Overblog Segui questo blog
Administration Create my blog
10 aprile 2016 7 10 /04 /aprile /2016 08:39
Running Revolution. Un recentissimo saggio espone l'Abc del Metodo Pose, con un'apertura ad ampio raggio dalla teoria alla pratica

In Running Revolution di recente pubblicato da Sperling &Kupfer (Collana I Grilli), 2016) Nicholas Romanov e Kurt Brungardt, espongono l'Abc del Metodo Pose (natural Running), inizialmente messo a punto da Romanov e spiegano con una serie di incalzanti capitoli, arricchiti da schemi, diagrammi, figure stilizzate, come migliorare il proprio metodo di corsa, con una struttura didattica che, partendo dalla teoria, arriva per ogni segmento del volume, all'applicazione pratica in funzione degli obiettivi che si intendono realizzare.
In esso viene applicato l'assioma portante delle teorie di Romanov secondo cui la costruzione di un'atleta deve curare in primo luogo la sua tecnica di corsa e, migliorando questa in un'incessante sforzo incrementale, si avranno ripercussioni positive sulla velocità dell'atleta e sulla sua resistenza, oltre che in una minore tendenza all'infortunio.
Nell'ambito di questo metodo viene data particolare rilevanza alla corsa a piedi scalzi come strumento di allenamento (non obbligatorio in senso assoluto, ma utile) e, conseguentemente, all'appoggio sull'avampiede.
Un libro per tutti, indipendentemente dalla disciplina di corsa praticata.

Running Revolution, Sperling & Kupfer, 2016Il concetto di natural running nasce dal pose running, una tecnica di corsa ideata da Nicholas Romanov, un ricercatore e preparatore atletico russo.
Romanov, particolarmente attivo come preparatore atletico negli anni ’70 e ’80 del XX secolo, riteneva che, in linea generale, i preparatori atletici dei runner fossero propensi a dare notevole importanza all’incremento di velocità e resistenza e al miglioramento delle caratteristiche cardiovascolari e respiratorie dell’atleta, finendo per mettere la tecnica di corsa in secondo piano. Romanov aveva notato che quanto più il carico allenante aumentava tanto più insorgevano infortuni e pensò che questo problema poteva essere in parte risolto rivalutando l’importanza della tecnica di corsa. Propose quindi una tecnica che, indipendentemente dalla velocità e dalla distanza percorsa, potesse essere adatta a tutte le categorie di runner.
Tale tecnica è appunto il Pose running (noto anche come Metodo Pose (Pose Method - Become a Better Athlete) o Pose Tech, come da definizione di Romanov).
I sostenitori del Pose running ritengono che tale tecnica eviti un’eccessiva sollecitazione delle articolazioni.

(dalla presentazione del volume) Il corpo umano è nato per correre ed esiste un modo naturale per farlo sfruttando al meglio la nostra biomeccanica, facendo lavorare muscoli e articolazioni senza danneggiarli e raggiungendo la massima velocità e resistenza. La sedentarietà, scarpe sbagliate e tecniche discutibili hanno modificato la postura naturale che possiamo vedere in qualsiasi bambino che corre.
Con il metodo Pose Romanov, preparatore di fama internazionale che ha vinto per due volte le Olimpiadi con i suoi atleti, ha messo a punto una tecnica che in primo luogo risponde a domande fondamentali quali: - Atterrare sul tallone significa correre nel modo sbagliato? (Sì) - Dovrei appoggiare per primo l'avampiede? (Sì) - Dovrei correre a piedi nudi? (Non necessariamente).
In secondo luogo permette di correre sfruttando al meglio la forza di gravità, aumenta la percezione del proprio peso e delle sensazioni consentendo un ottimale controllo del gesto atletico.
Il metodo Pose spiega sia ai principianti sia ai corridori esperti (compresi gli ultramaratoneti e gli ironmen) tutto quello che c'è da sapere per padroneggiare un modo più sicuro e più efficiente di correre, capace di garantire il miglioramento delle prestazioni (velocità, resistenza, forza), ridurre al minimo l'usura del corpo e quindi continuare a correre per tutta la vita.

Nicholas RomanovGli Autori. Nel corso della sua quarantennale carriera, il dottor NICHOLAS ROMANOV, preparatore sportivo di livello internazionale e per due volte allenatore di una squadra olimpica, ha condotto le sue ricerche in tutto il mondo, inclusi Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Sudafrica e Nuova Zelanda. Creatore del famoso metodo Pose, ha fondato la Romanov Academy for Sports Science per l'insegnamento delle tecniche di allenamento sportivo, improntate alle sue teorie.
Oggi esistono migliaia di specialisti tecnici certificati per l'insegnamento del metodo in tutto il mondo, compresa l'Italia.
Il Pose è stato adottato come metodo ufficiale da importanti istituzioni e organizzazioni, come l'Esercito degli Stati Uniti e CrossFit, e da varie squadre sportive di livello professionistico come le nazionali di Triathlon britannica, statunitense e russa. Nicholas Romanov vive a Miami.
KURT BRUNGARDT si occupa di sport e fitness da quasi vent'anni. Ha scritto dieci libri sul fitness e sull'allenamento sportivo, tra cui alcuni bestseller. Vive a New York.

Il Metodo Pose ci insegna a recuperare ciò che facevamo correttamente in modo istintivo da bambini!
Da quando lo seguo non so più cosa sono i dolori articolari da corsa...»

Fabrizio Duranti (Medicina dello Sport)

Indice


Introduzione. Correre come i migliori al mondo
- Il nostro corpo è fatto per correre
- Correre è un'abilità
- La corsa è un'attività atletica

Parte prima. Prepararsi alla postura di corsa
Una storia personale della corsa. Il mio viaggio dalla Russia agli Stati Uniti
Il sistema percettivo. La chiave per imparare
- La posizione elastica - Informazioni sensoriali - Consapevolezza - Sensazioni - Combinare gli elementi
Il diario di corsa. Monitorare i progressi
- Il legame mente corpo - Il profilo personale - Obiettivi - Preparazione focalizzata - Analisi postsessione - Reinquadramento - Riflessioni e sensazioni
Scegliere e usare le scarpe giuste... o nessuna. Trovare la calza perfetta
- La scarpa da corsa ideale: piatta, bassa e flessibile - Correre a piedi nudi - Solette ortopediche: come liberarsene?
Riprese video. Conoscere la propria falcata
- Come filmarsi - Pianificare le riprese - Analisi della corsa in sei punti
Preparazione motoria. Migliorare la mobilità
Esercizi di potenziamento. Consolidare forza e stabilità

Parte seconda. Dieci lezioni
Introduzione alle lezioni. Conoscere a fondo i principi della corsa
- Struttura delle lezioni
- Programmazione delle lezioni
Prima lezione. Il piede
- Tecnica: l'appoggio di avampiede decostruito
-Esercizi per la percezione del peso corporeo
- Allenamento
Seconda lezione. La postura di corsa
- Tecnica: assumere la postura di corsa
- Esercizi
- Allenamento
Terza lezione. La caduta
- Tecnica: imparare a cadere - Esercizi: come lasciarsi cadere - Allenamento
Quarta lezione. La trazione
- Tecnica
- Esercizio: sostituzione del piede di appoggio
- Allenamento
Quinta lezione. Combinare i movimenti in sequenza
- Anatomia di una falcata
- Tecnica
- Esercizio psicofisico per la falcata
- Allenamento
Sesta lezione. Il tendine di Achille
- Tecnica: l'appoggio di avampiede riveduto e corretto
- Esercizio: salto con movimento in avanti
- Allenamento
Settima lezione. La postura di corsa riveduta e corretta
- Tecnica: come ottenere ogni volta una postura di corsa perfetta
- Esercizio: sostituzione del piede di appoggio con movimento in avanti
- Allenamento
Ottava lezione. La fase di caduta riveduta e corretta
- Tecnica: cadere come un corridore
- Esercizi di caduta riveduti e corretti
- Allenamento
Nona lezione. La fase di trazione riveduta e corretta
- Tecnica
- Esercizi per la trazione riveduti e corretti
- Allenamento
Decima lezione. Combinare gli elementi (ancora una volta)
- Tecnica
- Esercizio di visualizzazione
- Verifica tecnica
- Confronto tra i diversi tipi di appoggio del piede al suolo
- Allenamento

Diploma. Godetevi il momento
- Gli errori più comuni

Parte terza. Il circuito di corsa
Introduzione al circuito di corsa. Passare al livello successivo
Diventare allenatori di se stessi. Superare ogni sfida

  • Analisi video della postura di corsa - Analisi video della fase di caduta - Analisi video della fase di trazione - Analisi video della parte superiore del corpo - Correggere gli errori
  • Portare le strategie di allenamento al livello successivo
  • Il circuito di corsa. Prepararsi alla transizione
  • Esercizi di potenziamento muscolare: aggiornamento - Struttura del circuito di corsa - Individuare e correggere gli errori - Verificare e correggere l'appoggio del piede - Verificare e correggere la caduta - Verificare e correggere la fase di transizione - Qualcosa da amare
  • Esercizi per individuare e correggere gli errori

Correggere su terreni diversi. Una guida per tutti i tipi di superficie

  • Tapis roulant
  • Trail running
  • Corsa sulla sabbia
  • Corsa in salita
  • Corsa in discesa

Gli infortuni più comuni. Prevenzione e trattamento

  • Dolori al ginocchio
  • Infiammazione della bandelletta ileotibiale
  • Fascite plantare
  • Periostite
  • Lombalgia
  • Tendinite di Achille
  • Quando le ricette non funzionano


Parte quarta. Raggiungere i propri limiti
Scimmia attiva, scimmia pigra. Come calcolare la quantità di allenamento necessaria al vostro corpo
Programmi di allenamento. Per 5000 e 10000 metri, mezza maratona e maratona
- Le gare: 5000 e 10000 metri, mezza maratona, maratona
Correre per tutta la vita. Rimanere in salute, divertirsi stabilire nuovi record personali
Appendice. Una sintesi
- Regole per una corretta tecnica di corsa - Errori più comuni nella corsa - Tabella di valutazione dell'esercito degli Stati Uniti - Anatomia di una falcata - Analisi della corsa in sei punti

Glossario
Indice degli esercizi
Ringraziamenti

Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni - in Tecnica e strumentazioni - oggetti d'uso Letture e film
scrivi un commento
3 agosto 2015 1 03 /08 /agosto /2015 04:34
Redbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunningRedbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunning
Redbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunning
Redbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunningRedbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunningRedbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunning

3030 metri di dislivello positivo in poco meno di 10 chilometri: Red Bull K3 è l’evento che ha rivoluzionato la scena dello skyrunning. Dopo il grande successo dello scorso anno, l'edizione 2015 della competizione di “triplo chilometro verticale” prenderà il via da Susa (Torino) il prossimo 8 agosto, quando atleti professionisti e amatori saranno chiamati ancora una volta ad affrontare l’ascesa alla vetta del Rocciamelone, a 3538 metri di altezza.

Sito ufficiale

Dopo il successo dello scorso anno, l’8 agosto ritorna Red Bull K3, detta anche il "triplo chilometro verticale", l’evento che sulle Alpi piemontesi, ha rivoluzionato il panorama dello skyrunning. Oltre 3.000 metri di dislivello positivo spalmati in poco meno di 10 chilometri, un triplo chilometro verticale riservato a pochi atleti professionisti e amatori, purché in grado di compiere una vera impresa.
La partenza è fissata da Susa (Piazza savoia), in provincia di Torino, e gli atleti taglieranno il traguardo in vetta al monte Rocciamelone, a quota 3.538 metri di altezza.
Le donne partono alle 9.00, mentre gli uomini alle 9.30.
Sono previste porte cronometriche molto rigorose, appositamente per sfoltire il numero dei partecipanti che, al termine della loro fatica, si raccoglieranno, sulla ristretta cime che è il punto di arrivo.
La selezione quindi è stata nella precedente edizione e sarà in questa fortissima.

Antonio PalzerAi blocchi di partenza ci sarà anche Anton Palzer, il giovane tedesco del team Dynafit astro nascente dello scialpinismo, che si prepara alla stagione invernale con allenamenti e competizioni di corsa in montagna.
Il 22enne atleta bavarese sarà facilmente riconoscibile perché indosserà le nuove scarpe Feline Vertical Pro che ha ricevuto e messo alla prova con ottimi risultati già all'inizio di questa stagione agonistica, e che verranno distribuite in negozio nella prossima primavera. A dispetto del nome la new entry nella famiglia Dynafit non è una scarpa dedicata solo alle gare Vertical, dove alle scarpe si richiede soprattutto peso ridotto. È un modello più eclettico, che si sposa benissimo anche con le esigenze di ogni skyracer che cerca, oltre alla leggerezza, velocità e reattività, con un grip di assoluto valore. Così come nella attrezzatura invernale racing dell’azienda del leopardo delle nevi la colorazione è bicolor (per esempio lo scarpone e lo sci di destra sono magenta e quelli di sinistra verdi), lo stesso total look viene riproposto anche nella collezione estiva di scarpe e abbigliamento dedicato all'alpine running.
E come lo scorso anno Dynafit, brand di riferimento per chi ama la montagna in stile dinamico, è al fianco dell’organizzazione come sponsor tecnico: gli atleti al via della Red Bull K3 troveranno nel pacco gara le headband Dynafit personalizzate con il prestigioso logo della manifestazione.
Chi è Dynafit? Nel 2003 Dynafit, originariamente un’azienda austriaca produttrice di scarponi da sci, è stata integrata nel gruppo Salewa/Oberalp. Quasi 200 collaboratori a livello mondiale vivono quotidianamente per lo sport e il marchio, la cui filosofia, ossia produrre prodotti tecnici su misura per lo scialpinismo, il trail running e la mountain bike si rispecchia nella stretta collaborazione con gli atleti. Il marchio con il leopardo delle nevi è sinonimo di Speed, Lightness, Performance e Technology. In inverno come in estate: speed up!

Redbull K3 (triplo chilometro verticale) 2015 (2^ ed.). Ritorna l'evento che ha rivoluzionato il mondo dello skyrunning
Repost 0
25 luglio 2014 5 25 /07 /luglio /2014 07:11

Intebike Awards 2014. Il modello MTB KHS SIXFIFTY 7500 sarà forse nominata la Mountain Bike dell'anno

 

KHS SixFifty 7500 mountain bike dell'anno? Ci sarà anche lei tra le cinque finaliste della prima edizione degli Interbike Awards; i premi saranno assegnati durante il Galà in programma l'11 settembre a Las Vegas, nell'ambito di Interbike che è la fiera di riferimento in Nord America per gli operatori dell'industria della bicicletta. Gli organizzatori di Interbike si sono affidati alle testate del gruppo Hi-Torque Publications (Mountain Bike Action, Road Bike Action, Electric Bike Action e BMX Plus!) per stilare l'elenco delle candidature, categoria per categoria, dei prodotti più innovativi per il 2014. Quali sono i requisiti per la nomination? L'oggetto deve essere in produzione nella stagione in corso e deve essere stato testato dai collaboratori delle riviste.

Evidentemente quest'anno Mountain Bike Action ha individuato nelle biciclette enduro, segmento in rapido sviluppo sia tecnicamente che commercialmente, le più meritevoli di gareggiare per il nuovo e prestigioso riconoscimento. KHS SixFifty 7500 è stata eletta in un gruppo di assoluto valore assieme a prodotti di colossi come Giant Trance Advanced 27.5 Specialized S-Works Enduro 29, oppure di aziende eccellenti come Intense Tracer T275 Carbon e Pivot Mach 6.

Intebike Awards 2014. Il modello MTB KHS SIXFIFTY 7500 sarà forse nominata la Mountain Bike dell'annoDalla selezione per eleggere la mountain bike dell'anno emerge che al momento il diametro-ruota più gradito dai tester per la pratica am/enduro è il 650b/27.5” (quattro modelli su cinque) anche se Specialized, che soltanto nel 2015 proporrà mountain bike con ruote nel diametro intermedio, ha comunque concepito un mezzo di assoluta eccellenza con ruote da 29”, inoltre i tester trovano più funzionale la tramissione 1x11 (quattro su cinque), mentre il materiale più usato per il telaio delle enduro finaliste è la fibra si carbonio (quattro su cinque). Dal canto suo KHS SixFifty 7500 spicca per essere l'unica col telaio in lega di alluminio a testimonianza della bontà di un progetto che ha portato i tecnici della casa di Rancho Dominguez a concepire una mtb robusta ma leggera (12.2 kg), performante in salita come in discesa, anche grazie a un angolo di sterzo di 66.5° e al nuovo schema ammortizzante FSS (Floating Shock Suspension)che ha stupito per il suo rendimento. SixFifty 7500 è probabilmente la mountain bike che meglio incarna la storia recedente di KHS, a cominciare dal diametro delle ruote su cui lo storico marchio americano ha investito per primo già nel 2009, sino alla scelta dello schema ammortizzante messo a punto in anni di competizioni ai massimo livelli dai ragazzi del KHS Factory Racing Team. In effetti è stata soprattutto la capacità di spianare le discese ad accomunare nei giudizi positivi i tester di Mountain Bike Action, pur nel contesto di un modello completamente riuscito. Intebike Awards 2014. Il modello MTB KHS SIXFIFTY 7500 sarà forse nominata la Mountain Bike dell'annoSulla componentistica scelta dai tecnici KHS non c'è molto da aggiungere, basta elencarli: ammortizzatore Fox Factory Float CTD e forcella FOX Factory 34 Float Fit CTD 15QR con comando remoto (160mm di escursione ant/post), trasmissione SRAM X01 a 11 velocità con cassetta SRAM XG-1195 10/42D, ruote DT Swiss M1700 Spline 27.5” (quick release da 15mm all'anteriore, perno passante e mozzo 12x142 al posteriore), coperture Maxxis Ardent da 2.25” e cannotto sella telescopico KS Lev Dx con comando remoto al manubrio.

Infine il prezzo al pubblico dove KHS SixFifty 7500 si assicura un altro primato (a parte Giant che ha un allestimento più economico): 4.999 euro sono una cifra importante ma nettamente inferiore, anche di alcune migliaia di euro, rispetto alle dirette concorrenti al titolo di IB Mountain Bike of The Year 2014.

Per informazioni: info@irontrust.i

 

Repost 0
18 marzo 2014 2 18 /03 /marzo /2014 22:17

Acea Maratona di Roma (20^ ed.). Brooks alla Maratona di Roma, con imperdibili omaggi per tutti Quante novità nel 2014 da parte di Brooks! Prima la presentazione della nuova Transcend, calzatura che sta rivoluzionando il mercato running ed ora alla Acea Maratona di Roma vi sarà in anteprima la possibilità di vedere la nuova collezione Heritage.

Ma non basta. A Roma vi sarà una originale concezione di stand espositivo destinato a fare scalpore. L’appuntamento è a partire da giovedì 20 a sabato 22 marzo quando Brooks sarà presente all'Expo della Maratona di Roma, la 42,195 km più partecipata d’Italia. L’invito da parte di tutto lo staff  Brooks è quello di passare a trovarlo per conoscerlo direttamente e vivere in prima persona lo spirito Run Happy che da sempre contraddistingue Brooks.

Diverse le iniziative previste.
Si potrà usufruire di promozioni nuove ed uniche, con la possibilità di ricevere tantissimi regali Brooks. Non si può mancare!

VENDITA ONLINE*. Gli esperti Brooks saranno a disposizione di tutti i maratoneti aiutandoli a fare un acquisto immediato ed online sul sito brooksrunning.it . In omaggio vi sarà una splendida Speedplay jacket da uomo oppure una Glycerin jacket da donna (*Valore 79,95 Euro), del tutto gratuita!

BROOKS HAPPY HOUR**. Dalle 13.00 alle 14.00 o dalle 17.00 alle 18.00 tutti sono invitati a venire a vistare lo stand Brooks. Durante L’Happy Hour sempre con l’ausilio degli esperti Brooks sarà possibile acquistare una Transcend e ricevere  una Pure Cadence o una Pure Flow del tutto gratuita!

BEST SELLER. Chi desidera correre da ora in poi con le nostre calzature Brooks più famose come Glycerin, Ghost o Adrenaline potrà farlo sempre acquistandole al nostro stand. Per l’occasione in regalo una divertente t-shirt…Run happy (*Valore 19,95 Euro).

Innovazione, fantasia, sorriso, ingredienti che da ormai un secolo contraddistinguono Brooks Running. L’occasione alla Maratona di Roma è unica e fantastica.

Acea Maratona di Roma (20^ ed.). Brooks alla Maratona di Roma, con imperdibili omaggi per tutti

Happy Hour…Run Happy

 

Acea Maratona di Roma (20^ ed.). Brooks alla Maratona di Roma, con imperdibili omaggi per tutti


 

Brooks, leader nel settore delle attrezzature sportive, nasce a Philadelphia nel 1914. Da un secolo supporta gli sportivi di tutto il mondo con materiali di grande qualità e tecnologie avanzate. La sua missione è invogliare le persone a correre e vivere attivamente, grazie a prodotti innovativi che permettono di correre più a lungo, più veloce e con maggiore sicurezza, ma soprattutto più piacevolmente. Attenta da sempre alla salute e all’ambiente, riceve nel 2006 il riconoscimento di Runners Word "Green award" per i progressi ambientali nella fabbricazione delle sue calzature e nel 2002 il modello Adrenaline GTS riceve il premio Runner's World "Best Update Award" e una medaglia d'oro Running Network per la categoria "Best renovation".

Repost 0
Published by Comunicato stampa (Cesare Monetti) - in Tecnica e strumentazioni - oggetti d'uso
scrivi un commento
10 febbraio 2014 1 10 /02 /febbraio /2014 19:18

Sono arrivate le mie nuove scarpe da running. E' amore o passione?(Elena Cifali) Sono arrivate!

Sono arrivate le mie Mizuno nuove di zecca!

E’ venerdì pomeriggio, inizio il mio turno di lavoro quando il portiere dello stabile mi chiama: Signora, c’è un pacco per lei, che faccio, lo mando su con l’ascensore?

Dopo pochi minuti ho già la scatola tra le mani, ma sono al lavoro e non ho tempo di aprirla, devo finire una relazione e devo fare in fretta.

Tornando a casa, poso la scatola sul sedile dell’automobile, di fianco a me, le parlo, anzi parlo con “loro”, quasi potessero rispondermi.

Dopo circa un’ora di giuda, sono finalmente arrivata a destinazione. Mi sfilo il cappotto e inizio a scartare il pacco.

Con calma, come se stessi facendo qualcosa di sacro, col rispetto che si da alle cose importanti.

Eccole!

Finalmente! Sono bellissime, splendide, luminose, quasi completamente bianche, con dei toni di azzurro, violetto e nero.

Le tocco, le accarezzo, le giro e le rigiro, le annuso, le scruto in ogni loro minimo particolare.

Controllo l’esattezza del numero e, dopo aver sfilato le formine di cartone dall’interno, le indosso.

Indossarle è quasi come far l’amore, le sento mie, mi calzano perfettamente. Il mio piede, comodo nel suo alloggio, si trova nell’unico posto in cui vorrebbe essere, dentro la sua amata.

E’ un amore profondo quello che mi lega alle scarpe con cui corro, un amore lungo moltissimi chilometri.

Le guardo e, con tutta me stessa, desidero poterle usare al più presto.

Ma è venerdì sera, fuori fa freddo ed è buio, non posso certamente uscire adesso per provarle.

E, poi, le scarpe da corsa nuove hanno bisogno di essere coccolate qualche giorno all’interno delle mura domestiche prima di essere usate.

Sono belle, candide e forti, come una bella donna.

Le amo da subito: è un amore che si ripete ad ogni acquisto, un amore che nasce ad ogni nuovo paio.

Ma è amore o passione?

Sono arrivate le mie nuove scarpe da running. E' amore o passione?Forse, entrambi. La passione con cui le allaccio, con cui le accudisco dopo ogni allenamento o dopo ogni gara è un sentimento che chi non corre non può provare.

La passione con cui loro abbracciano e stringono in una dolce morsa i miei piedi è unica.

Come ogni storia d’amore, ogni tanto, litighiamo anche noi. Litighiamo quando dopo 42 km il loro abbraccio è così potente da farmi venire le vesciche. Litighiamo quando dopo 86 km, stanche di girare in tondo in una pista d’atletica mi pungono e tagliano la pelle al punto da farla sanguinare.

Ma poi siamo sempre là, facciamo pace, ci stringiamo forte “laccio a laccio” e ricominciamo ad amarci.

Le scarpe da running non sono semplicemente scarpe, sono di più: amiche, compagne, amanti. Sono quelle che sostengono il tuo corpo, sopportando le tue pedate, sono quelle che - anche se stanche e consumate - hanno sempre voglia di allacciarsi a te.

Ho provato a cambiare marca, ma c’è un vecchio detto che non sbaglia: Il primo amore non si scorda mai!

Repost 0
Published by Elena Cifali - Ultramaratone, maratone e dintorni - in Tecnica e strumentazioni - oggetti d'uso
scrivi un commento
1 febbraio 2014 6 01 /02 /febbraio /2014 06:24

Presentate in Italia le nuove Brooks Transcend: sarà come correre tra le nuvole...

 

E' arrivata la Transcend, la nuova rivoluzionaria calzatura targata Borooks che, in Italia sarà in vendita dal febbraio 2014. Alla presentazione ufficiale di pochi giorni fa, tanti i giornalisti e i testimonial presenti.

Sono arrivate dallo spazio, promettono che sarà ‘come correre sulle nuvole’ e così si sono fermate nel plumbeo cielo di Milano, lassù davvero tra le nuvole al 39esimo piano di Palazzo Lombardia. Fuori il buio, la pioggia, la ‘Milano by Night’ illuminata…dentro il calore di un centinaio di ‘amici’ richiamati dal fascino di una nuova star: la 
Transcend, la nuova rivoluzionaria calzatura di Brooks.

Tanti giornalisti presenti, sia del settore del running sia degli ambienti più fashion, ma anche atleti e triathleti, grandi campioni come l’Ironman Daniel Fontana che gareggia sempre per il Brooks Team che proprio ieri le ha indossate per la prima volta. E già si dice che non le ha volute più togliere: “Sono comodissime, morbide, le utilizzerò senz’altro nei miei allenamenti per preparare i cinque Ironman di altissimo livello che voglio correre quest’anno. Magari chissà…riusciranno a farmi realizzare il mio grande sogno, vincere l’Ironman delle Hawaii”.

 

Presentate in Italia le nuove Brooks Transcend: sarà come correre tra le nuvole...Ad aprire la serata Marco Rocca numero uno di Brooks Italia mentre la doverosa spiegazione tecnica affidata a Bradley Fisher Footwear Merchandising manager di Emea con traduzione in simultanea da parte del Tech Rep. Riccardo Rosi. La sensazione generlae? Era come fluttuare nell’aria, una nuova sensazione che solo i possessori di Transcend potranno provare.

 

Transcend regala un’esperienza di corsa intensa ed eccitante che assicura lo ‘sweet spot’(“dolce impatto”) ad ogni passo. 
Abbiamo avviato il nostro progetto pensando a quella sensazione di euforia provata da tutti i corridori – il runner’s high (“sballo del corridore”). Questa sensazione straordinaria ci ricorda quanto può essere forte e intensa l’esperienza della corsa. Guidati da questa ispirazione, e con la scienza dalla nostra parte, abbiamo creato il modello Float.

 

Scopri di più sulla Transcend, (clicca qui), e sintonizzati con lo spirito che da ormai cent’anni anima Brooks. Per fare questo sono sufficienti due parole diventate il nostro motto: RUN HAPPY!

 

 

  • Questa calzatura... 

La nuova tecnologia guida e supporta il tuo appoggio: Rivoluziona la stabilità tradizionale aiutando le tue anche, ginocchia ed articolazioni a muoversi entro la loro traiettoria di movimento mentre tu corri – il tutto senza sostegni tradizionali.

  • ...cambierà... 

Il tallone ideale allinea il tuo appoggio: Assicura un impatto più naturale e morbido del piede sul terreno.

  • ...tutto. 

La tomaia morbida garantisce confort al tuo piede: Una tomaia senza cuciture che integra i lacci consente un adattamento completo e ottimale alle diverse forme di piedi.

 

  • L’idea di comfort...

Super DNA garantisce un ammortizzamento adattabile:  Fornisce il 25% in più di ammortizzamento e si adatta in modo ottimale ad ogni tuo passo.

  • ...sarà ridefinita.

Aree di appoggio che distribuiscono la pressione in modo uniforme: Migliora il comfort dei tuoi piedi distribuendo la pressione in modo uniforme nel tallone, nella parte mediale e in quella anteriore. 

 

Presentate in Italia le nuove Brooks Transcend: sarà come correre tra le nuvole...Già presentata a livello internazionale nell’agosto 2013…
Finalmente è arrivata anche in Italia la nuova calzatura di Brooks che rivoluzionerà tutto!

“Durante lo sviluppo della linea Pure Project, nei nostri sforzi di definire al massimo l’esperienza del correre con la sensazione dell’essere a piedi nudi, chiamato ‘Pure’, abbiamo realizzato che esistono comunque tantissimi altri runners che invece credono ed amano calzature che prevedono ammortizzamento e protezione. Settore che noi chiamiamo ‘Float’ – ha dichiarato Jon Teipen, Brooks Footwear Product Line Manager La Transcend è la prima calzatura indirizzata da nuove e complesse tecnologie che permettono nel suo insieme di ottenere una corsa fluida, con il supporto che viene in soccorso del corridore solo quando viene richiesto – ha continuato Jon Teipen - Le tecnologie della Transcend entrano così in azione quando serve, aiutando ed assecondando in maniera differente ogni singolo appoggio. Ogni runner sarà così assecondato in maniera personalizzata, e non con un semplice ed univoco sostegno antipronazione, in ogni istante della sua corsa”.

 

La rivoluzione del running. Transcend regala un’esperienza di corsa intensa ed eccitante che assicura lo ‘sweet spot’(“dolce impatto”) ad ogni passo. Abbiamo avviato il nostro progetto pensando a quella sensazione di euforia provata da tutti i corridori – il runner’s high (“sballo del corridore”). Questa sensazione straordinaria ci ricorda quanto può essere forte e intensa l’esperienza della corsa. Guidati da questa ispirazione, e con la scienza dalla nostra parte, abbiamo creato il modello Float.

Lasciati alle spalle le tradizionali regole del comfort ed esplora le nuove dimensioni e soluzioni di ammortizzamento con il nuovissimo modello Brooks Transcend: puntando all’obiettivo di ottimizzare l’esperienza Float, ogni elemento di questa scarpa è stato concepito impiegando le nostre conoscenze biomeccaniche.

Presentate in Italia le nuove Brooks Transcend: sarà come correre tra le nuvole...Abbiamo progettato una pianta più stretta nella zona del tallone e più larga nella parte anteriore del piede, disperdendo la pressione provocata dall’impatto. La nuova tecnologia che conferisce un effetto “guida” contribuisce a spingere delicatamente e accompagnare il tuo piede nel suo ideale percorso durante il movimento. Super BioMoGo DNA, rinforzo del tallone Pebax, doppia scanalatura Omega Flex - e l’elenco può andare avanti. È semplice: il design specificatamente studiato riuscirà a sconvolgere la tua mente. Riassemblaggio della testa…non incluso!

 

 

Le caratteristiche. La Transcend introduce cinque tecnologie che lavorano insieme per garantire un’esperienza unica:

 

  1. Super DNA – Il materiale ammortizzante di Brooks si evolve con questo modello con un incremento delle prestazioni del 25%.
  2. Guide Rails  - Sostegni specifici inseriti nell’intersuola che rivoluzionano i tradizionali sistemi ‘antipronazione’, permettendo alle articolazioni di muoversi in maniera naturale e ritrovare il proprio equilibrio durante la corsa.
  3. Zone Ideali di Pressione – Trasformano l’abituale idea di comfort distribuendo equamente la pressione dell’appoggio nel tallone, nel mesopiede e nell’avampiede.
  4. Tallone Ideale – Allinea l’appoggio per rendere la corsa più naturale e facile.
  5. Tomaia Morbida – Una combinazione di materiali premium che si adattano al piede di ogni runner, per un comfort eccezionale.

 

Il commento di Gabriele Abate, Brooks Team Italia, vicecampione del mondo di corsa in montagna: "Brooks Transcend, primo test 13 km su asfalto, in notturna, temperatura esterna 3 gradi: Ottima sensazione e calzata a primo impatto. Ho avuto la sensazione di calzare una Brooks Pure e una Glycerine 11 insieme. Come spiegarmi…sensazione di avere una Pure Flow ma con ammortizzazione di una Glycerin 11. Dunque il meglio sul mercato in questo momento, una scarpa per tutti e per fare tutto”.

 

 

Guarda il video

 

 

 

 

Repost 0
30 gennaio 2014 4 30 /01 /gennaio /2014 22:16

Tecnologia Garmin. Garmin GPSMAP64: sono smart i nuovi portatili per l'outdoorLa serie GPSMap64 rappresenta la nuova generazione di portatili dedicati agli escursionisti evoluti.
Sviluppati partendo dall’ormai storica serie GPSMap62, i nuovi navigatori satellitari di casa Garmin si caratterizzano per affidabilità e assoluta precisione.
Robusti e impermeabili, i GPS della serie Map64 hanno un’antenna ad alta sensibilità compatibile sia con il sistema GPS che con il sistema satellitare dell’area russa, Glonass.
Inoltre i GPSMap64 hanno un display TFT  da 2.6” e facilmente consultabile sotto la luce del sole. Per garantire la più alta affidabilità è stato implementato un sistema a doppia alimentazione che permette l’utilizzo della batteria Garmin NiMH agli Ioni Litio o l’inserimento di batterie AA tradizionali.
Da sottolineare la connettività wireless per consentire l’utilizzo di nuove funzioni quali il Live Tracking o per ricevere direttamente sullo strumento (GPSMap64s o Map64st) notifiche dal proprio smartphone.

Garmin non hai mai smesso di investire nella fascia alta dei GPS palmari dedicati all’escursionismo evoluto o alla navigazione professionale. E così l’inizio del nuovo anno coincide con la presentazione del nuovo GPSMap64, dotato di uno schermo da 2.6" perfettamente leggibile alla luce diretta del sole e di una antenna Quad Helix GPS eGLONASS ad alta sensibilità, per una più rapida e precisa acquisizione del segnale. Robusto e impermeabile, il GPSMap64 ha 4GB e 8GB per il modello 64st di memoria interna dove salvare tracce o waypoint  ed  è dotato di uno slot per micro SD card sia per aumentarne ulteriormente la memoria che per utilizzare una delle tante cartografie TOPO, stradali, nautiche del catalogo Garmin. 

Ideale per il geocaching viene fornito con 250.000 cache prevaricate complete di  suggerimenti e descrizioni, ovviamente consultabili anche dal portale www.geocaching.com . Il nuovo GPSMap64 ha un’autonomia di circa 16 ore così da poter essere utilizzato anche durante lunghe uscite, garantendo all’utente informazioni sempre precise per la propria sicurezza, e in caso di esaurimento della batteria è possibile inserire batterie AA tradizionali.

Garmin GPSMap64s e GPSMap64st sempre connessi. Due i modelli di riferimento: GPSMap64s e GPSMap64st. A differenza del modello GPSMap64, i 64s/ 64st sono dotati di altimetro barometrico e bussola a tre assi. Attraverso la connettività wireless Bluetooth è possibile utilizzare funzioni quali il Live Tracking o usare applicazioni comeBaseCamp Mobile e Garmin Connect Mobile. Sarà inoltre possibile associarli al proprio SmartPhone ricevendo e visualizzando così notifiche di chiamata, sms, avvisi del calendario e E-Mail direttamente sul dispositivo senza dover interrompere l’escursione per prendere il cellulare dalla tasca o dallo zaino (compatibile con iPhone 4S e versioni successive e con Android  2014).
Tramite protocollo ANT+ è possibile associare i GPSMap64 a una fascia cardio, sensore di temperatura esterno tempe™, food pod, sensore di velocità/cadenza per MTB o usarlo come telecomando per VIRB, la nuova action cam di Garmin. Il Garmin GPSMap64st rappresenta il top di gamma della serie GPSMap64 e racchiude al suo interno tutte le caratteristiche fin qui elencate, oltre ad avere precaricata la mappa topografica Recreational europea in scala 1:100.000.

 
Per informazioni: www.garmin.com 

 
Su Garmin. Garmin International Inc. è una filiale di Garmin Ltd. (Nasdaq: GRMN), leader mondiale nella navigazione satellitare. Dal 1989 l’azienda progetta, produce, commercializza e vende strumenti e applicazioni – la maggior parte delle quali utilizza la tecnologia GPS – per la navigazione, la comunicazione e la trasmissione di informazioni. I prodotti Garmin vengono impiegati nei settori automotive, mobile, wireless, outdoor, nautica, aviazione e per applicazioni OEM. Garmin Ltd ha sede in Svizzera, e le sue filiali principali si trovano negli Stati Uniti, Taiwan e Regno Unito. In Italia, il gruppo è rappresentato da Garmin Italia Spa.
Garmin è un marchio registrato. Tutti i marchi e nomi dei prodotti Garmin sono registrati, di proprietà di Garmin Ltd o delle sue filiali. Tutti gli altri brand, nomi dei prodotti, nomi aziendali, marchi e servizi sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutti i diritti sono riservati.
Repost 0
8 gennaio 2014 3 08 /01 /gennaio /2014 19:08

Garmin vívofit™. Arriva la fitness band che dà valore ad ogni singolo passo e che consente un monitoraggio delle abitudini di vitaDa Garmin con vívofit™ arriva la fitness band che si muove al ritmo della vita di chi la possiede. vívofit™ è da indossare sempre: durante il giorno ci fornisce indicazioni sul numero di passi, calorie bruciate e chilometri percorsi, mentre durante la notte è in grado di monitorare i periodi di sonno. Il risultato è un continuo controllo del livello di attività fisica di chi lo indossa. È possibile assegnare un obiettivo giornaliero personalizzato e seguire i propri miglioramenti tramite Garmin Connect. Compatibile con la fascia cardio, vívofit™ è impermeabile e possiede una batteria della durata di circa un anno.

Nasce vívofit™, la fitness band di casa Garmin che aiuta a vincere la pigrizia e aiuta ad acquisire uno stile di vita sano e sportivo. Le buone intenzioni diventano abitudini durature, perché vívofit™, memorizzando il livello di attività, offre un obiettivo giornaliero personalizzato, tenendo traccia dei miglioramenti e avvisando il possessore quando è ora di fare del movimento. Infatti, una volta raggiunti i risultati prefissati, vívofit™ stabilisce l'obiettivo per il giorno seguente, conducendo gradualmente verso uno stile di vita sempre migliore. 

Leggero, comodo da portare e dai colori variegati, vívofit™ diventerà presto un compagno insostituibile della propria quotidianità.

Garmin vívofit™. Arriva la fitness band che dà valore ad ogni singolo passo e che consente un monitoraggio delle abitudini di vitaCaratterizzato da un display dalla forma ricurva per un maggior comfort, vívofit™ resta in funzione giorno e notte, 24 ore su 24, mostrando dati quali calorie bruciate, passi compiuti, distanze percorse, oltre che funzionare da orologio. La batteria di lunga durata ha un’autonomia di circa un anno. E’ inoltre resistente all’acqua fino a 50 metri di profondità, così da potere essere indossato anche sotto la doccia o resistere a intemperie e a un improvviso acquazzone. E’ compatibile tramite tecnologia ANT+ con la fascia cardio (opz.) da utilizzare durante gli allenamenti o sessioni di fitness.
 
Vívofit™ sarà presentata e esposta presso lo stand Garmin al CES di Las Vegas 2014.
Per un’anteprima è disponibile il link: www.garmin.com/vivo

«Con vívofit™ abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti verso i nostri utenti per fornire loro uno strumento di uso quotidiano che andrà a dare preziosi suggerimenti. – ha dichiarato Maria Aprile, Marcom Manager Garmin Italia - Il poter fissare obiettivi, i dati raccolti durante il giorno, come distanze percorse e calorie bruciate, oltre che alle indicazioni sulla qualità del sonno, lo rendono senza dubbio un prezioso alleato per cercare di migliorare il nostro stile di vita. Per questo dovrebbe essere davvero al polso di tutti».

Alzati e cammina! Le ricerche dimostrano che periodi prolungati di inattività, come ad esempio lo stare seduti alla scrivania, riducono la produzione da parte dell'organismo di enzimi in grado di bruciare i grassi. È possibile invertire questa tendenza interrompendo le attività quotidiane per fare un po’ di attività: a volte anche una breve passeggiata nell'arco della giornata può essere il primo passo verso uno stato di benessere. Come avviene tutto questo? Semplice: per esempio, dopo un’ora di inattività, su vívofit™ viene visualizzata una barra motivazionale sullo schermo che avvisa se si rimane seduti troppo a lungo. Per far sparire la barra, è sufficiente rimettersi in movimento.

Mantenersi in attività. Per una forma fisica migliore vívofit™ dispone di funzioni aggiuntive di carattere motivazionale. È possibile utilizzare una fascia cardio per registrare i dati relativi alla frequenza cardiaca e calorie bruciate durante qualsiasi attività fisica nell’attività quotidiana. Per controllare quante calorie si sono bruciate, è possibile collegarsi al proprio account Garmin Connect™. Ciò consente di confrontare il consumo calorico rispetto alle calorie totali bruciate che sono state registrate da vívofit nell'arco della giornata. Inoltre, sul sito di Garmin Connect™, è possibile partecipare a sfide online con altri utenti vívofit™ o con gli amici. 

Garmin vívofit™. Arriva la fitness band che dà valore ad ogni singolo passo e che consente un monitoraggio delle abitudini di vitaSempre con te. La nuova fitness band è instancabile: i miglioramenti vengono seguiti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per un anno intero, senza cambiare batteria. Con la modalità "riposo", prima di andare a dormire, vívofit™ registra la qualità del sonno: successivamente sul sito di Garmin Connect™, sarà possibile visualizzare le ore totali di riposo, ed i periodi di movimento. Impermeabile fino a 50 metri, vívofit™ può essere indossato sotto la doccia, in mare o in piscina senza problemi.

Monitorare i progressi. Tramite un pulsante, gli utenti possono sincronizzare vívofit™ in modalità wireless con Garmin Connect™, la più grande comunità online dedicata allo sport e all’outdoor, così da poter verificare i propri progressi. Sarà possibile calcolare le ore totali di sonno e la loro qualità, i periodi passati in movimento e tanto altro. Tutto ciò sarà possibile tramite un computer o smartphone utilizzando l'applicazione Garmin Connect™ Mobile. vívofit™ può essere anche usato in combinazione con i modelli Garmin per il running (Forerunner) o per il ciclismo (Edge), così da monitorare anche il tempo di recupero tra le sessioni di allenamento.

Seguire il cuore. Associando una fascia cardio a vívofit™ sarà possibile registrare la frequenza cardiaca e avere altri dati interessanti come le calorie bruciate, sia che si tratti di un allenamento indoor, che di una corsa o una pedalata in bicicletta.

Vivere a colori. vívofit sarà disponibile in diverse varianti colore alla moda, ideali sia per uomo che per donna. Dal semplice nero, al viola, dai vivaci blu e verde acqua fino ad arrivare alla particolarità del color ardesia. Tonalità che si adattano perfettamente alla quotidianità di tutti, per unire un tocco di stile al desiderio di un modo di vivere perfettamente sano.

Vívofit sarà disponibile a partire da Febbraio e avrà un prezzo al pubblico consigliato di 119,00 Euro. Disponibile anche una versione bundle con fascia cardio inclusa a 149,00 Euro. 

Per informazioni: www.garmin.com 

 
Su Garmin. Garmin International Inc. è una filiale di Garmin Ltd. (Nasdaq: GRMN), leader mondiale nella navigazione satellitare. Dal 1989 l’azienda progetta, produce, commercializza e vende strumenti e applicazioni – la maggior parte delle quali utilizza la tecnologia GPS – per la navigazione, la comunicazione e la trasmissione di informazioni. I prodotti Garmin vengono impiegati nei settori automotive, mobile, wireless, outdoor, nautica, aviazione e per applicazioni OEM. Garmin Ltd ha sede in Svizzera, e le sue filiali principali si trovano negli Stati Uniti, Taiwan e Regno Unito. In Italia, il gruppo è rappresentato da Garmin Italia Spa.
Garmin è un marchio registrato. Tutti i marchi e nomi dei prodotti Garmin sono registrati, di proprietà di Garmin Ltd o delle sue filiali. Tutti gli altri brand, nomi dei prodotti, nomi aziendali, marchi e servizi sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutti i diritti sono riservati.
Repost 0
Published by Ultramaratone, maratone e dintorni - in Tecnica e strumentazioni - oggetti d'uso
scrivi un commento
25 ottobre 2013 5 25 /10 /ottobre /2013 08:18

Garmin Tactix. Alta tecnologia e Garmin, leader mondiale nella navigazione satellitare, presenta Tactix™, GPS da polso robusto e ad alta sensibilità con design e funzionalità specifiche per soddisfare le esigenze estreme che il mondo outdoor a volte richiede.
Sviluppato  per l’allenamento trail running,  esplorazione e tanto altro, è dotato di altimetro, barometro, bussola a tre assi, il tutto per garantire una navigazione assolutamente precisa in spazi aperti. Il Tactix™ ha preinstallato il software Jumpmaster per l’utilizzo durante i lanci col paracadute.
Il colore nero opaco, il rivestimento in PVD nero e la lente bombata antiriflesso con retroilluminazione verde (che facilita la lettura dei dati anche con visori notturni) lo rendono uno strumento difficilmente individuabile. In questo modo non si compromette la posizione dell'utente durante attività particolarmente delicate, come interventi militari,di polizia o per utilizzo ludico come il soft-air.

 

Crescono sempre di più le funzionalità nei GPS da polso di ultima generazione: con Tactix™ Garmin conferma la propria leadership grazie and un GPS outdoor watch in grado di soddisfare sempre maggiori esigenze: dai lanci con il paracadute al controllo remoto per le action cam VIRB™.

 

Resistente e pronto a tutto. Il nuovo GPS Tactix™ è stato progettato per resistere agli agenti atmosferici e alle condizioni climatiche più difficili. Prevede una cassa posteriore in acciaio inox nera incisa al laser, garanzia di assoluta protezione in caso di urti e cadute; inoltre, la lente in vetro minerale, estremamente robusta , è antigraffio e non riflettente. Il suo display a cristalli liquidi è chiaro e di facile lettura e prevede la sola modalità in “negativo” per un uso notturno o di scarsa illuminazione che rende impossibile l’individuazione del dispositivo per attività in incognito. Previsto in una colorazione total black, tactix™ è un GPS watch estremamente preciso e affidabile, ma allo stesso tempo può essere indossato tutti i giorni come un normale orologio dal “combat look”. Impermeabile fino a 50 metri, con una sola carica ha un’autonomia fino a 50 ore in modalità UltraTrac, 16 ore in modalità GPS e fino a 5 settimane in modalità orologio.

 

Garmin Tactix. Alta tecnologia e Navigazione completa. Tactix™ vanta un set di funzioni tali da poter impostare e pianificare escursioni, creare percorsi, memorizzare fino a 1.000 waypoint, come ad esempio punti di ritrovo, zone di atterraggio, potenziali aree di sosta e accampamento. Gli utenti potranno registrare facilmente la loro posizione lungo tracce e sentieri, o seguire coordinate e direzioni verso i waypoint preimpostati, geocache o lungo qualsiasi altra destinazione. L’utente sarà guidato in modo chiaro da una freccia di navigazione presente sullo schermo dello strumento, mentre la funzione TracBack™ lo riporterà al punto di partenza in caso di smarrimento, di emergenza o di cattive condizioni atmosferiche. Utilizzando l'applicazione BaseCamp™ sarà possibile pianificare e condividere con amici e familiari, viaggi, escursioni e tante avventure. Inoltre, grazie alla tecnologia ANT+, tactix™ permette di condividere in modalità wireless dati quali: tracce, waypoint, rotte, geacache e altro, dialogando direttamente con altri dispositivi Garmin compatibili o con smartphone supportati dall’applicazione BaseCamp™. Non ultimo, tactix™ fungendo da radiocomando ANT+ è in grado di dialogare anche con Virb™, la nuova action cam di Garmin, gestendone avvio, spegnimento dei video e non ultimo per scattare foto

 

L’ABC* dell’outdoorGarmin Tactix™ è dotato di altimetro, barometro e bussola a 3 assi che funziona in posizione verticale e in posizione sdraiata ed immobile, così da essere in grado di fornire informazioni precise e in tempo reale su cambiamenti climatici, posizione, elevazione durante salite e discese etc. Abbinato a tempe™, tactix™ sarà in grado di rilevare con precisione la temperatura esterna. Ovviamente fornisce indicazioni su distanza, velocità, tempo trascorso, andatura e calorie, permettendo utente di monitorare la propria attività fisica e i risultati di allenamenti e competizioni. Compatibile con la fascia cardio Garmin e con i sensori di velocità/cadenza.

 

Il nuovo Garmin Tactix™ sarà disponibile ad un pezzo consigliato al pubblico a partire da 449,00 Euro.

 

Per informazioni: www.garmin.com

 

 

Su Garmin. Garmin International Inc. è una filiale di Garmin Ltd. (Nasdaq: GRMN), leader mondiale nella navigazione satellitare. Dal 1989 l’azienda progetta, produce, commercializza e vende strumenti e applicazioni – la maggior parte delle quali utilizza la tecnologia GPS – per la navigazione, la comunicazione e la trasmissione di informazioni. I prodotti Garmin vengono impiegati nei settori automotive, mobile, wireless, outdoor, nautica, aviazione e per applicazioni OEM. Garmin Ltd ha sede in Svizzera, e le sue filiali principali si trovano negli Stati Uniti, Taiwan e Regno Unito. In Italia, il gruppo è rappresentato da Garmin Italia Spa.

Garmin è un marchio registrato. Tutti i marchi e nomi dei prodotti Garmin sono registrati, di proprietà di Garmin Ltd o delle sue filiali. Tutti gli altri brand, nomi dei prodotti, nomi aziendali, marchi e servizi sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutti i diritti sono riservati.

 


Ufficio stampa “Fitness & Outdoor Division”
LDL COMunicazione
Ilaria MESSA
ilaria@ldlcom.it
Tel. 035.4534134
Repost 0
Published by Comunicato stampa (Fitness&Outdoor Division) - in Tecnica e strumentazioni - oggetti d'uso
scrivi un commento
22 ottobre 2013 2 22 /10 /ottobre /2013 21:32

Con Garmin Approach S4, il Golf è smart e touchscreen: un compagno di gioco per guidare il golfista in 30.000 campi da golf nel mondoCon Garmin Aprroach S4, in un unico strumento, è stato creato un compagno di gioco in grado di guidare lo swing di ogni golfista su 30.000 campi da golf nel mondo.
Garmin Approach S4 ha lo schermo touchscreen e la possibilità di visualizzare tutte le buche di un campo di gioco. Collegato con il proprio iPhone consente la ricezione di messaggi, chiamate in arrivo e appuntamenti. Layup e dogleg non sono più un segreto per il nuovo gioiello di casa Garmin, che svela al golfista la distanza front, middle e back dal green.

La famiglia Approach non finisce di stupire, anche oggi con l’arrivo dell’ultimo nato in casa GarminApproach S4.  Il nuovo GPS da polso per tutti gli amanti del golf ha lo schermo touchscreen perfettamente leggibile al sole, e prevede l’opzione con tasto dedicato “Green View” con cui visualizzare l’intero campo di gioco. A questo si aggiunga una batteria ricaricabile agli ioni di litio di durata fino a 10 ore in modalità golf GPS e 6 settimane in modalità orologio. Approach S4 ha precaricate le mappe di oltre 30.000 campi internazionali e prevede aggiornamenti gratuiti così da evitare la sottoscrizione ad abbonamenti supplementari. Tramite la funzione Smart Notification può essere associato (attraverso Bluetooth Low Energy) a iPhone 4s e superiori o con iOS7.0: lo strumento collegato in modalità wireless, permette di ricevere aggiornamenti su messaggi di posta elettronica, messaggi, chiamate in arrivo ed è sincronizzato col calendario dello smartphone. 

Approach S4 è in grado di rilevare la distanza front, middle e back dal green, oltre che visualizzare i layup ed i dogleg. Inoltre, il nuovo scorecard digitale integrato consentirà ai giocatori di avere in qualsiasi momento informazioni sul numero di colpi effettuati. Dal design elegante e previsto in due varianti, bianco e nero, Approach S4 è un computer watch distintivo che può essere indossato in città, per uno stile unico e particolare.

«Il nuovo Approach S4 ridefinisce il concetto di tecnologia applicata al mondo del golf. L’alta risoluzione dello schermo touchscreen rende ancora più immediata e chiara la lettura dei dati, mentre la funzione Smart Notification permette di rimanere collegati al proprio smartphone anche durante un round, ma in modo assolutamente discreto – ha commentato Maria Aprile, Marcom Manager di Garmin Italia – Non ultima, la durata della batteria permette di utilizzare il GPS per un intero weekend dopo averlo ricaricato una volta sola. Approach S4 sarà senza dubbio apprezzato dagli appassionati di golf che cercano tecnologia, precisione e affidabilità».

Uno stile che dura nel tempo.Approach S4 è senza dubbio un GPS da polso dedicato al golf che non trova pari nel mercato: il suo schermo touchscreen è perfettamente leggibile anche esposto alla luce diretta del sole e può essere utilizzato anche indossando i guanti. Dal design ricercato e elegante, ha un peso di circa 58 grammi ed è impermeabile fino a 10 metri, uno strumento piccolo, leggero e comodo da indossare che racchiude in se tutta la tecnologia Garmin. 

Green View. Con la rivoluzionaria funzione Green View i giocatori potranno avere la visione reale del green su cui si trovano e posizionare, grazie allo schermo touchscreen, il pin così da poter prevedere il colpo con la massima precisione e accuratezza.

Velocità di gioco. Approach S4 porta altri vantaggi, tra cui l’aumento della velocità di gioco grazie al calcolo automatico della distanza verso la parte anteriore, centrale e posteriore del green, e altre informazioni come i punti di approccio layup ed idog-leg. I giocatori, inoltre, possono aggiungere waypont personalizzati, come ad esempio: posizioni di swing su differenti campio valutare la presenza di ostacoli (bunker, alberi) che potrebbero influenzare il proprio colpo.

Calcolo del punteggio. Tramite la funzione di scorecard digitale, tener traccia e calcolare il punteggio durante una partita sarà ancora più facile e veloce, oltre che assolutamente preciso. Ogni giocatore potrà rivedere i risultati ottenuti sul green direttamente sul dispositivo GPS o scaricando la versione stampabile dopo averli trasferiti sul proprio computer. Inoltre Approach S4 è in grado di tenere le statistiche dei colpi come il green in regulation ed i fairway hitper ogni buca, e mostrarle al termine di ogni round. L’interfaccia intuitiva e di facile utilizzo prevede anche i dati sulla distanza percorsa durante una partita e il tempo passato sul green. 

Il mondo a portata di polso. Approach S4 mette a disposizione dei golfisti le mappe di ben 30.000 campi nel mondo, tutte accessibili senza bisogno di dover sottoscrivere alcun abbonamento per gli aggiornamenti. Per i golfisti che viaggiano e giocano su green che non conoscono, o semplicemente per chi vuole analizzare il proprio gioco e accedere a dati precisi e assolutamente affidabili, Approach S4 sarà un compagno di gioco unico e insostituibile.

Il nuovo Approach S4 è disponibile al prezzo al pubblico consigliato di 329,00 Euro.

Per informazioni: www.garmin.com 

Su Garmin. International Inc. è una filiale di Garmin Ltd. (Nasdaq: GRMN), leader mondiale nella navigazione satellitare. Dal 1989 l’azienda progetta, produce, commercializza e vende strumenti e applicazioni – la maggior parte delle quali utilizza la tecnologia GPS – per la navigazione, la comunicazione e la trasmissione di informazioni. I prodotti Garmin vengono impiegati nei settori automotive, mobile, wireless, outdoor, nautica, aviazione e per applicazioni OEM. Garmin Ltd ha sede in Svizzera, e le sue filiali principali si trovano negli Stati Uniti, Taiwan e Regno Unito. In Italia, il gruppo è rappresentato da Garmin Italia Spa.
Garmin è un marchio registrato. Tutti i marchi e nomi dei prodotti Garmin sono registrati, di proprietà di Garmin Ltd o delle sue filiali. Tutti gli altri brand, nomi dei prodotti, nomi aziendali, marchi e servizi sono di proprietà dei rispettivi proprietari. Tutti i diritti sono riservati. Con Garmin 
Repost 0

Presentazione

  • : Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • : Una pagina web per parlare di podismo agonistico - di lunga durata e non - ma anche di pratica dello sport sostenibile e non competitivo
  • Contatti

About

  • Ultramaratone, maratone e dintorni
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.
  • Mi chiamo Maurizio Crispi. Sono un runner con oltre 200 tra maratone e ultra: ancora praticante per leisure, non gareggio più. Da giornalista pubblicista, oltre ad alimentare questa pagina collaboro anche con altre testate non solo sportive.



Etnatrail 2013 - si svolgerà il 4 agosto 2013


Ricerca

Il perchè di questo titolo

DSC04695.jpegPerchè ho dato alla mia pagina questo titolo?

Volevo mettere assieme deio temi diversi eppure affini: prioritariamente le ultramaratone (l'interesse per le quali porta con sè ad un interesse altrettanto grande per imprese di endurance di altro tipo, riguardanti per esempio il nuoto o le camminate prolungate), in secondo luogo le maratone.

Ma poi ho pensato che non si poteva prescindere dal dare altri riferimenti come il podismo su altre distanze, il trail e l'ultratrail, ma anche a tutto ciò che fa da "alone" allo sport agonistico e che lo sostanzia: cioè, ho sentito l'esigenza di dare spazio a tutto ciò che fa parte di un approccio soft alle pratiche sportive di lunga durata, facendoci rientrare anche il camminare lento e la pratica della bici sostenibile. Secondo me, non c'è possibilità di uno sport agonistico che esprima grandi campioni, se non c'è a fare da contorno una pratica delle sue diverse forme diffusa e sostenibile. 

Nei "dintorni" della mia testata c'è dunque un po' di tutto questo: insomma, tutto il resto.

Come nasce questa pagina?

DSC04709.jpeg_R.jpegL'idea motrice di questo nuovo web site è scaturita da una pagina Facebook che ho creato, con titolo simile ("Ultramaratone, maratone e dintorni"), avviata dall'ottobre 2010, con il proposito di dare spazio e visibilità  ad una serie di materiali sul podismo agonistico e non, ma anche su altri sport, che mi pervenivano dalle fonti più disparate e nello stesso tempo per avere un "contenitore" per i numerosi servizi fotografici che mi capitava di realizzare.

La pagina ha avuto un notevole successo, essendo di accesso libero per tutti: dalla data di creazione ad oggi, sono stati più di 64.000 i contatti e le visite.

L'unico limite di quella pagina era nel fatto che i suoi contenuti non vengono indicizzati su Google e in altri motori di ricerca e che, di conseguenza, non risultava agevole la ricerca degli articoli sinora pubblicati (circa 340 alla data - metà aprile 2011 circa - in cui ho dato vita a Ultrasport Maratone e dintorni).

Ho tuttavia lasciato attiva la pagina FB come contenitore dei link degli articoli pubblicati su questa pagina web e come luogo in cui continuerò ad aprire le gallerie fotografiche relative agli eventi sportivi - non solo podistici - che mi trovo a seguire.

L'idea, in ogni caso, è quella di dare massimo spazio e visibilità non solo ad eventi di sport agonistico ma anche a quelli di sport "sostenibile" e non competitivo...

Il mio curriculum: sport e non solo

 

banner tre rifugi Val Pellice 194x109

IAU logo 01
  NatureRace header
BannerRunnerMania.JPG
 banner-pubblicitario-djd.gif
VeniceUltramarathonFestival
supermaratonadelletna.jpg
LogoBlog 01
runlovers
atletica-notizie-01.jpg


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Pagine

Gli articoli più letti negli ultimi 30 giorni

 

ultrasportheader950.gif

 

 

Gli articoli più visti dal 24/03/2014 al 24/04/2014

Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 2 303
Articolo Virgin Money London Marathon 2014 (33^ ed.). L'evento è stato… 1 728
Home Ultramaratone, maratone e dintorni 579
Mobile Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 247
Articolo Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 241
Articolo Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 236
Mobile Ciao, Carmelo! Il commiato di Elena Cifali - Ultramaratone, maratone… 223
Mobile UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 206
Articolo UltraMilano-Sanremo 2014 (1^ ed.). Il sapore della sfida, a pochi… 196
Mobile Virgin Money London Marathon 2014 (34^ ed.). L'evento è stato… 134
Articolo Maratona del Lamone 2014. Podisti fanatici e ignoranti affermano: Ti… 118
Mobile A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 104
Mobile Corsa, fatalità e senso di responsabilità - Ultramaratone, maratone e… 103
Articolo A 98 anni suonati Giuseppe Ottaviani fa incetta di Ori a Campionati… 102

 

Statistiche generali del magazine dalla sua creazione, aggiornate al 14.04.2014

Data di creazione 12/04/2011
Pagine viste : 607 982 (totale)
Visitatori unici 380 449
Giornata record 14/04/2014 (3 098 Pagine viste)
Mese record 09/2011 (32 745 Pagine viste)
Precedente giornata record 22/04/2012 con 2847 pagine viste
Record visitatori unici in un giorno 14/04/2014 (2695 vis. unici)
Iscritti alla Newsletter 148
Articoli pubblicati 4259


Categorie

I collaboratori

Lara arrivo pisa marathon 2012  arrivo attilio siracusa 2012
            Lara La Pera    Attilio Licciardi
 Elena Cifali all'arrivo della Maratona di Ragusa 2013  Eleonora Suizzo alla Supermaratona dell'Etna 2013 (Foto di Maurizio Crispi)
            Elena Cifali   Eleonora Suizzo
   
   
   
   
   
   

ShinyStat

Statistiche