena Mami.

Obiettivo primario dell’evento sovra-regionale è di far rivivere e percorrere, passo passo, i sentieri e le carraie che un tempo erano battute dagli abati e dallo stesso San Colombano, fondatore di Bobbio.

Una gara ardua, quindi, tra pagine di storia, sentieri, carraie, strade battute, passando dai centri abitati alle zone più selvagge e quasi magiche, con ben tre modalità di percorso.

I partecipanti possono scegliere la classica Tappa Doppia in due giorni, il Twin Team, da fare quindi in coppia dimezzando i 125 chilometri col proprio compagno, e, novità della scorsa edizione, la Tappa Unica, tutti e 125 i chilometri continuativi, con la corsa che, per 60 chilometri, si svolge anche in notturna, con l’obbligo dell’uso della lampada frontale.

Il percorso è tipicamente appenninico con un andamento simile e ripetitivo, senza tratti esposti, ghiaioni o morene ma con sentieri affascinanti tra i passaggi di quattro vallate, piacentine e parmensi, la Val Taro, Val Ceno, Val Nure e Val Trebbia, da Pontremoli a Bobbio, passando per Bardi. E proprio parlando di Bardi qui, sulla seconda parte del percorso, vi è una variante, eliminando così l’asfalto poco apprezzato e spostandosi su un sentiero in salita verso il monte Lama, al confine tra le due province del ducato, per raggiungere 1350 metri di altitudine e scendendo verso Bruzzi. A Farini, poi, si tiene il cambio del Twin Team e la salita verso Sella dei Generali (1230 metri) porta all’ingresso della Val Trebbia, in uno sforzo intenso ma diluito verso Bobbio.

The Abbots Way è protagonista anche perché inserita nella terza Giornata Nazionale dei Cammini Francigeni; tutti insieme a piedi sulle Vie Francigene, tra le quali la Via degli Abati che nell’edizione 2010 ha visto protagonisti 12 pellegrini in gara, per riscoprire il gusto antico e sempre nuovo del cammino, ridare vita a antichi passi, promuovere una fruizione intelligente e rispettosa delle vie di pellegrinaggio, dei loro ambienti e per tutelare i loro viandanti, il tutto in un vero museo a cielo aperto tra castelli, musei, monumenti e realtà storiche, in un territorio dove sono particolarmente rinomati i vini, la pasta, i formaggi, i salumi e i funghi.

Condividi pagina

Repost 0
Published by

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche