Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
31 gennaio 2015 6 31 /01 /gennaio /2015 21:41
Pertile taglia il traguardo vittorioso in una delle precedenti edizioni della Mezza Maratona Internazionale delle Due Perle

Pertile taglia il traguardo vittorioso in una delle precedenti edizioni della Mezza Maratona Internazionale delle Due Perle

Ruggero Pertile, campione azzurro e portacolori di Assindustria Padova Sport, domenica cercherà di imporsi per la quarta volta nella Mezza maratona internazionale delle Due Perle tra Aanta Margherita Ligure e Portofino.

Pertile tra le Due Perle, ma anche tra due stage in Kenya. Il campione azzurro di Assindustria Sport è appena rientrato in Italia dopo tre settimane di allenamento sull’altipiano di Eldoret. Davanti, nel suo immediato futuro, c’è la partecipazione alla Mezza maratona internazionale delle Due Perle, in programma domenica 1° febbraio 2015 sulla classica distanza dei 21,097 chilometri, in uno scenario da cartolina tra Santa Margherita Ligure e Portofino.
Non è una gara qualsiasi per “Rero”, che, lungo queste strade, si è messo più volte in luce, scrivendo per tre volte il suo nome nell’albo d’oro della manifestazione, nel 2009, nel 2011 e nel 2013. «Mi sono allenato bene in Kenya e ora sono pronto a “sfruttare” il lavoro svolto. Punto a correre sui tempi delle ultime stagioni e non nascondo che mi piacerebbe salire sul gradino più alto del podio per la quarta volta» afferma Pertile. «Poi, il 5 febbraio, ripartirò per il Kenya, dove rimarrò a prepararmi fino al 26 febbraio, come faccio ormai abitualmente da diversi anni».
Sulla sua strada, in Liguria, ci saranno avversari di tutto rispetto, come gli azzurri Stefano La Rosa, Danilo Goffi e Denis Curzi.

 

Repost 0
22 gennaio 2015 4 22 /01 /gennaio /2015 11:23

IAU. il 1° febbraio 2015 si completano le votazione per il "Year Award best IAU Athletes 2014". Entrando nel sito web della IAU si può contribuire alla votazione

Nomination list for IAU Athlete of the Year Award 2014 & Voting Process (posted 19.01.2015)
If you would like to nominate any athletes please fill the attached nomination form. Also please note that these athlete´s performances should be based in IAU-Labelled events. Deadline for nominations: Feb 1st

Nomination List for Athlete of the Year Award 2014. To refer to the voting process please see attached: IAUATY2015 

The following athletes have already been, automatic, nominated due to the following criteria: 
  • Top 3 finish in a Major IAU Competition (MIAUC)
  • A World’s Best Performance (WBP) 

These athletes will have all the IAU labeled events listed for them in the final short-list form to be released on February 7th  2015. 

 
Men (in alphabetical order):
 
Phil Anthony GBR 2nd 50km World Trophy Final 3:01:26
Jonas Buud SWE 2nd 100km World Championships 6:32:04 
Max King USA 1st 100km World Championships 6:27:43 
Collen Makaza ZIM 1st 50km World Trophy Final 3:00:40
Jose Antonio Requejo ESP 3rd 100km World Championships 6:37:01
Harm Sengers NED 3rd 50km World Trophy Final 3:05:01
 
Women (in alphabetical order):
 
Ellie Greenwood GBR 1st 100km World Championships 7:30:48
Emily Harrison USA 1st 50km World Trophy Final 3:32:27
Catrin Jones CAN 3rd 50km World Trophy Final 3:37:54
Chiyuki Mochizuki JPN 2nd 100km World Championships 7:38:23
Joasia Zakrzewski GBR 2nd 50km World Trophy Final 3:33:20/3rd 100km World Championships 7:42:02
 

Everyone is invited to nominate other athletes (see the ´nomination form´ beneath). 

However, please do not submit names from the list above as they have already automatic nomination on the short list.
Repost 0
Published by Ultramaratone, Maratone e Dintorni (IAU) - in IAU Newsagents Commission Atleti
scrivi un commento
15 novembre 2014 6 15 /11 /novembre /2014 09:55

Turin Marathon 2014. Giovanna Volpato riparte da Torino

Giovanna Volpato riparte da Torino. La portacolori di Assindustria domenica 16 novembre 2014 in gara alla Turin Marathon: «Sono passati cinque anni dalla mia ultima 42 chilometri, tenevo tantissimo a esserci»

Nell’occasione sarà possibile trovare informazioni sulla prossima Maratona S. Antonio allo stand dell'AIMS

Sono passati cinque anni dalla sua ultima maratona, corsa a Venezia nel 2009. Cinque anni lunghissimi, costellati da vari problemi fisici, nel corso dei quali, però, Giovanna Volpato non si è data per vinta. E ora, la portacolori di Assindustria Sport è pronta a riprovarci: domenica sarà al via della 28^ Turin Marathon Gran Premio La Stampa.

«Proprio così» - racconta Giovanna, medaglia d’oro a squadre agli Europei di Goteborg 2006, azzurra ai Mondiali del 2003 e del 2007, ma anche vincitrice a Padova, nel 2002, e Firenze, nel 2008 - «Ho partecipato a diverse gare su distanze più brevi ma tenevo tantissimo a tornare a fare una maratona e ora, finalmente, sono pronta. Dove sono stata sin qui? Purtroppo ho dovuto fare i conti con l’operazione al tendine del 2010 e con diversi infortuni muscolari, dovuti anche al fatto che ho dovuto modificare il mio assetto di corsa. E poi devo anche aggiungere che in questi anni ho intensificato i miei impegni di insegnante di attività motoria, riducendo il tempo che posso dedicare agli allenamenti: attualmente lavoro per una scuola privata di Mestre».

A Torino gli obiettivi sono concentrati soprattutto sul piano personale. «So di non valere le 2 ore e 28’ del mio primato ma credo di poter puntare a un tempo attorno alle 2 ore e 34’, che posso ottenere correndo a una media di 3’40” al chilometro. Non mi pongo problemi di classifica ma solo questo traguardo personale: sarei la donna più contenta di questo mondo se riuscissi a correre a questi livelli. Tra l’altro sarà una gara tecnicamente molto valida: al via ci saranno anche atlete azzurre come Anna Incerti, Emma Quaglia e Deborah Toniolo, la vincitrice della scorsa edizione Ivana Iozzia e le keniane Helena Kirop ed Esther Ndiema, che possono realizzare grandi prestazioni. Sarà di sicuro una bella maratona».

Una maratona che, qualche anno fa, ha già portato fortuna a un atleta di Assindustria Sport: a Torino, nel 2009, Ruggero Pertile firmò il suo Pb, chiudendo in 2 ore 9’53”, rilievo cronometrico che gli valse una splendida medaglia d’argento.

Ma nel capoluogo piemontese ci sarà anche un po’ della Maratona S.Antonio. A Torino sarà infatti possibile trovare le nuove schede d’iscrizione e raccogliere informazioni sulla prossima edizione della corsa su strada padovana - in programma domenica 19 aprile 2015 - direttamente all’expo di Piazza Castello, venerdì e sabato, dalle ore 10 alle 19, presentandosi allo stand dell’Aims, l’Association of International Marathons and Distance Races.

 

Repost 0
Published by Comunicato stampa Assindustria Padova Sport - in Atleti
scrivi un commento
7 novembre 2014 5 07 /11 /novembre /2014 18:14

Acea Maratona di Roma. La maratoneta da Guinness Sigrid Eichner correrà a Roma nel 2015

La 74enne tedesca Sigrid Eichner ha già tagliato il traguardo di una maratona e ultramaratona 1850 volte.

Il 22 marzo 2015, alla Maratona di Roma, parteciperà un’atleta la cui carriera sportiva ha dell’incredibile. Si chiama Sigrid Eichner, è nata a Dresda il 29 settembre 1940, dunque ha 74 anni, vive a Berlino dove ancora lavora per finanziare le sue corse, e in 34 anni di carriera ha terminato 1850 maratone e ultramaratone (tutte elencate sul sito www.affenzahn.de), entrando nel Guinness dei Primati in quanto atleta con il maggior numero di gare di 42,195 km e oltre terminate al mondo.

“Ho deciso di correre la Maratona di Roma – afferma la 74enne tedesca – per portare la mia testimonianza in Italia. Quello che vorrei trasmettere alle persone con la mia presenza è che quello che riescono a fare gli altri riesco a farlo anche io e quasi sempre con successo. Correre una maratona, o 100 chilometri alla mia età è possibile! Io ne sono l’esempio, quindi nessuno può frenare la volontà umana se non noi stessi”.

Sigfrid ha una storia di vita difficile: nata nella Germania dell’Est da una famiglia povera è rimasta sin da piccola orfana di padre, caduto militare nella Seconda guerra mondiale. Cresciuta dalla madre insieme ai tre fratelli, è riuscita a laurearsi grazie all’impegno nello studio e nello sport che gli hanno consentito di avere delle borse di studio.
E’ un esempio di straordinaria di tenacia, tanto che in Germania gode di un'enorme popolarità.

Acea Maratona di Roma. La maratoneta da Guinness Sigrid Eichner correrà a Roma nel 2015Corre senza sosta da 34 anni, e in casa ha una collezione di oltre 400 medaglie, 400 coppe e centinaia di magliette delle gare. Ad oggi ha finito 1850 maratone e ultra maratone, tutte documentate, e se si sommano le gare portate a termine nell’ex-Germania dell’Est, purtroppo non documentabili, arriverebbe a un totale di 2.500.
In sostanza ha percorso in gara oltre 100.000 chilometri.

La sua gara non stop più lunga è stata la Grand Union Race del 1998, 145 miglia da Birningham fino a Londra chiusa in 44 ore senza assistenza.
Ha corso in 40 paesi differenti, ha partecipato 6 volte al Trans Gaule in Francia, e alla “Diagonale dei Folli” sull’isola Réunion, mentre negli Stati Uniti d’America ha corso la Bad Water
Nel 2008 è stata premiata come sportiva dell’anno da parte della DUV per le corse a tappe chiuse in una stagione: Baltic Run (320 km) in 5 giorni, Trans Gaule (1150 km), in 18 giorni, e il Deutschlandlauf (1250 km) in 17 giorni.

 

Repost 0
Published by Comunicato stampa - in Atleti
scrivi un commento
29 settembre 2014 1 29 /09 /settembre /2014 00:50

BMW Berlin Marathon 2014 (41^ ed.). Il keniano Kimetto è il nuovo recordman mondiale in maratona, sotto il muro delle 2h03

In occasione della 41^ edizione della Maratona di Berlino, disputata il 28 settembre 2014, il keniano Dennis Kimetto ha stabilito il nuovo record mondiale di maratona, correndo in 2h02'57'' (tempo ancora ufficioso).
Con questo tempo Kimetto - che ha 30 anni - è il primo uomo a scendere sotto il muro delle due ore e tre minuti.
Il precedente record mondiale - 2h 03'23'' - apparteneva ad un altro keniano, Wilson Kipsang, che lo aveva stabilito lo scorso anno sempre a Berlino.
E la maratona di Berlino si conferma uno dei tracciati di 42,195 km più veloci.

Repost 0
Published by Fonte ANSA - in Atleti
scrivi un commento
24 settembre 2014 3 24 /09 /settembre /2014 06:27

Maratonina Internazionale di Udine 2014 (15^ ed.). Ruggero Pertile batte i Kenyani e Udine é tutta sua

 

Nella Maratonina Internazionale di Udine che si è svolta il 21 settembre 2014, Ruggero Pertile, portacolori di Assindustria Padova Sport, habattuto i kenyani, risultando essere il primo italiano ad imporsi nella Maratonina friuliana. Il campione di Assindustria Sport è il primo italiano a imporsi alla Maratonina friulana

Altre notizie dal mondo di Assindustria Padova Sport: successo per i CdS allievi organizzati dal club gialloblù allo stadio Colbachini, dove vince Luisa Sinigaglia

 

(Padova 22.09.14) Ruggero Pertile torna alla vittoria. Il campione di Assindustria Sport, reduce dal settimo posto agli Europei di Zurigo, ha tagliato il traguardo per primo alla XV Maratonina internazionale di Udine, chiusa in un’ora 4’48” davanti al keniano Robert Kirui. Corsa tutta di testa per l’azzurro, che si è imposto in volata, con l’altro keniano al via, Gidion Kurgat, staccato di quasi due minuti, persi nell’ultimo chilometro.
Per la prima volta la Maratonina, che ha richiamato 1.476 iscritti, è stata vinta da due italiani, con il successo di Laila Soufyane in campo femminile.

 

C’è un feeling speciale tra “Rero” e la manifestazione friulana. Qui, nel 2007, siglò il suo personale sulla distanza (un’ora 2’17”). Qui ha avuto domenica nuove conferme. «E’ stata dura nella fase iniziale, anche perché ho sofferto l’alto tasso di umidità, ma dal quindicesimo chilometro ho sentito che le gambe iniziavano a girare bene» commenta Pertile. «Sono contento di essere il primo italiano a scrivere il suo nome nell’albo d’oro, sono molto legato a questa gara».

 

Nel week end appena trascorso Assindustria Sport è però stata protagonista anche a livello organizzativo, ospitando allo Stadio Colbachini di Padova la seconda fase regionale dei campionati di società allievi.
Quasi 700 gli atleti under 18 al via nei due giorni di gare. In luce diversi portacolori del club gialloblù, a partire dall’eclettica Luisa Sinigaglia, che ha vinto una bella prova di giavellotto (44.26 metri) e si è classificata seconda nel triplo (11.43). Piazza d’onore anche per Eleonora Calzavara nel martello (51.03), mentre, nelle gare-extra dedicate al settore assoluto, c’è da registrare l’affermazione di Igor Sapounov nei 5.000 metri di marcia (23’57”04).

 

Repost 0
Published by Comunicato stampa assindustria Padova Sport - in Atleti
scrivi un commento
12 settembre 2014 5 12 /09 /settembre /2014 18:49

Qualcuno con cui correre, in Sicilia (capitolo 4°). Su Luisa Balsamo e le sue generose avventure di corsa(Adriana Ponari) Prima che l'avventura del Tor Des Geants iniziasse, lei già a Courmayeur, ho scritto a Luisa chiedendole di correre anche per me che in questo momento (e ancora mi attendono tempi bui...) non sono in grado neanche di camminare; desideravo che,da donna generosa qual è, indossasse idealmente le mie gambe: Mi ha risposto che km ce n'erano tanti e che dentro di sé da sempre correva per chi non poteva.

La sua risposta: una grande gioia,un regalo prezioso per me.
Ho iniziato a seguirla, scrivendomi le tappe, domandando delle distanze agli amici... ho imparato dettagli e concetti che ancora non conoscevo; sempre più coinvolta da questa avventura incredibile per chi non conosce cosa sia affrontare prove difficili nella vita; non solo nella corsa. 
Mentre la seguivo ogni tanto mi guardavo intorno e mi accorgevo di quante persone ci fossero nel coro dei "Forza Luisa" nel sentimento di orgoglio per una Grande Donna, schiva, presente sempre, di un piccolo passo indietro, silenziosa e concreta: riferimento intelligente e generoso nei confronti della "sua" ASD Palermo 13,30 e degli uomini e donne che ne fanno parte;
So istintivamente - ne sono convinta - che Luisa fino all'ultimo, soprattutto nel tratto prima dell'arrivo in cui per lei esserci deve essere stato pesante, abbia sentito la Voce di tutti noi che quasi abbiamo contato i suoi passi,che abbiamo sostenuto il suo andare momento per momento.

Che fantastica avventura,Luisa e che fantastica persona sei tu.
Vivere emozioni pulite è impagabile...ti siamo tutti debitori.

 

Per la cronaca, Luisa Balsamo, è stata finisher al Tor des Géants 2014, in 99^ posizione assoluta, tagliando il traguardo di Courmayeur, venerdì 12 settembre alle 7.30.

I nostri più sentiti complimenti a Luisa Balsamo! 

Repost 0
Published by Adriana Ponari - Ultramaratone, maratone e dintorni - in Atleti
scrivi un commento
11 settembre 2014 4 11 /09 /settembre /2014 09:31

Tor des Géants® 2014 (5^ ed.). L'Italiano - e valdostano di Gressoney - Franco Collé sale sul gradino più alto del podio

 

L'italiano (valdostano di Gressoney) Franco Collé è salito sul gradino più alto del Tor des Géants 2014 (5^ edizione), portando Pro Trek al polso.
Quella che segue è la comunicazione ufficiale di Pro Trek sulla performance di Franco Collé.
 

Un immenso Franco Collè quello che oggi ha per primo tagliato il traguardo di Tor des Géants, competizione di endurance trail più estrema del mondo. Valdostano, classe 1978, per tre giorni consecutivi Franco ha corso ininterrottamente - lottando contro se stesso, il sonno, la fatica, sottoponendo il proprio fisico a uno sforzo oltre ogni limite e facendo esclusivo affidamento sulle proprie forze - tagliando infine il traguardo in un tempo incredibile di 71h49’. 

Da domenica 7 settembre - data della partenza del Giro dei Giganti - Franco Collè si èriposato in totale meno di 2 ore, percorrendo l’incredibile distanza di 330 km e 24.000 m di dislivello positivo e incrementando il distacco sul secondo classificato di oltre 5 ore nel tratto finale. 

Incredibile ed emozionante performance quella di Collè, che ha confermato una tenacia e una forza di volontà sbalorditive, completando per primo una gara equivalente a quasi 8 maratone in lunghezza 3 volte il monte Everest in altezza

 Tor des Géants® 2014 (5^ ed.). L'Italiano - e valdostano di Gressoney - Franco Collé sale sul gradino più alto del podioAd accompagnare il neo campione verso la vittoria, un orologio PRO TREK PRW-3000un segnatempo in grado di superare le prove e le avventure più sfidanti. Concepito per outdoor, escursionismo e alpinismo, PRO TREK è stato il compagno ideale per fornire al runner indicazioni essenziali, come i dislivelli affrontati, le variazioni nell’altitudine, i tempi, l’orario di alba e tramonto... tutti dati fondamentali per poter condurre al meglio una competizione ai limiti della resistenza umana come il Tor. 

Partito in testa al gruppo dei top runner, Franco ha inizialmente accusato alcuni problemi muscolari che gli hanno fatto perdere quasi 2h30 rispetto al primo. Ma da gigante qual è, ha resistito fino all’ultimo, adottando una strategia di micro-riposi, mantenendo ovviamente un passo molto sostenuto e facendo leva esclusivamente sulla propria forza di volontà. 

Abbiamo seguito con grande trepidazione la gara di Franco Collè. Una prova davvero grandiosa, da vero gigante. Si corre anche di notte, nel buio pesto, con torce frontali e in piena solitudine. Solo ogni tanto qualche check-point dove bere the caldo e assumere calorie, giusto qualche micro-sonno per recuperare le energie”, ha commentato un emozionato Giuseppe Brauner, Sales and Marketing Director di Casio Italia. “Un caldo afoso anche in vetta, insolito per questi luoghi, ha purtroppo costretto al ritiro molti corridori, tra cui anche alcuni top runner. Un’incredibile forza di volontà e una grande resistenza hanno però condotto Franco Collè verso il vertice della classifica. Un’eccellenza fisica e una forza d’animo davvero degne di nota - la stessa eccellenza che mettiamo nella creazione dei nostri PRO TREK. Siamo davvero molto orgogliosi di aver creduto in lui. Bravo Franco, sei il re des Géants! Grazie alla tua passione, oggi anche il nostro PRO TREK è sul gradino più alto del podio!

 

 
Tor des Géants® 2014 (5^ ed.). L'Italiano - e valdostano di Gressoney - Franco Collé sale sul gradino più alto del podioPRO TREK SPONSOR DEL TOR DES GÉANTS e di FRANCO COLLÈ. Per esaltare l’animo intrepido degli sportivi più audaci al mondo, PRO TREK ha scelto di sponsorizzare la quinta edizione di Tor des Géants in qualità di Official Timekeeper della manifestazione. 

Un enorme totem di PRO TREK ha attirato l'attenzione del pubblico ed è stato ed è tutt'ora molto utile per seguire la gara e il tempo di percorrenza. 

 Prima e unica gara al mondo a unire una lunghissima distanza all'individualità del corridore, il Tor è una manifestazione sportiva agonistica senza pari: 330 km e 24.000 mdi dislivello positivo percorribili in una sola tappa, a velocità libera, per un massimo di 150 ore (poco più di 6 giorni) in regime di semi-autosufficienza. Il tracciato - con partenza e arrivo Courmayeur - si snoda lungo le due Alte Vie della Valle d'Aosta. Paesaggi mozzafiato di una bellezza unica osservano gli atleti intenti ad affrontare i giganti Monte Bianco, Monte Rosa, Gran Paradiso, Cervino, solo per citare i più celebri. 

 

Tor des Géants® 2014 (5^ ed.). L'Italiano - e valdostano di Gressoney - Franco Collé sale sul gradino più alto del podio

Repost 0
Published by Comunicato Pro Trek - in Atleti
scrivi un commento
18 agosto 2014 1 18 /08 /agosto /2014 22:24

Campionati europei di atletica 2014. A Zurigo, importante risultato di Ruggero PertileAi Campionati europei di Atletica di Zurigo, importante risultato in  maratona di Ruggero Pertile, campione di Assindustria Sport che conquista un buon 7° posto, "di cuore e grinta". Il titolo di Maratona se lo aggidica l'italiano Daniele Meucci.

«Non è stato facile correre qui, ci ho provato. - ha dichiarato Pertile al termine della gara - A Meucci ho detto: vai a vincere»

Finisce con Ruggero Pertile che, in braccio la figlia Alice, scherza col vincitore Daniele Meucci e gli rovescia una bottiglietta d’acqua fresca in testa. A Zurigo, l’Europeo del campione di Assindustria Sport Padova si chiude con un importante settimo posto: ha portato a termine la sua maratona in 2 ore 14’18”.

«Non è stato facile affrontare questa gara, ci ho provato» - le prime parole sul traguardo di Pertile. - «Ho accusato qualche problema di crampi a metà corsa ma, come al solito, ci ho messo il cuore e la grinta per portarla a termine. Sono arrivato a questo appuntamento dopo una buona preparazione, ma con alle spalle anche sei-sette mesi di infortunio: sapevo che mi mancava qualcosa. Ho comunque cercato di tenere alto il ritmo, perché sapevo che così avrei aiutato Meucci: non l’avevo detto a nessuno, ma dentro di me ero convinto che questo sarebbe stato il suo giorno. Ora sono contento per lui, che ha un grande futuro davanti a sé nella maratona: l’avevo visto “girare” bene, e così, all’ultimo giro, gli ho detto: “vai a vincere”. Oggi ringrazio tutti quelli che mi hanno sostenuto: mia moglie Chiara, mia figlia Alice, gli amici che mi hanno seguito qui, Assindustria Sport e i supermercati Alì che da sempre mi accompagnano».

 

La gara è stata animata dalla fuga del polacco Chabowski, scattato intorno al decimo chilometro (31’11” il suo passaggio, col gruppetto degli inseguitori, nel quale erano presenti anche Pertile, Meucci, Lalli e Ricatti, a 31’19”). Il battistrada incrementa il suo margine, passando a metà prova in un’ora 04’45” (un’ora 05’34” per Pertile, Lalli e Meucci). Chabowski raggiunge il massimo vantaggio intorno al venticinquesimo chilometro (1’10”), poi il gruppo si rifà sotto e poco prima del trentacinquesimo parte l’assalto di Meucci che supera l’atleta polacco. Il quarantenne “Rero”, nono al trentacinquesimo (un’ora 50’07), recupera due posizioni già al quarantesimo chilometro (2 ore 07’06”) mantenendo la settima piazza sul traguardo.

 

Nella classifica di Coppa Europa di maratona gli azzurri si piazzano quarti (6 ore 46’58”) a dieci secondi dal bronzo della Svizzera. Trofeo alla Russia (6 ore 46’04”) davanti alla Francia (6 ore 46’29”).
Il terzo italiano all’arrivo è il ventiduenne Michele Palamini che conclude il suo battesimo in Nazionale al trentaduesimo posto (2 ore 21’3”).
Ritirati, invece, gli altri tre azzurri Andrea Lalli, Liberato Pellecchia e Domenico Ricatti.



Nella foto (Fidal Colombo/Fidal) Ruggero Pertile sul traguardo di Zurigo con la figlia Alice

Repost 0
Published by Comuncato stampa Assindustria - in Atleti
scrivi un commento
14 agosto 2014 4 14 /08 /agosto /2014 16:30

Campionati Europei di Atletica a Zurigo. Domenica 17 agosto, Ruggero Pertile correrà la Maratona, confidando in una medaglia

Domenica 17 agosto 2014, di mattina, Ruggero Pertile, il campione di Assindustria Sport, correrà la maratona ai campionati continentali di Zurigo. Pertile: "Una medaglia europea per i miei quarant'anni. Sarà una gara difficile, ma non mi nascondo". A tifare per lui anche la figlia Alice

E’ atterrato a Zurigo mercoledì sera. Quattro giorni di anticipo rispetto alla gara in cui, domenica mattina, alle ore 9, proverà a recitare un ruolo da protagonista. Ruggero Pertile è pronto per la maratona dei campionati europei di atletica leggera, in programma nell’ultimo giorno della rassegna continentale.

Il campione azzurro di Assindustria Sport, che lo scorso 8 agosto ha compiuto quarant’anni, evita i proclami ma, allo stesso tempo, non vuole nascondersi: «Non sarà facile salirci, ma punto a quel podio che quattro anni fa, a Barcellona, ho solo sfiorato, chiudendo al quarto posto per via dei crampi» spiega Pertile. «Ho perso diversi mesi di preparazione per un problema al piede ma ora sto bene e nello scorse settimane ho svolto allenamenti importanti».

L’avere scollinato gli “anta” ha regalato a “Rero” nuovi stimoli. «In una gara come quella di domenica conterà l’esperienza, che certo non mi manca, e il fatto di non avere più molte altre occasioni a livello internazionale mi dà ulteriori motivazioni. In queste settimane mi ha fatto piacere trasmettere qualcosa agli atleti più giovani del gruppo azzurro, potendomi allenare con qualcuno, cosa che non mi capitava spesso in passato».

Proprio nel gruppo azzurro è presente uno dei possibili “rivali” nella corsa alle medaglie: «Meucci è in condizione e potrà dire la sua. Ma occorrerà guardarsi anchedallo svizzero Rothlin, padrone di casa e campione in carica, e dal polacco Szost, che ai Giochi olimpici di Londra mi è arrivato davanti. E poi occorrerà tener conto del caldo che troveremo e del percorso, di quattro giri, con una salita di un chilometro e 300 metri e una discesa non facile da affrontare. Credo che la gara si deciderà in salita, al penultimo o all’ultimo giro, dopo una prima parte più tattica».

 A sostenerlo e a regalargli ulteriore carica la figlia Alice. «Sarà a Zurigo assieme a mia moglie Chiara: è il primo evento internazionale in cui mi vedrà dal vivo. Con loro anche un gruppo di circa venticinque amici/tifosi di Villanova di Camposampiero e Padova». Ma a tifare per lui ci saranno pure tutta la squadra di Assindustria Sport e i colleghi di Alì, la catena di supermercati da sempre al suo fianco. Chi non sarà a Zurigo potrà seguire la maratona in tv su Rai Sport 1 dalle ore 8.50 e su Eurosport dalle 8.45.

 

 

Nella foto Ruggero Pertile si laurea campione italiano sul traguardo della Unesco Cities Marathon 2013

Repost 0
Published by Comunicato stampa assindustria Padova Sport - in Atleti
scrivi un commento

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Elenco Degli Articoli

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche